Cerca nel blog

giovedì 31 marzo 2011

Silvio Vigliaturo. MESCOLANZE


Un percorso artistico nell’Antico Testamento

A partire da domenica 22 maggio 2011, il Museo Ebraico di Casale Monferrato – spazio che ospita una delle collezioni di oggetti d'arte ebraica più importanti d’Europa –, ospiterà una personale dell’artista Silvio Vigliaturo, pittore e maestro del vetro di fama internazionale.

Il legame dell’artista con il mondo ebraico non è nuovo. Già nel 2006, il Museo Ebraico di Casale aveva chiesto a Vigliaturo di partecipare con una sua scultura alla collezione di opere d’arte contemporanea rappresentanti la Chanukkià – il lume a otto bracci che si accende durante la festa di Chanukah – in esso custodita. Nel novembre del 2010, la stessa scultura è stata esposta al MAHJ (Museo d’Arte e di Storia del Giudaismo) di Parigi.

Questa nuova mostra, significativamente intitolata Mescolanze, sarà un omaggio di Vigliaturo ai personaggi e agli eventi principali dell’Antico Testamento rappresentati tramite dipinti, sculture e installazioni.

L’abilità, propria dell’artista, di esprimersi efficacemente attraverso l’uso di più media, è già in sé sintomo di una riuscita mescolanza di tecniche: le maestose, eleganti e variopinte sculture in vetro non potrebbero esistere senza il segno sinuoso, quasi liquido, che trova spazio sulle sue tele, tanto che si potrebbe dire che nella produzione dell’artista, pittura e scultura formano un tutt’uno inscindibile.

La scelta di cimentarsi con le origini ebraiche dello spirito occidentale può essere letta come il bisogno dell’artista di manifestare un’eredità culturale che troppo spesso viene dimenticata o consciamente occultata. La Torre di Babele, Adamo ed Eva, Abramo, Il Diluvio e L’Apocalisse sono tutti miti e personaggi che fanno parte del nostro immaginario collettivo, tanto quanto le divinità e gli eroi greci e romani; come di questi ultimi – da sempre tra i soggetti prediletti dall’artista –, anche dei primi Vigliaturo restituisce al pubblico un’interpretazione affascinante nel suo aspetto estetico e nella sua capacità di comunicare allo spettatore un messaggio chiaro e immediato. Il mito, nella mani dell’artista, si fa simbolo contemporaneo, tanto nella forma quanto nel contenuto; portatore di un messaggio di cambiamento e di feconda mescolanza culturale e spirituale.

La mostra sarà accompagnata da un prestigioso catalogo edito da Priuli & Verlucca.

SILVIO VIGLIATUTO. MESCOLANZE

Un percorso artistico nell’antico testamento

Luogo: Museo Ebraico

Vicolo Salomone Olper, 44 – 15033 Casale Monferrato (AL)

Curatore: Andrew Brewerton

Vernissage: domenica 22 maggio 2011, ore 17.00

Periodo: dal 22 maggio al 5 giugno 2011

Orario: dal lunedì al venerdì 8.30-12.30; domenica 10-12 e 15-18; sabato chiuso

Info museo: tel. 014271807; segreteria@casalebraica.org; www.casalebraica.org

Info mostra: tel. 0119422568; maca@museovigliaturo.it; www.museovigliaturo.it

mercoledì 30 marzo 2011

LE DONNE DI VESNA, LIBRERIA SKIRA - TRIENNALE DI MILANO 31 MARZO 2011:


INVITO

31 marzo 2011 ore 18.00

Libreria SKIRA – Triennale di Milano
Viale Alemagna, 6 – Milano


LE DONNE DI VESNA
L’artista Vesna Pavan presenterà una selezione delle sue opere, figure femminili sensuali e volitive, innocenti e sofisticate, autentiche e protagoniste, colte nella sinuosità di un gesto, di un movimento.

Le opere, senza volto, saranno interpretate da personaggi femminili di spicco anche in professioni fino a poco tempo fa riservate al mondo maschile, rappresentando così con il loro vissuto la felice intuizione dell’arte di VESNA PAVAN.

Interverranno:

Cecilia Chailly, musicista, scrittrice e giornalista
Sandra Ciciriello, sommellier ristorante “Alice”
Marisa Errico, neurochirurgo, direttore Ospedale Macedonio Melloni
Nella Festi, architetto e designer
Gabriella Franchini, attrice
Sabina Malgora, egittologa

Le intervistera’ Andrea Bosco, giornalista, scrittore e drammaturgo.

Seguira’ aperitivo.
Si ringrazia Stefano Milanesi per lo Spumante Metodo Classico VESNA NATURE, 100% Pinot Nero

Ufficio Stampa:

Malvezzi Guandalini & Gattermayer Associati
Via Gustavo Modena 24 - 20129 Milano - Tel. +39 02 4966 4567
info@maguga.it
Mara Malvezzi mob. 348 3127471
Paola Gattermayer mob. 335 354303







lunedì 28 marzo 2011

Trento. Lamp&Rilamp, mostra interattiva sulle lampadine a basso consumo

LAMP & RILAMP
mostra itinerante sul recupero delle lampadine


Arriva a Trento martedì 29 marzo in Piazza Fiera Lamp&Rilamp 2011, la mostra interattiva sulle lampadine a basso consumo volta a sensibilizzare cittadini e scuole sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.

La mostra ha come obiettivo primario, dunque, quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp oppure di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come stabilito dal DM "Uno contro Uno" entrato in vigore il 18 giugno 2010.

"Con il 2011, dopo il successo delle due edizioni passate, arriveremo ad toccare ben 30 città, da Nord a Sud, isole comprese. – afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp – La mostra Lamp&RiLamp è nata per informare e sensibilizzare i cittadini verso le nuove raccolte differenziate, che sono ormai necessarie per far fronte alla mole crescente di rifiuti elettrici ed elettronici (Raee), tra cui le lampade a basso consumo di energia. Istituzioni, aziende, consumatori, tutti abbiamo il dovere di applicare comportamenti virtuosi e avere nuova consapevolezza dei nostri doveri per salvaguardare l'ecosistema così come la salute pubblica".

L'impegno di Ecolamp nella comunicazione segue quello nelle attività operative: in poco più di due anni in Italia il Consorzio ha raccolto oltre 1.270 tonnellate di sorgenti luminose esauste da cui sono stati recuperati più di 1.100 tonnellate di vetro, 51 di plastiche, 64 di metalli e 50 di mercurio e altre sostanze tossiche sono state sottratte alla dispersione nell'ambiente.


Area Stampa: www.ecolamp.it/comunicazione

Dreamy - Paola Sala solo artshow

La galleria d'arte Fabrica Fluxus continua con il suo percorso "Nuove Visioni", ciclo di mostre personali dedicate a percorsi artistici iper contemporanei, presentando questa volta i lavori di Paola Sala. Artista comasca classe '76 si diploma in pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1996 si occupa di pittura e di illustrazione. Il suo percorso pittorico è costellato da diverse mostre personali e collettive presso, fra le altre, la galleria LimitED (Mi), RoomArt (Mi), AMT gallery di Como, Paolo Maria Deanesi Gallery (Rovereto), La Luz De Jesus (Los Angeles, USA), Galerie Davide Di Maggio (Berlino)…Nel suo curriculm di illustratrice diversi premi, collaborazioni con case editrici fra cui la Mondadori e diverse pubblicazioni fra le quali ILLUSTRATORI ITALIANI ANNUAL 2006 e 2007 presentati a Bologna in occasione della Fiera del libro.

D.R.E.A.M.Y raccoglie l'ultima produzione dell'artista. Sono ritratti femminili conturbanti in cui troviamo tutte le caratteristiche del sentire contemporaneo, un percorso ibrido e contaminato da spunti iconografici che vanno dalla pittura fiamminga, al barocco, alle tematiche del corpo femminile, con toni che spaziano dal fiabesco al drammatico all'ironico, in un mix affascinate, seduttivo e perturbante tipico di questa nostra società postglobale. 
Bizzarre, oniriche, crepuscolari, dalla natura enigmatica le fanciulle di Paola Sala sono portatrici di uno stile minuzioso e sofisticato, di una tecnica meticolosa e classica quanto poetica e coinvolgente. Questa nuova cosmogonia a cui l'autrice da vita è leggera e vaporosa, costellata da frammenti di miti e leggende fusi con memorie, oscure e sinistre visioni tratte dalla più spietata quotidianità. Ogni opera è la tessera di un racconto aperto, di una narrazione frammentaria e delirante in cui il lato "nero" della società contemporanea viene rappresentato attraverso il filtro dell'ironia, dell'ambiguità, del paradosso.

D.R.E.A.M.Y.

Eroine di un racconto post-apocalittico, le creature di Paola Sala, esili ibridazioni tra bambole manga e spiriti boschivi, popolano da sempre l'immaginazione dell'artista comasca ed ingenuamente mostrano le nudità ai nostri occhi.Narrano di un tempo parallelo che scorre indolente intorno a paesaggi bucolici, e si condensa in cieli polverosi, sospesi su una probabile ambientazione arcadica, e dall'ammiccante richiamo a Van Goyen, Oudry e Giorgione. Evidenti sono i riferimenti alla pittura barocca da cui la Sala trae palesemente sia la componente iconografica, che la sapienza tecnica. Il processo creativo è lungo e scandito in più momenti, in cui una velatura di colore segue e si sovrappone all'altra fino a raggiungere il perfetto equilibrio cromatico, una composta simbiosi tra la tela, l'olio e l'oro. Questi ritratti dal legnoso sapore settecentesco sono trasognate istantanee che provengono da un metodico studio compiuto fin dai primi anni di attività dell'arte nord-europea, durante i quali l'artista riempie il suo bagaglio delle diafane visioni della pittura fiamminga, con la sua minuziosa rappresentazione della realtà e il suo non sempre svelato simbolismo, e di quella barocca maggiormente presente nei suoi ultimi lavori. Sebbene la manifattura ed il gusto della sua produzione siano un evidente atto di devozione agli stilemi della tradizione classica, i dipinti di Paola Sala mostrano però espliciti riferimenti alle culture contemporanee: dalla grafica fumettistica dei manga giapponesi, alle ironiche rappresentazioni ludiche del pop-surrealism e del low-brow. La pelle nivea e la sproporzione tra le teste e gli arti lunghi e affusolati ricordano i personaggi di Ray Ceasar e Mark Ryden. Alcune espressioni citano addirittura Yoshitomo Nara e Kathie Olivas. Queste entità al limite della deformazione caricaturale e dai corpi espressi in esili forme ovali, sono esseri dalle fattezze angeliche e dagli sguardi liquidi, persi in un orizzonte lontanissimo, ninfe immortalate nelle remote regioni del sogno. Compiono gesti semplici, come antichi rituali magici per invocare il passaggio delle stagioni o per cambiare direzione al vento. Ma si atteggiano anche in posture più tipiche del nostro tempo. Come nella serie "Casting", in cui l'artista pone le sue lattiginose creature davanti ad un obiettivo fotografico, facendole posare per un improbabile provino in cui, lungi dallo scegliere la più "adatta" al ruolo, si riflette piuttosto sul concetto di ripetizione dell'immagine, mai uguale a sè stessa, ma in continua mutazione e fuga dalla staticità. Quasi un esercizio di stile nel quale, con un sottile gioco ironico, l'attezione rimbalza dalle espressioni austere dei soggetti al buffo dettaglio del foruncolo sui loro volti. Minimi ma fondamentali sono i dettagli, non totalmenti comprensibili al primo sguardo, ma che aprono a molteplici interpretazioni. Spille, monili e piccoli oggetti sparsi per la scena, insieme a indumenti ed accessori di incerto accostamento, contribuiscono a rendere il ruolo di queste fanciulle in costante ridefinizione. Collane di perle, come animate da uno spirito vitale, fuoriescono dai loro nasi, dagli occhi e dalle bocche, forse un simbolo di intima purezza o magari metafore dell'anima opalescente che governa e manovra i loro corpi. Ed è proprio il corpo femminile il fulcro della ricerca artistica e semantica di Paola Sala. Un corpo che presta la propria bellezza al gioco, spesso violento, dell'esibizione, e risponde ad esso con un'ironia disarmante. E così un occhio tumefatto, o livido bluastro sulla pelle diventano "incidenti domestici", segni di una violenza che si vuole dissimulare, e si tenta di annullare con la spudoratezza di un sorriso sardonico. E allora nei sei dipinti di "Casting", la tela assume quasi una connotazione televisiva, uno strumento di tortura mediatica in cui le bambine s'improvvisano aspiranti "modelle", ognuna clone di sé stessa. Ma il pathos nei loro occhi ci disorienta e quello stupido brufolo, così fuori luogo ma ossessivo e prepotente, ci conforta. Ninfe, sante, vittime, innocenti e peccatrici, le donne di Paola Sala si ibernano nella tela per sopravvivere alle mode, agli stereotipi e alle corruzioni del nostro tempo, per librarsi leggere in un empireo fiabesco inviolato. Sembra quasi di sentire l'echeggiare delle loro voci, moderne sirene di una mitologia di nuova concezione.

Nico Murri
Roberta Fiorito

Marzo 2011

Artista: Paola Sala

Curatori: Roberta Fiorito, Nico Murri

Galleria: Fabrica Fluxus Art Gallery

Indirizzo: via Celentano, 39 - Bari (Italy)

Inaugurazione: sabato, 16 aprile 2011 ore 19:00

Durata: dal 16 aprile al 10 maggio 2011

Orari di visita: dal mercoledì al sabato (11:30-13:00 / 17:30-20:30) o su prenotazione

Biglietto: ingresso gratuito

Info tel: 080.5236319

Mail: fabricafluxus@gmail.com

Web: www.fabricafluxus.com

Paola Sala on Flickr


--
FABRICA FLUXUS
Art Gallery
Via Celentano, 39
70121 - Bari (Italy)
tel. +39 080.5236319

“Abbozzo Pittorico” XIII° Settimana della Cultura 9-17 aprile ‘11



In occasione della XIII° Settimana della Cultura , si svolgerà a Terni un convegno ed una esposizione, in collaborazione con l’azienda Maimeri spa, sul tema: l’ ”abbozzo pittorico” come fase iniziale del processo creativo di un’opera d’arte. L’abbozzo nel contemporaneo come cuore della pittura essendone la base fondamentale e spesso la sua essenza definitiva. Per l’esposizione: “i cartoni preparatori, il momento in cui la materia incontra lo spirito”.

Instancabile e infaticabile, Borozan ha riassunto il suo incredibile modo di fare arte in un’ antologia artistica “40 di maestro Igor Borozan” edita nel 2009.

Il volume fotografico ripercorre la sua vita rivolta all’arte, allo studio, alla conoscenza, alla sperimentazione. Le sue straordinarie attività: dalle installazioni urbane, alla notte in colore, all’esposizione virtuale di artisti spagnoli e italiani, alla pittura montenegrina contemporanea, raccontano la storia di un giovane artista che nella sua eclettica carriera è riuscito a fondere est ed ovest europeo in un contesto multietnico di ampio respiro e a trasmettere al mondo contemporaneo artistico la sua traccia, passione autentica, testimonianza di un passaggio avvenuto.

La sua “forma” è in continua evoluzione, l’uomo e l’artista non si fermano, sperimentano, si trasformano, muoiono e rinascono.

Nel suo nuovo prodotto editoriale, “Abbozzo pittorico”, elegante e sobrio contenitore, sono raccolti e catalogati schizzi, sensazioni prese al volo e poi elaborate in atelier, i suoi “abbozzi pittorici”, come tanti piccoli frame, raccontano un’altro viaggio dove vengono ripercorsi gli ultimi anni dell’incessante lavoro del maestro, uomo caparbio e contro corrente.

Il “bagno nella cultura spagnola”, una contaminazione creativa con la storia, l’arte, gli usi e i costumi di un grande Paese danno impulsi nuovi all’artista. Nella corrida, dove si sfidano uomo e morte, la camicia diviene elemento simbolo, riuscendo perfettamente ad esprimere la passione di un popolo, prima come mantilla, gonfia di polvere e vento nell’arena, poi come abito di scena nei teatri di flamenco. Borozan, immedesimandosi in questo straordinario mondo, crea ed esterna le sensazioni più profonde in maniera travolgente, spontanea, semplice e in un’incessante crescendo.

Impressionato e coinvolto da “Calè”, ultima opera di Cortès, produce quadri ispirati al flamenco e al ballerino andaluso, le creazioni “frenetiche” risentono fortemente della danza che riesce ad unire terra e spirito, carne e anima, nero e bianco. In questa occasione le sue camicie bianche si tingono di un tono scuro, cupo.

Nel 2010, per i 400 anni dalla morte di Caravaggio realizza una delle sue opere più visionarie, “sole e ombra di Caravaggio”, un’installazione urbana realizzata in contemporanea a Porto Ercole e a Terni: due camicie giganti interpretano rispettivamente la figure del grande maestro pittore Caravaggio e la sua vittima il ternano Ranuccio Tomassoni.

Le sue camicie, le innumerevoli versioni: disegnate, incise a torchio su carta, dipinte, realizzate in tessuto, poi sospese in aria, leggere e fluttuanti, parlano a chi le sa ascoltare a chi riesce a vedere, raccontano esperienze, città, luoghi, culture diverse che si incontrano e si fondono, con un linguaggio semplice e immediato. La sua energia è irrefrenabile.

Borozan, testimone artistico contemporaneo del fare arte a cavallo di due secoli, ci stupisce continuamente. Sorprendente, l’ultima sensazionale opera, la camicia misura XXL realizzata in carta rossa in occasione della ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia, in omaggio alla figura epica di Giuseppe Garibaldi.

Personalmente mi auguro che i giovani artisti, sfogliando le pagine di questo volume possano, non soltanto gustarne il racconto, ma farne tesoro, studiandone le tecniche e traendone spunti per i loro futuri lavori.

Al Maestro, “alla persona speciale”, un grazie infinito per non smettere mai di emozionarci con i suoi straordinari capolavori.

Silvana Tommasoni

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_1690815290.html

domenica 27 marzo 2011

NOT GDD #2 | ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI URBINO | 29 MARZO - 12 APRILE 2011




29 MARZO | 12 APRILE 2011

NOT GDD #2

a cura di Alberto Zanchetta & Serena De Dominicis

Il progetto NOT GDD nasce dal desiderio di ricordare quale fosse l'approccio artistico di Gino De Dominicis e quale sia stata la risposta destinatagli dal Sistema dell'arte. Ideato per la LABA di Brescia, il progetto viene ora riproposto all'Accademia di Belle Arti di Urbino con un allestimento che comprende documentazioni inedite e nuovi approfondimenti. Un allestimento ancora una volta in absentia, dunque: non una mostra di opere d'arte ma una mostra di critica d'arte che intende analizzare il lascito intellettuale di De Dominicis.

L'iniziativa è sospinta dalla necessità di restituire dignità all'artista che, salvo rare eccezioni, ha sempre sottratto la propria opera all'indiscriminata riproduzione fotografica. È noto come una visione personalissima dell'arte, e in particolare del proprio lavoro, portasse l'artista ad adoperarsi per mantenere un diritto di veto su apparizioni e riproduzioni; un'indicazione che non ha mai trovato un adeguato riscontro, al contrario, a pochi anni dalla scomparsa dell'artista si è tradotta in operazioni di vario genere che hanno sempre più ignorato/violato le disposizioni e le restrizioni adottate da Gino De Dominicis circa la fruizione della sua opera.

Di fronte alle problematiche insorte nell'ultimo decennio, si rende quindi necessaria una verifica dell'intera vicenda per fare luce sul testamento spirituale lasciatoci in eredità dall'artista. Per tali motivi NOT GDD può essere considerato come un invito alla riflessione, oltre che una caustica risposta alla retrospettiva Gino De Dominicis: l'Immortale tenutasi l'anno scorso al MAXXI di Roma.


NOT GDD#2

29 MARZO – 12 APRILE

martedì 29 ore 15

lectio magistralis

a seguire vernissage


ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI URBINO

via dei Maceri 2

61029 Urbino (PU)

Tel. 0722. 320287


Aula di decorazione

dal lunedì al martedì

9:30-13:00/14:30-18:00

ingresso libero



venerdì 25 marzo 2011

D.R.E.A.M.Y. - Paola Sala solo artshow - Fabrica Fluxus art gallery

Fabrica Fluxus Art Gallery

è lieta di presentare

D.R.E.A.M.Y

Paola Sala Solo ArtShow

a cura di Roberta Fiorito e Nico Murri

Sabato 16 Aprile

Ore 19.00

Via Celentano 39, Bari

In mostra dal 16 Aprile sino al 10 Maggio 2011

La galleria d'arte Fabrica Fluxus continua con il suo percorso "Nuove Visioni", ciclo di mostre personali dedicate a percorsi artistici iper contemporanei, presentando questa volta i lavori di Paola Sala. Artista comasca classe '76 si diploma in pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 1996 si occupa di pittura e di illustrazione. Il suo percorso pittorico è costellato da diverse mostre personali e collettive presso, fra le altre, la galleria LimitED (Mi), RoomArt (Mi), AMT gallery di Como, Paolo Maria Deanesi Gallery (Rovereto), La Luz De Jesus (Los Angeles, USA), Galerie Davide Di Maggio (Berlino)…Nel suo curriculm di illustratrice diversi premi, collaborazioni con case editrici fra cui la Mondadori e diverse pubblicazioni fra le quali ILLUSTRATORI ITALIANI ANNUAL 2006 e 2007 presentati a Bologna in occasione della Fiera del libro.

D.R.E.A.M.Y raccoglie l'ultima produzione dell'artista. Sono ritratti femminili conturbanti in cui troviamo tutte le caratteristiche del sentire contemporaneo, un percorso ibrido e contaminato da spunti iconografici che vanno dalla pittura fiamminga, al barocco, alle tematiche del corpo femminile, con toni che spaziano dal fiabesco al drammatico all'ironico, in un mix affascinate, seduttivo e perturbante tipico di questa nostra società postglobale. 
Bizzarre, oniriche, crepuscolari, dalla natura enigmatica le fanciulle di Paola Sala sono portatrici di uno stile minuzioso e sofisticato, di una tecnica meticolosa e classica quanto poetica e coinvolgente. Questa nuova cosmogonia a cui l'autrice da vita è leggera e vaporosa, costellata da frammenti di miti e leggende fusi con memorie, oscure e sinistre visioni tratte dalla più spietata quotidianità. Ogni opera è la tessera di un racconto aperto, di una narrazione frammentaria e delirante in cui il lato "nero" della società contemporanea viene rappresentato attraverso il filtro dell'ironia, dell'ambiguità, del paradosso.

giovedì 24 marzo 2011

Una camicia gigante di carta rossa: omaggio del maestro Igor Borozan per i 150 anni dell'unita d'Italia



Si tinge di rosso l'ultima "camicia" di Igor Borozan, omaggio a Garibaldi figura simbolo che incarna l'unita d'Italia nei 150 anni dalla sua costituzione. In occasione di questo importante compleanno, Borozan dedica la sua "icona artistica" a uno dei nomi protagonisti del Risorgimento e alla nascita della nostra nazione. Il colore bianco, che ha caratterizzato le camicie di Borozan sino ad oggi ultima quella dedicata al grande pittore Caravaggio, esposta in occasione del 400 anniversario dalla sua morte durante le scorse "Giornate Europee del Patrimonio" a Forte Stella pezzo Porto Ercole, ora lascia spazio al rosso, simbolo per eccellenza di passione, ardore, coraggio e forza. Allo spirito di Garibaldi e alla sua incredibile capacita' di vivere e' dedicata la grande camicia dicata ros esposta presso...Sara' visibile il giorno...Attraverso il filo sottile dell'arte scorrono forze straordinarie, quelle del pensiero e della creazione. Testimonianza tangibile che si puo' cambiare, migliorare noi stessi, la realta' di cui facciamo parte e la nostra cultura, pilastro sul quale si edifica una societa' civile e moderna.


martedì 22 marzo 2011

ROMA: 25 marzo 2011, inaugura il CLAC, una risposta coraggiosa ai tagli alla cultura

ROMA, 21 Marzo – A Roma il 25 marzo 2011 nel parco di Villa De Sanctis in via Casilina 675 alle ore 18: 30, il CLAC, inaugurerà la sua attività espositiva con la mostra

Il Viandante e la Sua Ombra.


Ad esporre alcuni tra i più interessanti artisti del panorama contemporaneo che si confronteranno, ognuno con i propri mezzi espressivi , senza alcuna censura o vincolo imposto, sull'unico dialogo scritto da Nietzsche: Alessandro Di Gregorio, Salvatore Melillo, Andrea Martinucci, Dorian Rex, Marco Rea (opere da collezione privata), Luca Lillo, Claudia Venuto, Vincent Bios, Valentina Majer, Marco Besana, Gloria Vanni,Chiara Fersini, Ignazio Fresu, Irene Salvatori, Francesca Fini, Fabrizio Jelmini.


Alessio Brugnoli, direttore artistico e curatore della mostra inaugurale, dichiara il suo intento di creare un nuovo centro di promozione dell'arte contemporanea emergente e non solo, in grado di rispondere alle esigenze culturali degli artisti e del pubblico contemporanei.


Lo spazio, fortemente voluto dai consiglieri comunali del VI Municipio Massimo Lucà e Gianluca Santilli, nasce con il preciso scopo di recuperare alla città l'area di Villa Fiori e diffondere l'arte nel territorio circostante.



La mostra è realizzata con il Patrocinio della Regione Lazio, della Provincia e del Comune di Roma e del VI Municipio.










Flavia Lanza Press Office

email:
Flavia.Lanza.Press@gmail.com
ph: +39 340_9245760

Via Achille Maiocchi, 12 - 20129 Milano
tel: +39 02_87391564



lunedì 21 marzo 2011

Arriva a Novara il truck Lamp&Rilamp 2011

Novara ospita l’ottava tappa della mostra polisensoriale di Ecolamp volta a sensibilizzare cittadini e scuole sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste

Da martedì 22 marzo a domenica 27 marzo - dalle ore 9.00 alle 19.00 – Piazza Puccini

Ingresso libero

Milano, 21 marzo 2011 - Da martedì 22 marzo fino a domenica 27 marzo, Novara ospiterà il truck 2011 della mostra polisensoriale Lamp&RiLamp promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dello Sviluppo Economico, nonché del Comune di Novara, che si terrà in Piazza Puccini, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 con ingresso libero. Dopo il successo ottenuto nei precedenti anni con oltre 25.000 visitatori, nella terza edizione il tour toccherà nuove undici tappe, dopo Lamezia, Agrigento, Palermo, Cagliari, Sassari, Cuneo, Aosta e Novara, passerà da Trento, Udine e Trieste.

La mostra ha come obiettivo quello di informare l’opinione pubblica sull’importanza di portare le lampadine esauste integre all’isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori Ecolamp, o di restituirle presso un punto vendita al momento dell’acquisto di quelle nuove, così come previsto dal DM “uno contro uno”, in vigore il 18 giugno 2010.

L’esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell’illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti, le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.

Nella sola provincia di Novara nel 2010 Ecolamp ha raccolto 7.670 chilogrammi di lampade esauste (tra lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti), mentre la raccolta del Consorzio nella Regione Piemonte è stata pari a 35.336 chilogrammi. Queste le quantità ritirate nelle altre province: Alessandria 2.910, Asti 2.190, Biella 1.200, Cuneo 850, Torino 17.755, Verbania 2.036, Vercelli 625 chilogrammi.

“Anche quest’anno Ecolamp torna per il terzo anno consecutivo nelle piazze italiane proseguendo nel progetto di sensibilizzazione sul tema del riciclo e del trattamento delle lampadine a risparmio energetico rivolto alle famiglie, ai ragazzi e alle amministrazioni cittadine.” - afferma Fabrizio D’Amico, Direttore Generale di Ecolamp - “I risultati delle scorse edizioni sono stati molto positivi e i dati di raccolta sono in continuo aumento, ma la strada da fare è ancora lunga. Ecco perché continuiamo nel nostro impegno di sensibilizzare i cittadini, perché siamo consci dell’importanza di promuovere una cultura sull’eco sostenibilità".

Sito dedicato: Lamp&RiLamp Press Area: www.ecolamp.it/comunicazione/

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Sara Gentile, sgentile@concadelachi.com Tel. 02/48193458 Mob. 339/6043118

Marketing & Comunicazione Ecolamp: Andrea Pietrarota, pietrarota@ecolamp.it Mob. 348/5988469

Martina Cammareri, cammareri@ecolamp.it Tel. 02/37052936

domenica 20 marzo 2011

Honi soit qui mal y pense


Roma 19 marzo 2011 - Inaugurata la mostra personale del Maestro Valerio de Filippis presso lo spazio espositivo “Il Laboratorio” di Via del Moro, zona Trastevere.


Valerio de Filippis accanto a una delle sue tavole
(fotografia © Monica Palermo)

In occasione dell’inaugurazione la performance La poesia orale, scritta e interpretata da Rossella Ferrigno e Valerio de Filippis.
Il titolo della mostra Honi soit qui mal y pense (dannato sia chi pensa male) si rifà al famoso motto del piu antico e nobile ordine cavalleresco del Regno Unito: i Cavalieri dell’Ordine della Giarrettiera, a indicare che non bisogna usare malizia nell'osservare le situazioni.


Nello spazio espositivo è mostrata al pubblico, per la prima volta, una serie di olio e acrilico su tavola, di piccole e medie dimensioni. Scene di vita erotica si susseguono sulle pareti, di un erotismo non sfacciato, ma piuttosto di un intimo gioco delle parti, talvolta sofisticato, in cui si allude, ma non si esplicita.


La mostra resterà aperta al pubblico fino al 23 marzo.


Periodo: 15 -23 marzo 2011
Orario: tutti i giorni dalle ore 17,00 alle ore 22,00 (o telefonare per appuntamento).
Spazio Espositivo: Il Laboratorio, Via del Moro 49/50 – ROMA
Info: +39 3803646233

mercoledì 16 marzo 2011

Mauro Paillex: One-Day-event




"la polvere rossa

si alzava lontano

e il sole brillava

di luce non vera" (Francesco Guccini, Il vecchio e il bambino)


Ecco, tra i meriti di questo medico appassionato di fotografia vi è certamente quello di non voler dare testimonianza di verità assoluta, ma di usare tutte le tecniche che precedono lo scatto (scelta dei filtri e del programma di supporto) perché la foto diventi quello che Mauro Paillex vuole che lo spettatore osservi. E' così che il filtro rosso applicato allo scatto di due ciminiere fumanti rende la foto scelta per la locandina illustrazione ideale della canzone di Guccini, testimonianza dello scempio nucleare, quanto mai attuale in questo marzo 2011. O che l'effetto idoneo evidenzi le tracce degli sciatori ormai lontani, testimonianza dell'affollamento diurno di una pista da sci rimasta deserta.


Per le sue fotografie Mauro Paillex, che ha cominciato a fotografare con la reflex regalatagli dal nonno per la maturità, usa l'iPhone e quel corredo di programmi digitali a supporto, Hipstamatic e LomoLomo, che gli permettono di esprimere la suggestione di uno sguardo artistico della realtà. Non utilizza alcuna tecnica di post-produzione.


Sono circa 30 le opere esposte, suddivise tra la Galleria Parrellarte, il ristorante Le Pelerin Gour­mand (porta a porta al civico 9 di Via De Tillier ) e l'enoteca La Cave, al civico 3 della stessa stra­da, nel cuore di Aosta, a pochi passi dal Municipio.


Un progetto a cura di Alessandro Parrella; ufficio stampa e comunicazione web: Paola Ugliano, fo­tografie dell'evento: Bruno Domaine; grafica: Pier Francesco Grizi.


L'idea dei one-day-event dedicati alla fotografia nasce per caso e sarà replicata nei prossimi mesi con le foto di Pier Francesco Grizi e Bruno Domaine.



Vi aspettiamo il 25 marzo alla Galleria Parrellarte alle ore 18.00. Ingresso libero.



Paola Ugliano

Ufficio Stampa e comunicazione web

Associazione Culturale Parrellarte




Personale di fotografie di Mauro Paillex

realizzate con iPhone4

Cura: Alessandro Parrella

Inaugurazione: 25 marzo 2011 alle 18:00



Web e comunicazione: Paola Ugliano

Fotografie dell'evento: Bruno Domaine

Grafica: Pier Francesco Grizi

Info: parrellarte@tiscalinet.it

Galleria Parrellarte

Via de Tillier, 9 - Aosta



Altre opere presso

il Ristorante "Le Pelerin Gourmand"

e l'enoteca "La Cave" ; qui rimarranno esposte circa 1 mese

A Film Cycle

Recounting, translating, sharing, reflecting, developing, transforming, revealing, disclosing,
enchating.

A film cycle


Un progetto di Nomas Foundation, Roma

A cura di Cecilia Canziani e Ilaria Gianni

Con il patrocinio del Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali e Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi

Media partner: Nero magazine, Radio Lifegate

Artisti: Duncan Campbell, Anja Kirschner and David Panos, Renzo Martens, Deimantas Narkevicius, Hito Steyerl.

Intermezzo di Rossella Biscotti

26- 27 marzo 2011

Cinema Farnese Persol | Campo de’ Fiori, 56, Roma | Ingresso libero

Recounting, translating, sharing, reflecting, developing, transforming, revealing, disclosing, enchating. A film cycle, analizza il modo in cui il documentario affronta il mezzo narrativo, la costruzione delle storie e la trasmissione della storia e della realtà, attraverso i lavori di cinque acclamati artisti internazionali.

A film cycle è un mini festival di proiezioni di film e talk con gli artisti Duncan Campbell, Anja Kirschner and David Panos, Renzo Martens, Deimantas Narkevicius, Hito Steyerl. Ogni sessione è divisa in tre parti: la proiezione di un film dell’artista, un momento di confronto tra l’artista e il pubblico presente in sala, la proiezione di un film di un filmaker che è riconosciuto dall’artista come un punto di riferimento per il proprio lavoro. Prima dell’inizio di ogni film, sarà proiettato La cinematografia e' l'arma piu' forte di Rossella Biscotti, un’opera che spinge a riflettere sull’ambiguità dell’investimento politico ed economico in campo culturale.

Attraverso i lavori degli artisti selezionati, A film cycle ci spinge a domandarci a cosa affidare la memoria, come raccontare la storia, come riscriviamo il nostro passato e presentiamo diverse letture delle nostre tracce, come proteggiamo e trasmettiamo la singolarità di ogni vita in rapporto ai grandi cambiamenti economici, sociali e politici di cui siamo oggi testimoni.

Programma proiezioni

Sabato 26 marzo

11,00 – 13,00 Deimantas Narkevicius

- Ausgeträumt, 2010 | 5,33 min

- The Role of Lifetime, 2003 |16.53 min

- Once in the XX century, 2004 | 7.56 min

- The Head, 2007 | 12.14 min

Incontro e talk con l’artista - Special feature: Peter Watkins, The Forgotten Faces (1960)

13,00 – 14,00 Lunch


14,00 – 16,00 Anja Kirschner & David Panos

- The Empty Plan, 2010 | 78 min

Incontro e talk con l’artista - Special feature: Alexander Kluge, Nachrichten von den Staufern (1977)

Ken Mc Mullen, 1867 (1990)

16,00 – 18,00 Hito Steyerl

- Journal No. 1: An artist's impression 2007 | 21 min

Incontro e talk con l’artista- Special feature: Jean-Marie Straub, Danièle Huillet - Klassenverhältnisse (1984)

Domenica 27 marzo

11,00 – 13,00 Renzo Martens

- Episode 3: Enjoy poverty, 2008 | 90 min

Incontro e talk con l’artista - Special feature: Jean Luc Godard, Interview From 1972 (1972)

J. L. Godard, France/tour/détour/deux/enfants, Mouvement 7: Violence/Grammaire (1978)

13,00 – 14,00 Lunch

14,00 – 16,00 Duncan Campbell

- Bernadette, 2008 |37 min

Incontro e talk con l’artista - Special feature: John T Davis, Dust in the Bible (1989)

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI