Cerca nel blog

lunedì 31 agosto 2015

Mostra di Roberto Sala a Pineto (TE) “Oltre il confine chissà”

Dal 6 al 12 settembre 2015 gli spazi dell'ottocentesca Villa Filiani di Pineto (TE), accoglieranno "oltre il confine chissà", personale del fotografo e grafico ROBERTO SALA, il cui paradigmatico titolo, scelto per l'esposizione, nella diretta citazione di un verso della canzone La casa di Hilde di Francesco De Gregori, condensa il contenuto poetico dei suoi scatti, definendone al contempo l'ambito tematico di ricerca.

Le sue fotografie, espressione della sua presenza in luoghi e città simbolo del mondo dell'arte contemporanea e anche testimonianze del suo vivere, legate alla sua particolare professione, invitano, infatti, lo spettatore a interrogarsi sulla questione della labilità dei confini e del loro superamento.

Le immagini proposte sono luoghi tanto reali quanti ideali, dove l'obiettivo di Sala, nel mettere in evidenza le geometrie che caratterizzano i paesaggi urbani, edifici e monumenti che li identificano, e che sono anche la sua cifra compositiva, sfuma verso il concetto di attraversamento. Un confine, dunque, può diventare permeabile, ampliarsi, addirittura annullarsi.

Valicando le soglie della visione, Sala da un'immagine ne ricava di diverse e di nuove, ponendo in tal senso la coscienza individuale su ciò che sta al di là di un'ipotetica linea, e che pertanto presuppone il riconoscimento dell'identità dell'altro. Il luogo stesso che accoglie la mostra, Villa Filiani, si fa emblema di un'entità espansa, che vede nell'oltreconfine un'intenzione, una spinta verso il futuro. "oltre il confine chissà" è curata da M. Letizia Paiato, ed è promossa dal Comune di Pineto in collaborazione con l'associazione Yoruba diffusione arte contemporanea di Ferrara.

 
ROBERTO SALA (Lanciano 1965), dal 1990 è fotografo, grafico editoriale e art director della rivista Segno. Dal 2013 insegna Tecniche espressive integrate (grafica) per il biennio di Terapeutica Artistica presso l'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Le sue opere fotografiche sono esposte per la prima volta nel 2009 con Lightscape Pescara, una serie d'immagini della città adriatica a corredo dell'omonimo volume di Andrea Mammarella pubblicato fra il 2007 e il 2008. Nel 2011 la personale A sort of Homecoming / Come un ritorno a casa è esposta alla Galleria Marconi di Cupra Marittima (AP), a Il ritrovo di Rob Shazar di Sant'Agata de' Goti (Bn), da Piomonti a Roma, a Per Mari e Monti a Civitanova Marche (Mc), alla Galleria Verrengia di Salerno, e presso Usomagazzino di Pescara. Infine, una selezione di suoi scatti sono esposti alla collettiva Vedute, vedere e sentire organizzata da Marche Centro D'Arte a San Benedetto del Tronto (AP) nel 2014 e nello stesso anno è presente a Setup Contemporary Art Fair, fiera d'arte indipendente di Bologna. www.robertosala.com

Ufficio Turismo tel +39 085 9491745
Sede: Villa Filiani, Via Gabriele D'Annunzio 175, 64025 Pineto (TE)
Orari: tutti i giorni dalle ore 20.00.
Dal 6 al 12 settembre 2015.
INAUGURAZIONE Domenica 6 settembre ore 19.00.

Tutti i Giovedì dal 3 Settembre al 1 Ottobre visite speciali alla GAM di Milano | Don't Shoot the Painter. Da Bellini a Basquiat: Incontri Interculturali

L'arte come elemento di scambio interculturale

Don't Shoot the Painter.
Da Bellini a Basquiat: Incontri Interculturali 
nell'ambito della mostra che raccoglie oltre 100 dipinti dalla
UBS Art Collection

A partire dal 3 Settembre e fino al 1 Ottobre, tutti i Giovedì dalle 19 alle 21, alla GAM un'occasione imperdibile per vedere la mostra Don't Shoot the Painter. Dipinti della UBS Art Collection attraverso il racconto di dieci ospiti molto speciali che rivestiranno il ruolo di guide. Saranno infatti Carmen, Daniela, Darius, Elvis, Fatima, Geanina, Lilly, Miriam, Sara, Zhaid - provenienti da Paesi diversi e da differenti esperienze di migrazione - a far conoscere al pubblico una selezione di opere fra quelle dei 91 artisti internazionali presenti in mostra, offrendo una rilettura personale e strettamente collegata alle rispettive culture, esperienze e provenienze.

Don't shoot the Painter. Da Bellini a Basquiat: Incontri Interculturali si colloca all'interno dell'ampio programma di Community Affairs che UBS promuove in tutto il mondo. Attraverso collaborazioni con enti e istituzioni a sfondo sociale, UBS instaura veri e propri programmi di partnership per la realizzazione di progetti concreti di istruzione e imprenditorialità, con finalità di inclusione sociale.

Il progetto, sostenuto e voluto da UBS e patrocinato dall'Assessorato alle Politiche Sociali e Cultura della Salute del Comune di Milano, è stato ideato con la collaborazione di Connecting Cultures e Associazione Comunità Nuova Onlus e consiste nell'incontro tra le opere d'arte e persone di provenienza multietnica che avranno la possibilità di offrire al pubblico nuove chiavi di lettura raccontando storie, emozioni e ricordi legati al loro vissuto e connessi alle opere presenti. Non a caso, il titolo "Da Bellini a Basquiat: Incontri Interculturali" richiama idealmente sia le opere che verranno raccontate nell'ambito delle visite, sia la sede dello Sportello Sociale di Comunità Nuova situato in via Gentile Bellini, nel quartiere Giambellino.

domenica 30 agosto 2015

Gustare l’Arte, visioni e sapori della via Francigena a Berceto in provincia di Parma

Una delle opere esposte - Rino Sgavetta per il Comune di Fidenza

È stata inaugurata nei giorni scorsi al Museo Pier Maria Rossi di Berceto in provincia di Parma la mostra “Gustare l’Arte, visioni e sapori lungo la Via Francigena”. Un viaggio alla scoperta degli artisti contemporanei e della cucina del loro territorio suddiviso in quarantaquattro tappe francigene dalla Valle d’Aosta a Roma. L’iniziativa patrocinata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene e da ventisei Comuni lungo il percorso, vede la partecipazione di oltre quarantacinque Comuni in questo primo step e quarantasette artisti in esposizione.
L’Associazione Culturale “Sentieri dell’Arte” e il Museo Pier Maria Rossi di Berceto rappresentati da Giuseppe Bigliardi hanno illustrato l’iniziativa che è volta alla valorizzazione dell’antico cammino della via Francigena e propone uno scambio di saperi e sapori tra il cibo e l’arte contemporanea. L’intero progetto avrà una durata triennale e prenderà in considerazione tutto il tracciato dell’antico percorso da Canterbury a Roma.




Per l’anno in corso i temi sono legati ad Expo, in particolare alla necessità di nutrire il pianeta, non solo di cibo, ma anche di arte, cultura e sapere.Agli artisti selezionati nel tratto italiano del Nord, dalla Valle d’Aosta a Roma, è stato chiesto il loro contributo creativo per una visione molto fresca e contemporanea del significato che oggi ha il cammino, tra storia, fede e tradizioni.Le loro opere, lungo un percorso di oltre settecento chilometri, ci portano alla scoperta dei sapori del luogo d’origine e della ricetta tipica che meglio rappresenta la tappa di appartenenza.Un’iniziativa studiata per nutrire l’anima e solleticare il palato valorizzando il passato e il presente di uno storico percorso che conserva ancora oggi tradizioni millenarie e spesso sconosciute a molti. In quanto strada Romea, la via Francigena è infatti parte di un cammino più che millenario comune all’Europa intera, che attraversando Paesi e Nazioni ha favorito intrecci e scambi culturali.Fino al 13 settembre arte e cibo si incontrano quindi a Berceto e danno inizio ad una mostra itinerante arricchita da diversi eventi collaterali, come conferenze, proiezioni e degustazioni. Nella sala superiore del museo ora si può visitare la mostra collaterale “Pellegrini a passo di… patchwork” in collaborazione con l’associazione Parma Patchwork Club.
La collaterale è il risultato di un lavoro d’indagine filologica e d’interpretazione di affreschi, sculture, architetture, paesaggi, relativi all’area parmense della via Francigena, tradotti dalle quilter su tessuto in suggestioni di forme, luci e colori utilizzando le tecniche del patchwork.


Da sx Giuseppe Bigliardi, Marzio Dall'Acqua, Lucia Baracchini e Luigi Lucchi


All’inaugurazione sono intervenuti il Sindaco di Berceto Luigi Lucchi, Lucia Baracchini nella doppia veste di Sindaco di Pontremoli e delegata AEVF – Associazione Europea Vie Francigene - e Marzio Dall’Acqua, storico d’arte, che ha sapientemente introdotto la mostra indicandone natura e finalità, ed ha ricordato come “il pellegrino, anche moderno, che si muove per altre pulsioni da quella medievale, porta con sé i sapori del proprio luogo e, per quanta strada faccia, non si libera mai del tutto da quello che ha lasciato alle spalle: “omnia mea mecum porto”, ogni mio bene porto con me, dicevano gli antichi”.
Uno scambio di saperi e sapori quindi che sarà ampiamente documentato attraverso una pubblicazione, al momento in preparazione, destinata a diventare una guida a colori di oltre trecento pagine che illustrerà Comune dopo Comune, tappa dopo tappa, le caratteristiche peculiari dei territori toccati attraverso la storia, l’arte, la cultura e l’enogastronomia.
La mostra è visitabile fino al 13 settembre, nel mese di agosto dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00, al lunedì solo al pomeriggio, mentre nel mese di settembre da venerdì a domenica sempre negli stessi orari. 


di Francesca Caggiati

venerdì 28 agosto 2015

AMY D Arte Spazio, Milano: mostra "FAST / digiuno"


FAST / digiuno

project economART di AMY D Arte Spazio Milano
Opening 03 settembre h. 18.30
03/09 - 21/09/2015


In mostra opere di: Sasha Meret, Marcin Klocek, Daniele Franzi.
Site specific: - Plastica smart 2015 -, nanotecnologia e riciclo, a cura dell'I.T.T. (Istituto Italiano di Tecnologia) e della Prof.ssa Athanassia Athanassiou, fisico, ricercatrice e responsabile dello Smart Materials Group di Genova.
"FAST", un progetto per sottrazione nato da un'idea di Anna d'Ambrosio, inaugura il 3 settembre, cronologicamente dopo "Memorie di Equilibrio" dello scorso marzo, in cui l'elemento acqua si faceva opera di denuncia del famigerato water grabbing.
In mostra per "FAST", inedito progetto economART, opere create attorno al tema del digiuno, inteso non solo come provocazione nell'anno di EXPO 2015 (che doveva essere la piattaforma di confronto di idee e soluzioni sull'alimentazione), ma come occasione di riflessione inedita, ricca di possibili interpretazioni rigeneranti.
Quasi tutti i lavori esposti sono stati pensati appositamente per la mostra, mentre altri davano già una lettura personale del digiuno come metafora di altri vuoti e sconfitte.
Scenari totalmente differenti, interpretazioni inedite e inattese del contemporaneo: un punto di vista fuori dal coro sul tema del cibo.
"FAST" pone il cibo come sottraendo dell'esposizione artistica, in cui i rimandi a tematiche sociali, culturali ed economiche sono tutti declinati alla sconfitta dell'umanità, proprio come su un campo di battaglia nel giorno della riflessione postuma.
La rinascita, quella proposta da "FAST", passa dalla scoperta scientifica, proposta rivoluzionaria di nuove scoperte e interpretazioni, a soluzioni nuove per uno spiraglio etico di esistenza.
L'economART di AMY D Arte Spazio lo fa con l'arte responsabile degli artisti in mostra.
Ciò che resta saranno macerie, tumuli, disgregazioni laceranti e strazianti, ma anche una nuova speranza fatta, come dopo un lungo digiuno, di odori forti senza matrici, trasformazioni entropiche dello scarto declinato da rifiuto organico da macero.
Anna d'Ambrosio

Concept del progetto
Scenograficamente potente, "FAST" si presenterà allo spettatore con un'installazione a semicerchio (mensa articolata) delle opere di Daniele Franzi "Casale Monferrato/ prescrizione" 2012, misure 60x40 cm, in fibrocemento.
Dello stesso artista, un carrello porta vassoi contenente un unico vassoio, usato e deteriorato, quale rimando alla nocività dell'Eternit.
"Stratospheric Helmets" 2015, armature scultoree fatte con coltelli, forchette e cucchiai, dell'artista americano Sasha Meret, che, durante l'opening, verranno indossate da artisti di entrambi i sessi che si muoveranno a passo di marcia militare con, in sottofondo, una colonna sonora ripresa da una parata militare cinese del 2013). A fine opening, le opere indossate verranno deposte in terra su un tumulo, in atto di sconfitta e sottomissione.
Nell'arco di durata della mostra (aperta fino al 21 settembre 2015), il progetto si ridurrà per sottrazione (digiuno) a personale di Sasha Meret, con i suoi soli lavori come reliquia e monito per una nuova rinascita.
Alle pareti nell'open della galleria, i lavori fotografici sul sumo di Marcin Klocek, giovane artista polacco finalista al Sony World Photography Awards 2015 con il progetto Ryogoku district of Tokyo.
Questi lavori saranno stampati in grande formato su carta fotografica e lacerati durante l'opening. Un altro spazio della galleria ospiterà le stesse opere realizzate su carta Fine Art, acquistabili e integre.
Al termine della galleria, in una stanza al buio, le nuove plastiche smart 100% vegetali, sotto forma di strisce e cocci, indicatori olfattivi del cibo da macero. Questi nuovi materiali sono stati realizzati dal Dipartimento di Nanofisica dell'I.T.T. (Istituto Italiano di Tecnologia) e dalla Prof.ssa Athanassia Athanassiou, responsabile dello Smart Materials Group di Genova.
Anche per questa edizione la galleria AMY D Arte Spazio è impegnata nell'arte di far incrociare gli sguardi con progetti che uniscono opere, libri, economia e scienza con l'utilizzo di un metodo in cui il reale si persegue attraverso l'immaginario e solo per via del simbolico.
Con gli artisti si condividono interessi che loro poi traducono in un linguaggio senza il quale non ci sarebbe un percorso, vero e proprio viaggio che dà forma al mondo.
In soccorso del pianeta arriva da Genova la plastica generata dai rifiuti di caffè e cannella.
di Antonio Carnevale
[…] Per realizzare la loro plastica smart, all'I.I.T. hanno utilizzato caffè, prezzemolo e cannella. Un materiale 100% green, che in un sol colpo potrebbe aiutarci a risolvere parte del problema dello smaltimento dei rifiuti biologici. I residui vegetali, come appunto gli scarti di caffè (e/o altri), vengono trattati con solventi e polimeri biocompatibili. In questo modo si arriva a un materiale malleabile e versatile, del tutto simile alla plastica derivata dal petrolio, ma completamente biodegradabile.
Oltre a non impattare l'ambiente, questi polimeri plastici incorporano le proprietà degli "scarti" da cui sono prodotti, fino a ottenere una plastica con proprietà antiossidanti e antimicrobiche.

AMY D Arte Spazio
Via Lovanio 6, 20121 Milano - MM2 Moscova
lun./ven. 10-13 e 15-19, sab. e festivi su richiesta
www.amyd.it, info@amyd.it, 02.654872

I "Quadri elettrici" di Marco Lodola a Fusignano

Una sede industriale per una grande esposizione. A Fusignano (RA) dal 4 al 13 settembre.
Con il patrocinio dell'UNESCO, che ha proclamato il 2015 Anno internazionale della Luce.

I "QUADRI ELETTRICI" DI MARCO LODOLA 
PER I TRENT'ANNI DI NORDELETTRICA 

Sculture monumentali, "quadri elettrici" - come recita il titolo - e light boxes, grandi tele, iute e sericollages. Ci sono tutte le forme e i colori che caratterizzano l'arte di Marco Lodola - uno dei più quotati artisti italiani in attività, fondatore del Nuovo Futurismo. Ci sono pin up, musicisti e sportivi, automobili e moto, ballerini: espressione di "immediatezza e istinto", di quella "velocità" che Lodola ama catturare ed esprimere con le sue opere. Plexiglass, perspex, smalti e neon, figure sfavillanti e talvolta evanescenti, ripetute all'infinito in complicate scenografie, che rimandano al mondo più patinato e pop della televisione, dello spettacolo, di un universo urbano e moderno, ma con echi di classicità. E la luce, sempre, come un flusso vitale, essenziale: «i colori - dice Lodola - non si vedrebbero senza luce». 

Si inaugura venerdì 4 settembre, alle ore 20:30, la grande mostra organizzata per celebrare il trentennale della fondazione di Nordelettrica Impianti nella sede storica di Fusignano (RA), trasformata per l'occasione in un grande, luminoso atelier. Un evento espositivo che si inserisce nel calendario delle festività patronali dell'8settembre, con il patrocinio del Comune di Fusignano, Provincia e Camera di Commercio di Ravenna, Regione Emilia-Romagna e UNESCO, che l'ha inserito nel calendario ufficiale degli eventi legati all'Anno internazionale della Luce, proclamato per questo 2015.

Quasi cento addetti, 10 milioni di euro di fatturato di gruppo, riconosciuta a livello internazionale per la realizzazione di impianti elettrici industriali, Nordelettrica ha accompagnato passo passo lo sviluppo del settore energetico da fonti rinnovabili, in Italia e non solo - fotovoltaico, eolico, idroelettrico

L'azienda di Fusignano (Ra) ha voluto promuovere questo evento per celebrare i primi trent'anni di attività, che cadono proprio nel 2015, e spalancare così le porte dell'azienda (la mostra, ad ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 13 settembre, dalle 18:30 alle 23). Arte e industria che incrociano il loro percorso, quindi: se per Nordelettrica rappresenta un'importante novità, non si può certo dire lo stesso per Lodola, che nel corso della sua intensa attività ha firmato importanti progetti per brand del calibro di Swatch, Coca Cola, Ferrari, Harley Davidson, Illy, Byblos. 

Un evento doppiamente eccezionale, poi, se si considera che il 2015 è stato proclamato dall'UNESCO "Anno internazionale della Luce" e che l'evento espositivo ne ha ottenuto il patrocinio: nel calendario ufficiale, cade tra l'inaugurazione della grande mostra Super Lux di Sidney, in Australia, e il Festival of Light di Riyadh, in Arabia Saudita, pochi giorni prima della Midnight Run che si corre a Parigi. 
MARCO LODOLA, QUADRI ELETTRICI
Nordelettrica, via Santa Barbara 146e, Fusignano (RA)
dal 4 al 13 settembre, ore 18:30-23:00 (ingresso gratuito) - Inaugurazione, venerdì 4 ore 20:30
Organizzazione, Info, Ufficio Stampa: DADO di Adamo Antonellini / 329.8323768 / info@dadocom.com
Catalogo in mostra
www.deodato.com/nordelettrica

giovedì 27 agosto 2015

Mostra "Gioielli di gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi" a Palazzo Morando Via Sant'Andrea dal 18 settembre all'8 dicembre

COMUNE DI MILANO | CULTURA
presenta la mostra

GIOIELLI DI GUSTO
Racconti fantastici tra ornamenti golosi
ideata da
Mara Cappelletti
a cura di
Maria Canella, Mariateresa Chirico, Anty Pansera
Allestimento di Alejandro Ruiz

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
Via Sant'Andrea 6 Milano
dal 18 settembre all'8 dicembre 2015

Nell'ambito di EXPO IN CITTÀ inaugurerà giovedì 17 settembre, ore 18, a Palazzo Morando, via Sant'Andrea 6 a Milano, la mostra GIOIELLI DI GUSTO. Racconti fantastici tra ornamenti golosi.
Aperta al pubblico dal 18 settembre all'8 dicembre 2015, la mostra verrà allestita al primo piano dello storico palazzo  e sarà il punto di incontro fra i mondi del gioiello e del cibo.  Saranno esposti ben  200 affascinanti pezzi d'autore, in un fantastico mix di gioiello, bijoux e accessorio moda, per una riflessione, sia seria, che surreale o fantastica, sul rapporto tra cibo e ornamento.

GIOIELLI DI GUSTO  è un evento promosso da Comune di Milano Cultura, Direzione Musei Storici con DS Comunicazione – Gabinetto del Sindaco e prodotta dall'Associazione Memoria e Progetto, in collaborazione con Università degli Studi di Milano, la Scuola Professionale Galdus; Cooperativa Cooro,  con il patrocinio di Associazione Orafa Lombarda e CIBJO The World Jewellery Confederation. Sponsor e partner tecnici della mostra sono Daca Vetrina d'Autore, Daya, Ferrari Group, FPE,  e una selezione di produttori di "gioielli da gustare" selezionati da Orchestra Italian Lifestyle. La mostra avrà come media partner L'Orafo Italiano, E' Italia, UnPOxExpo e Emobile.

Tra le molte interpretazioni del cibo, tema di EXPO 2015, non poteva dunque mancare quella del gioiello. Gli alimenti, grazie al loro significato beneaugurante di ricchezza e promessa di vita, percorrono la storia del gioiello, dagli ornamenti più antichi a quelli contemporanei  e le culture vicine e lontane, dalla Grecia Antica alla Cina del XVIII secolo. Uva, melograni, ananas, fragole, ma
anche frumento, baccelli di pisello, funghi, pomodori, pasta, pesci, granchi, uova e selvaggina, per non dimenticare tutto il settore dei drink, suggerito in maniera più o meno sfiziosa da anelli da cocktail oppure oggetti maschili come i gemelli da polso.

Da questo concept prende forma la mostra GIOIELLI DI GUSTO. Racconti fantastici tra ornamenti golosi, un'iniziativa ideata da Mara Cappelletti, insegnante di storia del gioiello, con allestimenti di Alejandro Ruiz, designer di fama internazionale, e curatrici di grande esperienza e preparazione come Maria Canella, Mariateresa Chirico e Anty Pansera.  Le forme e i colori delle delizie della tavola ispirano da sempre gioiellieri e stilisti di moda, così, grazie all'arte orafa e alla fantasia, il cibo, svincolato dalla sua funzione nutritiva, si è trasformato nel tempo in un oggetto che traccia una storia allegra, divertente e ironica del gioiello.

" Il tema degli alimenti" – spiega Mara Cappelletti, ideatrice e curatrice della mostra – "è proposto in maniera ricorrente negli ornamenti. Se il riferimento è quello 'alto' dei gioielli più preziosi, moltissimi sono i bijoux vintage, quelli contemporanei e quelli della moda che interpretano in modi diversi il tema gourmand. Con questa mostra abbiamo voluto rappresentare tutti questi mondi che, sempre più spesso,  prendono ispirazione l'uno dall'altro. Grazie all'appassionato lavoro di ricerca compiuto dalle curatrici, siamo in grado di proporre una serie di racconti fantastici che accomunano il piacere estetico a quello del gusto".

In un percorso fantastico, suggerito dall'allestimento ideato da Alejandro Ruiz, utilizzando le teche di DACA vetrina d'autore, la mostra si snoda in un percorso che conduce il visitatore tra gli ornamenti più golosi, attraverso quattro aree distinte.

IL GUSTO DEI GIOIELLI: la sezione dedicata ai gioielli veri propone la creatività dei grandi gioiellieri declinata al tema del cibo con bellissimi oggetti ottocenteschi appartenenti alla collezione De Marchi ed esemplari Art Déco e degli anni '30 e '40 tra cui pezzi storici di Mauboussin, per concludere con i contemporanei.

IL GUSTO DELLA MODA: le ispirazioni gastronomiche non mancano nella moda che spesso ricorre a frutti, gelati, dolci, bacche, pasta e persino uova per dare forma ai bijoux più divertenti. Moschino, Ferrè, Missoni, Marras, Krizia si sono rifatti al tema 'cibo' per realizzare le loro creazioni così come le protagoniste della fashion jewellery Ayala Bar, Mary Frances, Yvone Christa New York e Ornella Bijoux.

IL GUSTO CONTEMPORARY: la sezione presenta una collezione di pezzi unici o realizzati in piccolissime serie, inerenti al tema, tra i più interessanti del panorama italiano e internazionale, frutto di un'accurata ricerca sulle forme e sui materiali. Tra gli altri, sono presenti in questa sezione, Veronica Guiduzzi, Angela Simone, Barbara Uderzo.

IL GUSTO VINTAGE: questa sezione  ospita una serie di bijoux appartenenti al periodo compreso dalla prima metà dell'Ottocento fino agli anni Novanta, con pezzi di Trifari, Boucher e Sharra Pagano per giungere alle collezioni storiche di Fendi, Ferré e Lagerfeld.

LA MOSTRA E MILANO

GIOIELLI DI GUSTO Racconti fantastici tra ornamenti golosi,  tra gli eventi di EXPO IN CITTÀ,   mette in evidenza due vere passioni milanesi: moda e alta cucina. 
Atelier, concept store, negozi del lusso, musei fanno parte del tessuto imprenditoriale e culturale della città che attira da sempre gli  appassionati di "gioielli di gusto" e "gioielli da gustare".

GUARDANDO OLTRE
Il viaggio alla scoperta dei cibi che hanno ispirato le creazioni più straordinarie non finisce qui. Dopo l'anteprima milanese, GIOIELLI DI GUSTO inizierà un percorso itinerante che partirà dal Brasile nel marzo 2016.

Per maggiori informazioni:
www.mostragioiellidigusto.com


CONFERENZA STAMPA
Giovedì 17 settembre 2015, ore 11
Sala Conferenze di Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, Via Sant'Andrea 6 - Milano
Interverranno:
Filippo Del Corno, Assessore Cultura del Comune di Milano
Claudio Salsi, Direttore Settore Soprintendenza Castello, Musei Archeologici e Musei Storici del Comune di Milano
Maria Fratelli, Direttore Case Museo e Dirigente Musei Storici – Settore Soprintendenza Castello, Musei Archeologici e Musei Storici del Comune di Milano
Mara Cappelletti, Ideatrice e curatrice della mostra
Alejandro Ruiz, Designer

INAUGURAZIONE MOSTRA SU INVITO
Giovedì 17 settembre 2015, ore 18
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, Via Sant'Andrea 6 – Milano 7

SCHEDA MOSTRA
"GIOIELLI DI GUSTO. Racconti fantastici tra ornamenti golosi"
Ideata da Mara Cappelletti
a cura di Maria Canella, Mariateresa Chirico, Anty Pansera
Allestimento di Alejandro Ruiz
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
via Sant'Andrea 6, primo piano, spazi espositivi - Milano
18 settembre – 8 dicembre 2015
www.mostragioiellidigusto.com | www.civicheraccoltestoriche.mi.it

martedì 25 agosto 2015

MUSA mostra Saline di Cervia fino al 27 serttembre - mostra fotografica di Marcello Tumminello

MUSA museo del sale di Cervia  dal 24 agosto  al 27 settembre

" Saline di Cervia" mostra fotografica di Marcello Tumminello
 

Oltre alla attività di avvocato Marcello Tumminello (1955), mantovano, è  fotografo per passione. Ha al suo attivo  oltre 10 libri di fotografia a documentazione del territorio, oltre alla realizzazione di numerose mostre e concorsi, nonché di calendari fotografici.
La passione dell'artista sta nello studio e nella esplorazione dei luoghi ai fini di creare un racconto fotografico che includa luoghi e abitudini delle persone.

Il fascino delle saline di Cervia ha colpito vivamente Tumminello che ha approfondito lo studio sul nostro ambiente ed ha creato una selezione di immagini in bianco e nero che vuole ricostruire,  dal punto di vista emotivo,  l'ambiente magico della salina enfatizzando i suoi paesaggi "metafisici e lunari"

Le immagini di grande formato ( cm 70x100) sono  cariche di grande suggestione


L'autore stesso ci dice:
"Le fotografie scelte vogliono far comprendere che nelle saline esistono situazioni in grado di restituire emozioni e rievocazioni quantomeno impensabili. La salina ha un suo mondo inimmaginabile, per chi guarda e non osserva, molto vi è di nascosto dietro gli specchi d'acqua ed il portale di accesso all'opificio"


M4A - MADE4ART, Milano: mostra "Piero Baiamonte. SpazioSegnoDinamismo"

Piero Baiamonte
SpazioSegnoDinamismo
M4A - MADE4ART, Milano
4 - 14 settembre 2015
Inaugurazione venerdì 4 settembre, ore 18.30


Made4Art, spazio e servizi per l'arte e la cultura, inaugura la nuova stagione espositiva con una personale di Piero Baiamonte (Caltanissetta, 1958) a cura di Elena Amodeo e Vittorio Schieroni con una selezione di lavori rappresentativa della più recente produzione artistica del Maestro.
Artista dalle notevoli capacità tecniche e dalla spiccata attitudine alla sperimentazione, Piero Baiamonte valica ogni confine tra espressioni artistiche differenti con una predilezione nei confronti di pittura, musica, videoarte e installazioni.

La personale SpazioSegnoDinamismo in mostra presso Made4Art di Milano presenta un nucleo di tele appartenenti al suo periodo "Essenzialista", che l'artista porta avanti dal 2010, opere caratterizzate dalla preponderante presenza del segno, tracciato in modo deciso e rigoroso, e da un sofisticato uso del colore, in alcune composizioni basato sul netto contrasto tra i bianchi e i neri, in altre sulle infinite sfumature del monocromo che vengono a confondersi in ampie campiture.

Gli oli su tela di Piero Baiamonte contengono una forte carica dinamica, un movimento che si genera e si sviluppa nello spazio, con le profondità e le sovrapposizioni segniche sapientemente realizzate dall'artista, talvolta facendo ricorso a inaspettate estroflessioni.

SpazioSegnoDinamismo, con data di inaugurazione venerdì 4 settembre 2015, rimarrà aperta al pubblico fino al 14 dello stesso mese; la mostra è inserita nella piattaforma progettuale Made4Expo, che riunisce tutti gli eventi organizzati da Made4Art e da realtà milanesi partner nel semestre di Expo 2015, un circuito di mostre e manifestazioni dedicate all'arte e alla cultura a Milano; Made4Expo è un evento Expo in Città.

Piero Baiamonte è nato nel 1958 a Caltanissetta, vive e lavora a Racalmuto, Agrigento. Numerose le mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati, in Italia e all'estero; diversi i premi vinti e i riconoscimenti artistici ottenuti nel corso del tempo.


Piero Baiamonte. SpazioSegnoDinamismo
a cura di Vittorio Schieroni ed Elena Amodeo
4 - 14 settembre 2015
Inaugurazione venerdì 4 settembre, ore 18.30
Lunedì ore 16 - 19, martedì - venerdì 10 - 13 e 16 - 19, sabato su appuntamento
M4A - MADE4ART | Spazio, comunicazione e servizi per l'arte e la cultura
Via Voghera 14 - ingresso da Via Cerano, 20144 Milano
www.made4art.it, info@made4art.it, t. +39.02.39813872
Media partner Espoarte
Un progetto M4E - MADE4EXPO


Mostra Mariano Franzetti - Choripan - dal 3 al 20 Settembre 2015 - SPAZIO SANREMO - MILANO

Mariano Franzetti

"Choripan"

Mostra Personale

dal 3 al 20 settembre 2015


 

Il 3 settembre 2015 alle 15,00 apre al pubblico presso lo Spazio Sanremo | 5Vie a Milano la mostra Choripan con 20 opere, di cui la maggior parte inedite, realizzate da Mariano Franzetti, a cura di Elisa Ajelli.

Il percorso espositivo propone ai visitatori una visione molto personale dell'autore sui temi dell'Expo relativi alla nutrizione e allo stretto rapporto tra il popolo italiano e argentino, in considerazione del fatto che più della metà delle
persone residenti in Argentina ha origini italiane. Di questa comunione di origini
l'artista Mariano Franzetti è testimone e interprete ideale, avendo vissuto tra Italia e Argentina, stabilendosi poi a Milano, città che ospita l'Esposizione Universale.

Il significato di nutrizione nelle opere dell'autore assume un senso molto lato,
riferendosi anche alla rinascita culturale dell'Argentina dopo le note vicissitudini
socio-economiche e alla stretta similitudine del proprio percorso culturale, pur se con qualche decennio di ritardo, con un'analoga evoluzione del nostro paese.

La nutrizione cui fa riferimento l'artista parte certamente dal fatto che l'Argentina è uno dei più grandi esportatori di prodotti agricoli e zootecnici nel mondo. L'autore tuttavia non prescinde dalla necessità dell'essere umano di alimentare la
propria esistenza oltre i bisogni primari: la comunanza di valori, la condivisione dei momenti salienti del quotidiano (come nella serie di opere Iconoclast) ma anche il bisogno di riscatto costituito dall'identificazione con i supereroi contemporanei, che siano essi rappresentati da esponenti del mondo dello sport, dal macho decadente o dagli sgargianti piatti tipici delle tradizioni di entrambi i paesi (da qui il titolo della mostra: Choripan è un piatto tipico argentino consumato per strada) imprescindibili nei luoghi comuni presenti nel quotidiano di ogni argentino o italiano, ritratti con ironia, enfasi e stile neopop nelle opere della serie Groncho.

Oltre ad opere pittoriche, l'esposizione consta di sculture e installazioni multimediali che propongono una similitudine tra la storia mediatica italiana e argentina e conferiscono, attraverso un'efficace simultaneità, un adeguato parallelismo tra tradizione e modernità espressiva.

La mostra vuole essere una riflessione ora ironica, ora poetica, circa il tentativo
dell'essere umano di trovare nuove strade di affermazione attraverso la condivisione e la coltivazione dei rapporti umani. Queste tematiche non sfuggono all'occhio apparentemente beffardo dell'artista, in realtà profondamente attento e sensibile ai mutamenti socio-culturali dei popoli di cui la sua vita rappresenta una sintesi ineffabile e la ricerca stilistica di un nuovo umanesimo contemporaneo.

La mostra gode del sostegno del Consolato dell'Argentina, della Direzione del padiglione Argentina presso EXPO, di Expoincittà,  e dell'Associazione 5Vie di Milano che tutela e promuove la zona più antica della città attraverso la promozione di eventi culturali e artistici.

Info:
·          Dal 3 settembre al 20 settembre 2015
·          Apertura al pubblico: 3 settembre dalle 15
·          Spazio Sanremo | 5Vie, via Fosse Ardeatine (angolo via Zecca Vecchia) Milano
·          Preview per la stampa: 3 settembre dalle 12 alle 15
·          A cura di Elisa Ajelli
·          Orari: dal lunedi al venerdi 10-19 | sabato e domenica 15-18
·          Cocktail e presentazione catalogo 15 settembre dalle 18,30 (su invito)
·          Enti sostenitori: Consolato dell'Argentina, Direzione del padiglione Argentina presso EXPO, Expoincittà, Associazione 5Vie Milano.
·          Relazioni con la stampa: s2bpress Milano


Mariano Franzetti
Mariano Franzetti nasce in Argentina, a Rafaela, nel 1978, abbandona gli studi di architettura, iniziati a Cordoba, per trasferirsi a Buenos Aires e dedicarsi completamente alla sua passione, la pittura, che coltivava fin da piccolo studiando i pittori rinascimentali e l'arte in generale. Sperimenta in maniera autonoma diverse tecniche, catturando le immagini dalla realtà che viveva nel quartiere di San Telmo. 

Inizia a vendere i suoi primi quadri agli ospiti del piccolo albergo dove alloggiava, per mantenersi e continuare ad esercitare la sua pittura
senza mai abbandonare il sogno di trasferirsi in Italia. Migra in Italia nelle Marche nel 2004 ed inizia subito a lavorare come artista in collaborazione con uno laboratorio di architettura ed interior design.

Dal 2005 realizza mostre personali e collettive, tra cui alcune importanti a livello istituzionale, in Italia, a Buenos Aires, in Grecia e in altri paesi europei. Vince numerosi premi d'arte e riconoscimenti internazionali, scrivono di lui alcuni tra i più noti critici, storici ed esponenti del mondo artistico. Nel 2010 approda a Milano con un'esposizione al Salone Internazionale del Mobile-Design Week e la sua creatività versatile viene notata nel campo della moda e del design con i quali realizza progetti in qualità direttore artistico, fashion consultant e scenografo: i suoi lavori sono pubblicati costantemente da testate come Vogue International, NakedButSafe-New York ed altre.
Attualmente vive ed opera tra le Marche, Milano e Buenos Aires.

venerdì 21 agosto 2015

Mostra di architettura under 40 al Vialetto degli artisti di Milano Marittima



Bilancio positivo del primo anno di rilancio dell'area



Chiude  in bellezza  la stagione artistica sul rinnovato lungo-senna di Milano Marittima
Al Vialetto degli Artisti  fino al 30 agosto l'associazione culturale Il Cantiere Artistico in collaborazione con l'associazione Giovani Architetti di Forlì-Cesena Archibiotico, propone  la mostra "Architettura km0".

L'evento,  già in essere, che si concluderà il 30 agosto, vede  in esposizione 45 progetti e/o realizzazioni di altrettanti giovani architetti locali under 40 ed ha l'obiettivo di valorizzare e sostenere l'operato di giovani professionisti a confronto con le tematiche della città contemporanea che offrono risposte concrete, innovative, a volte controcorrente, che non sempre godono di buona visibilità.

L'esposizione è un'importante vetrina per avvicinare progettista e pubblico, occasione preziosa che incontra non solo l'interesse dell'amministrazione comunale ma  anche il sostegno di singoli imprenditori locali. 

La mostra è  aperta tutte le sere dalle 20:00 alle 24:00 a Milano Marittima ed  è ad ingresso gratuito.

Durante la stagione estiva  il vialetto ha visto  passare  tanti  artisti creativi, , Attori, Artisti di Strada,Fumettisti ecc. ,  Fra loro qualche nome più conosciuto di altri fra cui  Silvia Granata (Ceramista) Roberto Fendzl (Gioielliere di Design) Davide Gasperini  (Alluminio) Valentino Menghi (Fumettista).

L'area ha visto   il passaggio, nell'arco dei 2 mesi, di qualche migliaio di persone che intervistate a campione hanno dimostrato un grande interesse verso la nuova veste e attività  del vialetto

"E' stata una stagione positiva e piena di contenuti -dichiara Marco Bianchi il presidente della associazione  culturale " Il Cantiere Artistico" che ha gestito le attività nel vialetto- Ci siamo voluti impegnare in qualcosa che andasse  oltre la richiesta dell'Amministrazione Comunale e che sposasse una sfera artistica e creativa molto ampia. Sono stati  più di 70  gli espositori di Market di Design e Collezioni artigianali, opere di artigianato artistico provenienti da ogni parte d'Italia. Ad oggi il percorso è stato tracciato. Occorre lavorare per migliorare e trovare collaborazioni che possano portare questo progetto al massimo delle sue potenzialità".


Cervia 21 agosto 2015

Milano - Expo - Mostra - Cibo per gli Dei, cibo per gli uomini: i Musei della Calabria all'Expo

Mostra
Cibo per gli Dei, cibo per gli uomini: i Musei della Calabria all'Expo
Milano - Expo –  Padiglione Italia



La mostra Cibo per gli Dei, cibo per gli uomini: i Musei della Calabria all'Expo, allestita nel prestigioso Padiglione Italia, dopo una settimana di intensa frequentazione, ha chiuso i battenti.

La mostra ha raccontato il tema del cibo nelle sue declinazioni sacrali e conviviali, dall'antichità ad oggi, attraverso un  percorso espositivo dispiegato su quattro sezioni. 

Nella prima, intitolata "Il rito sacro del banchetto", hanno trovato spazio significativi reperti, tra i quali un coltello sacrificale in ferro (machaira) proveniente dall'area sacra di Scrimbia ed esposto a Vibo Valentia, e un catino a vernice nera da Monasterace, che documentano il sacrificio agli Dei in età classica (l'uccisione della vittima e il vaso per raccogliere il suo sangue), atto imprescindibile per il pasto rituale in comune. 
La seconda sezione, "La presentazione dei doni e le offerte votive", ha proposto, oltre al quadro di Recco, un ricco repertorio di ex-voto in terracotta, raffiguranti animali e frutti (tori, mele e melagrane) provenienti dai maggiori santuari greci della Calabria. 

Nella terza sezione, "Il procacciamento del cibo: uomo e natura", lo spazio è stato dedicato al lavoro dell'uomo per il proprio sostentamento: dalla caccia alla pesca, dall'allevamento alla produzione. I reperti scelti svariano dagli ami da pesca in bronzo provenienti da Sibari al piatto da pesce a figure rosse da Crotone. 

L'ultima sezione, intitolata "Il convivio", ha sviluppato il tema del banchetto inteso come appartenenza ad un gruppo sociale, all'interno del quale ritrovarsi per divertirsi e condividere le esperienze. I materiali archeologici esposti, a cui fa da sfondo il trittico di Vigliaturo "Festa sui prati", costituiscono un intero set da simposio (cratere, brocca, coppe, mestoli, colini), con reperti dall'età greca arcaica a quella medievale. 

Accanto ad essi la ricostruzione virtuale tridimensionale del Triclinio della Casa del Drago di Kaulon, che i visitatori hanno potuto esplorare, con l'utilizzo di appositi occhiali, in uno schermo multimediale.

Margherita Eichberg, Soprintendente Belle Arti e Paesaggio della Calabria e Direttore ad interim del Polo Museale della Calabria, ha manifestato ai curatori il proprio apprezzamento per una mostra dall'alto contenuto scientifico, con una serie di pezzi rari, archeologici e artistici, coerentemente selezionati per esporre temi legati al cibo nel mondo antico e moderno.

La Calabria ha dato un saggio di straordinaria competenza nella partecipazione all'EXPO, proponendo al pubblico una parte scelta del suo rilevante patrimonio culturale identitario, e facendo conoscere la rete dei Musei Regionali, informazioni che certamente produrranno nuove opportunità di sviluppo.

Il progetto scientifico della mostra è di un gruppo di lavoro misto, costituito da Domenico Belcastro, funzionario del Polo Museale della Calabria; Maria Cerzoso, archeologo Direttore Museo dei Brettii e degli Enotri del Comune di Cosenza; Angela Canale, funzionario arch. Soprintendenza Archeologia della Calabria; Antonino Giordano, arch. AFAV Soprintendenza Archeologia della Calabria; Patrizia Nardi, esperto in valorizzazione dei beni culturali e Assessore alla Cultura, Istruzione e Rapporti con l'Università del Comune di Reggio Calabria; Fabrizio Sudano, funzionario Archeologo Soprintendenza Archeologia della Calabria.

L'iniziativa è stata realizzata grazie ad un'azione sinergica tra la Regione Calabria, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Segretariato Regionale, Polo Museale della Calabria, Soprintendenza Archeologica della Calabria, Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Calabria, Museo Archeologico Nazionale di Reggio), i Musei appartenenti alla rete museale regionale, con la partecipazione dell'Università della Calabria e il supporto di Unioncamere Calabria.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
Mostra
Cibo per gli Dei, cibo per gli uomini: i Musei della Calabria all'Expo
Milano - Expo –  Padiglione Italia
Polo Museale della Calabria
Galleria Nazionale di Cosenza
Direttore ad interim: Margherita Eichberg
Ufficio stampa: Silvio Rubens Vivone – Patrizia Carravetta 
Tel.:  0984 795639 fax  0984 71246

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI