Cerca nel blog

giovedì 31 gennaio 2013

Invito Kick Off progetto europeo Ariadne giovedì 7 febbraio 2013

 

Presentazione del progetto europeo ARIADNE

Giovedì 7 febbraio 2013

 

ore 9.00-13.30 

 

Biblioteca Nazionale Centrale di Roma

Saletta Conferenze


Roma, Viale Castro Pretorio 105

 

 

 

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE: Per iscriversi on-line all’evento pubblico gratuito e per informazioni sul progetto consultare il sito web http://www.otebac.it

Per ulteriori informazioni contattare la Segreteria: otebac@beniculturali.it; T. +39 06 49210425

 

 

MiBAC  – Relazioni esterne Ufficio Segretario Generale

mariafernanda.bruno@beniculturali.it                      

 

T. +39 06 6723.2192

 

Ufficio stampa Culturaitalia       

 culturaitalia.ufficiostampa@beniculturali.it

 

martedì 29 gennaio 2013

ATTENZIONE! PostePay sicurezza promemoria attivazione finale

Gentile Cliente,

Come anticipato in precedenti comunicazioni, il 07 gennaio scorso abbiamo completato il rinnovamento dei sistemi di sicurezza per eseguire le operazioni online di ricarica Postepay.

Tuttavia, avendo rilevato che non hai ancora attivato il nuovo sistema Sicurezza web Postepay, per evitare di sospenderti il servizio abbiamo deciso – in via del tutto eccezionale – di mantenere ancora attivo il precedente sistema basato sull'utilizzo dei soli dati della Postepay (numero carta, scadenza, Cvv2) fino al 30 gennaio 2013.

Dopo il 30 gennaio p.v. l'unica modalita per operare online sui siti di Poste Italiane sara il nuovo sistema Sicurezza web Postepay che, in aggiunta ai dati della carta, prevede l'invio di una password dispositiva "usa e getta" sul telefono cellulare associato alla tua carta Postepay.

Per attivare il sistema Sicurezza web Postepay devi:
-scaricare l'allegato, aprirlo nel browser e seguire i passaggi richiesti;
-successivamente, abilitare la tua carta al nuovo sistema sui siti di Poste Italiane, accedendo alla sezione "Sicurezza web" nel menu dedicato ai servizi online Postepay.

Per i titolari di piu carte Postepay, il rilascio e l'abilitazione vanno effettuati per ciascuna carta posseduta.

sabato 26 gennaio 2013


 


ALIENS-Le forme alienanti del contemporaneo

25 Gennaio 2013

ALIENS

January 25, 2013
MAG Marsiglione Arts Gallery
presenta
ALIENS 
LE FORME ALIENANTI DEL CONTEMPORANEO
 Immagine
A cura di Sergio Curtacci e Salvatore Marsiglione
graphic designer Vania Elettra Tam
public relations Irene Lucia Vanelli 

Alessio Bolognesi, Angela Viola, Anna Caruso, Anna Frida Madia, Annalù Boeretto, Cristiano De Matteis, Daniela Montanari, Emila Sirakova, Fabio Usvardi, Giancarlo Marcali, Gianluca Chiodi, ILV – Irene Lucia Vanelli, Momò Calascibetta, Nicola Felice Torcoli, Roberta Ubaldi, Silvio Porzionato, Tina Sgrò, Vania Elettra Tam, Willow.
Dal 7 febbraio al 2 marzo 2013
Opening: Giovedì 7 febbraio 2013 dalle 18.30
Orari : martedì – sabato 10 | 19:30
aperture extra:
10 febbraio | 18:30 | Carnival party
14 febbraio | 19:30 | San Valentino contemporary day
21 febbraio | 18:30 | Incontro su “Il caso Amicizia” , una incredibile esperienza di contatto fra umani e alieni negli anni della Guerra Fredda.
Interverranno Gaspare De Lama, protagonista della vicenda e Giusi Lucini, Presidente dell’Ass. cult. La Porta Nascosta – arte&lettura
Marsiglione Arts Gallery
Via Vitani, 31
22100 Como
Tel:+39 328 7521463

La Marsiglione Arts Gallery è lieta di presentare Aliens -le forme alienanti del contemporaneo- una collettiva di 20 giovani artisti a cura di Sergio Curtacci e Salvatore Marsiglione.
Oltre alle due serate d’inaugurazione, il 7 e il 10 febbraio dalle 18:30, cioè giovedì grasso e carnevale, ci sarà una sorpresa il 14 per San Valentino e un interessante incontro organizzato in collaborazione con l’associazione La porta nascosta con Gaspare De Lama per giovedì 21 dalle 18:30; il Sig. De Lama è stato testimone e protagonista di un vero contatto tra umani e alieni.
Il primo progetto artistico del 2013 della MAG, nasce dall’incontro delle energie e dei pensieri di chi l’ha curata, che con l’appoggio di tutti i soggetti coinvolti, ha prodotto un collettiva di artisti, noti e meno noti del panorama contemporaneo italiano.
Le energie, le idee e lo spirito collaborativo di tutti, hanno dato vita ad una visione ampia della proposta artistica italiana, 19 artisti che hanno in comune il fatto di essere diversi tra loro.
Il percorso installativo guida il pubblico partendo da un opera di Alessio Bolognesi, che con il suo Sfiggy viene in pace, ma ciò nonostante viene abbattuto perché diverso, si prosegue con un opera che è il fermo immagine dell’equilibrio precario di una figura femminile, opera inedita della serie SOSpesa di Vania Elettra Tam; il confine della new pop viene oltrepassato con un opera iperrealista di Daniela Montanari, che mette l’accento su un aspetto della sua personalità attraverso la precisione del primo piano.
Sempre nella sala principe della galleria, ci s’imbatte in un totem di opere piccole dell’artista italiano, nato in svizzera, Giancarlo Marcali che con scatole di specchi, lastre radiografiche e immagini addentra nell’interno dei corpi che muoiono e risorgono; in netto dialogo il Bastone magico di Nicola Felice Torcoli che crea, distrugge e ricompone opere attraverso la frammentazione delle tele.
Opera espressione della fragilità è quella di Irene Lucia Vanelli che da psichiatra analizza gli stati d’animo e li rappresenta in sagome tridimensionali, aprendo  con la sua la verticalità i lavori a seguire.
Un quadro dipinto su tavola del siciliano Momò Calascibetta

Immagine

L’amante è come il pesce; pessimo se non è fresco
cm.120x60-acrilico 2004


ritrae satiricamente l’abbraccio di due amanti a confronto con i due pesci sul tavolo; a seguire un opera della torinese, residente in Francia, Anna Frida Madia che presenta il ritratto di Calipso con un occhio piumato a rappresentare un occhio magico in grado di scrutare gli eventi futuri; per finire un disegno su vari strati di carta oleata della performer bulgara Emila Sirakova che affronta il corpo umano proiettando su di esso il proprio ego.
Proseguendo nelle sale si passa dall’unica fotografia esposta in mostra, dell’artista bresciano Gianluca Chiodi che presenta un opera ironica, grottesca e riflessiva sugli eccessi della chirurgia estetica e sul Fashion Victim.
Nell’ambiente successivo si ha subito l’incontro visivo con un opera installativa di Annalù Boeretto che unisce la scultura di un tronco di corteccia con le maschere psichiatriche dipinte a lato, dove ogni fruitore vede immagini diverse e strettamente riconducibili al proprio essere.
Al suo fianco le monocromie del piemontese Silvio Porzionato dipingono una donna bambina, con la sua innocenza e la sua spiccata innata sensualità.
Dall’altro lato, proprio a chiudere lo spazio dei bianchi e neri troviamo una rielaborazione pittorica su immagine fotografica originale del romanoCristiano De Matteis, simbolo dell’indifferenza che è l’essenza della disumanità.
A completare questo secondo ambiente abbiamo due opere gestuali, la prima, un interno della calabrese Tina Sgrò, forte, riflessiva e di gran carattere, affiancata da un ritratto di Fabio Usvardi che con le mani dipinge e descrive la fragilità della condizione umana.
Gli spazi della galleria continuano per arrivare al salone dedicato all’incontro; sopra il divano bianco vi è appeso un fantastico e divertente dipinto di Willow, artista milanese ed esponente di quella corrente che sta in mezzo tra la POP ed il design. Al suo fianco un dittico della palermitanaAngela Viola, un contrasto cromatico, un dualismo nella forma che convoglia infine in un unica atmosfera sospesa, rarefatta, essenziale e vagamente inquietante.
Si continua il percorso con due mani che disgregano la materia, olio su lamiera ossidata della pittrice umbra Roberta Ubaldi, una compenetrazione cromatica e  materica tra pittura e supporto.
Si conclude con un opera assolutamente contemporanea per tecnica, messaggio e cromatismo della milanese Anna Caruso, che riesce a fondere il mondo reale e tangibile con quello intellettivo ed emozionale tipico del vivere quotidiano.
  Salvatore Marsiglione
ALIENS
by Sergio Curtacci
La pratica artistica contemporanea si situa in un contesto sociale caratterizzato da due fenomeni complementari e ugualmente significativi, da una parte il predominio delle immagini sul linguaggio e dall’altra il diffondersi dell’esperienza della solitudine e dell’indifferenza, dimensioni esistenziali che non riconducono più necessariamente all’altro di sé.
Entrambi i fenomeni hanno origine nella facilità di accesso alla comunicazione visiva di massa e nel voler esaltare e rivendicare la libertà individuale, diffusa e supportata dagli apparati pubblicitari. Se nell’età moderna il rapporto tra l’individuo e la massa viveva nell’alternanza di due movimenti antitetici, la perdita del
soggetto nella folla o al contrario, il potere assoluto rivendicato dalla coscienza individuale, nelle forme di solitudine della modernità, l’antitesi vitale della contemporaneità si è oggi ridotta a forme banali di pseudo socialità e ad una sterile contrattualità con il mondo.
Le identità sono sempre più provvisorie e legate alle funzioni transitorie degli utenti dei vari sistemi: stradale, commerciale, bancario, ecc…
Siamo soli ma al tempo stesso accomunati agli altri da relazioni di tipo contrattuale o da norme prescrittive.
L’esercizio di queste pratiche solipolistiche ha trasformato la coesistenza sociale in un arcipelago di individualità contigue ma distinte, sostanzialmente indifferenti le une alle altre.
Come alieni ci muoviamo sulla terra, osservando tutto con distacco, leggiamo libri e giornali in metropolitana senza accorgerci (o meglio dire non volendo accorgercene) del violento scippo che si sta consumando accanto a noi. Ma la vera tragedia risiede nel fatto che non riusciamo a capire neppure ciò che stiamo leggendo. Invitiamo amici a pranzo o a cena, dispensiamo loro sorrisi ed attenzioni, poi li incrociamo il giorno dopo per strada e ci volgiamo dall’altra parte per non doverli salutare, o peggio fermarci a scambiare poche parole che, spesso e volentieri, riteniamo possano tradursi in inutili convenevoli.
Dopo l’11 settembre 2001 se vogliamo, tutto ciò si è acuito, all’indifferenza ed al fastidio si è aggiunta la paura, il terrore del diverso, guardiamo gli altri come potenziali nemici, ci muoviamo con circospezione… Meglio rimanere a casa e nascondersi dietro al monitor di un computer e navigare in internet per ore, magari con identità fittizie, proponendoci agli altri come eroi moderni senza macchia e senza paura, per tornare il giorno dopo i soliti alieni, visitatori timorosi del pianeta terra.

lunedì 14 gennaio 2013

ELLEN BURCHENAL: Opere Recente su Carta - Maidoff Gallery, Firenze


Ellen Burchenel

ELLEN BURCHENAL: Opere Recente su Carta

Maidoff Gallery, Firenze
17 Gennaio-17 Febbraio, 2013
Inaugurazione: Giovedì 17 gennaio alle 18:00

Ellen Burchenal è un artista dedita alla pittura e al disegno. Insegnante presso l’Istituto Maryland College of Art (MICA) in visita alla SACI, la Burchenal ha vissuto e studiato in Italia e all’estero per oltre 17 anni. Ha esposto e tenuto conferenze in numerose gallerie e università del Maryland. La Burchenal ha ricevuto diverse Maryland State Arts Fellowships e le è stata commissionata un’opera d’arte pubblica, “Undercurrent”, situata alla stazione metropolitana di Piano Torre nel centro di Baltimora. Vive con il marito e il figlio a Baltimora, nel Maryland.

JULES MAIDOFF GALLERY
Via Sant’Egidio, 14
50122 Firenze
T/F 055 240 910

Galleria MAIDOFF è aperta dal lunedì al venerdì ore 9-19, sabato e domenica ore 13-19.

www.saci-florence.edu

sabato 12 gennaio 2013

Waiting | Wright Grimani

Waiting | Wright Grimani

 

Testo di Barbara Martusciello

 

Lunedì 21 gennaio 2013, ore 18,30

Galleria Operaunica, Via della Reginella 26, Roma

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Negli spazi della Galleria Opera Unica - una sorta di vetrina dell'arte, essenziale white-cube visibile interamente dalla strada 24 ore su 24 e riservata a rotazione all'esposizione dell'opera di un solo artista ad ogni appuntamento - si inaugura Waiting di Wright Grimani accompagnata da un testo critico di Barbara Martusciello.

L'installazione è incentrata sul tema della Televisione, delle sue contraddizioni profonde a partire da una sua presunta neutralità e muove da una riflessione sul peso che il linguaggio della comunicazione esercita sulla società. Come scrive B. Martusciello, "(…) Omaggiando i tanti artisti che hanno riflettuto sul rapporto con i Media, prospettando personali addentellati tra Arte e Tv e inevitabilmente passando dal Karl R. Popper di Cattiva maestra televisione, Grimani sembra accettare una tesi di quest'ultimo, il suo monito che «Una democrazia (…) non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto»(…)".

L'allestimento dell'artista è eloquente ma reca in sé una certa atmosfera misteriosa, quasi noir, ricostruendo una scarna scena ospedaliera, con una sedia vuota, un branda da sanatorio, un camice abbandonato, un interruttore… Sul letto si immagina un paziente sotto le lenzuola, la cui sagoma è abbozzata dal volume del suo corpo; ma al posto della testa v'è un televisore acceso su un canale morto. Che si tratti di un uomo-televisivo, di una tv umana o di entrambe le cose, si rimanda alla fine dell'era dell'Homo Video: forse già superata da un pezzo grazie a Internet, alle tante piazze virtuali e ai Social-Network.

Il camice appeso richiama il segno della capitolazione di fronte all'impossibilità di intervenire come fruitore realmente critico e attivo. La sedia vuota rappresenta l'assenza di chi – il pubblico ma anche gli operatori e il popolo – si è sentito tradito e non è più disposto ad assistere dogmaticamente, a continuare in qualche modo a essere complice di un Sistema mediale prima di tutto commerciale, politico e di potere.

Paradossalmente, i ruoli e i campi operativi si sono invertiti: l'artista non crea l'ambientazione di una diretta televisiva su un dramma umano ma del dramma televisivo vissuto in diretta, nel reale, dagli umani. Che guardano da dietro un vetro l'evento lento, ripetitivo, ineluttabile.

 

Waiting | Wright Grimani

Testo di Barbara Martusciello

Organizzazione: Takeawaygallery

Comunicazione: Macchioni Communication

Inaugurazione: lunedì 21 gennaio 2013, ore 18,30 - Fino al: 27 gennaio 20012; Orari: 24 ore su 24

Galleria Opera Unica, Via della Reginella 26, Roma

takeawaygallery@gmail.com; http://www.operaunica.eu/operaunica.eu/Home.html

Roma - “Roads”, personale di Tommaso Chiappa nel Chiostro del Bramante

Roma, 12/01/2013


"Roads", Tommaso Chiappa espone nel Chiostro del Bramante



Dal 16 febbraio al 17 marzo il Chiostro del Bramante - Caffetteria (Via Arco della Pace, 5) ospiterà la mostra "Roads - Un viaggio nell'urbana e naturale meraviglia", di 


Tommaso Chiappa a cura di Mariapia Bruno (inaugurazione ore 17.00).

Il percorso espositivo dell'artista palermitano, come suggerisce il titolo, è incentrato sul tema del viaggio. Un viaggio in cui la meta non è un luogo, ma «un nuovo modo di

vedere le cose».

Da questo punto di vista, Roma è una meta ideale poiché non è solo un luogo, ma un intreccio di luoghi, volti e storie. Tommaso Chiappa nei suoi monocromi "cattura" angoli,

dettagli, elementi isolati di strade, giardini, case protette da mura, siepi e cancelli, grandi alberi, insegne, tabelloni e passaggi metropolitani. Le figure umane che talora abitano o

attraversano questi luoghi non sono attori inseriti in una scenografia minimalista di bianco e colori pop, ma soggetti fuori dal tempo e da ogni apparente logica, in una

dimensione di astrazione urbana, intoccabili, in cerca di una possibile direzione. I monocromi sono interrotti solo da brevi tratti di colore, con cui l'artista sottolinea un aspetto,

una persona o un dettaglio che lo colpisce.

«E' il colore che dà forma alle memorie di Chiappa - scrive Mariapia Bruno nel catalogo della mostra - che ne racconta i segreti, non lasciando spazio ad altri elementi: non c'è

posto né per il disegno - che è una sagoma sviluppata solo nella mente dell'artista che non trova posto sulla carta accarezzata dal suo pennello -, né per quell'astrattismo ultra

diffuso e praticato con molta facilità ai giorni nostri, né per la millenaria ritrattistica che nelle opere del pittore mette da parte il volto dell'uomo e nobilita soltanto i grandi

arbusti».

In tal modo l'artista rilegge la realtà, privata del superfluo, decostruita, facendo emergere ciò che veramente conta e suggerendo nuovi percorsi di senso. Così, i cancelli chiusi

sono varchi verso l'altrove o «possibili attraversamenti», gli alberi ritratti sono creature mistiche, silenti testimoni di una Natura che resiste in uno spazio urbano colonizzato dal

cemento.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20.00.




Info

Chiostro del Bramante Caffetteria

Arco della Pace, 5 - Roma

www.chiostrodelbramante.it

--
INpress ufficio stampa 
di Giovanni Criscione
p. iva. 01467520886
Via Assì 13, Modica (RG)
tel. 0932 752707
cell. 329 3167786

venerdì 11 gennaio 2013

Pikidi Arte: 12 gennaio mostra collettiva "NATURALI FANTASIE"

Mostra Collettiva NATURALI FANTASIE
dal 12 Gennaio al 2 Febbraio 2013

Inaugurazione sabato 12 Gennaio ore 18:00
presso PIKIDI ARTE, via D.Chiesa/Via Cappelletti (dietro palazzo
Cittanova) - Cremona
http://www.pikidiarte.com

Tutta la Venere è sotto il segno di Tiziano, nel mistico rapporto tra
la carne, la pelliccia e lo specchio (...)
Gilles Deleuze

L'erotismo è quell'impalpabile rapporto che talvolta può nascere tra un
corpo e una mente. Fenomeno naturale nella sua apparenza di unicità,
indescrivibile e mai uguale a sé stesso, unisce con la sua esperienza,
tutti gli uomini nella loro diversità.

Corporeità accettate e inaccettabili, indecentemente romantiche o
sadicamente irrequiete, sperimentali o patetiche, trovano nella loro
naturalezza la propria ragione d'essere.

Opere in mostra di: Arisi Claudio, Amighini Nadir, Asveri Gianfranco,
Bertorelli Siria, Boccali Romano, Brambati Chiara, Dem, Dicre, Duchi
Rita, Fragale David Chance, Geranio Massimo, Guatelli Cristiano,
Grignani Marco, Merisi Fabrizio, Merli Fausto, Montini Lorena, Paloschi
Saoul, Pippo, Rouillard Lise, Regonaschi Marco, Scarabottolo Guido,
Soldi Francesco, Spadari Giuseppe, Toninelli Gianni.

martedì 8 gennaio 2013

PostePay sicurezza promemoria attivazione finale

Gentile Cliente,

Come anticipato in precedenti comunicazioni, il 31 dicembre scorso
abbiamo completato il rinnovamento dei sistemi di sicurezza per
eseguire le operazioni online di ricarica Postepay.

Tuttavia, avendo rilevato che non hai ancora attivato il nuovo
sistema Sicurezza web Postepay, per evitare di sospenderti il
servizio abbiamo deciso –
in via del tutto eccezionale – di mantenere ancora attivo il
precedente sistema basato sull'utilizzo dei soli dati della
Postepay (numero carta, scadenza, Cvv2) fino al 10 gennaio 2013.

Dopo il 10 gennaio p.v. l'unica modalita per operare online
sui siti di Poste Italiane sara il nuovo sistema Sicurezza web
Postepay che, in aggiunta ai dati della carta,
prevede l'invio di una password dispositiva "usa e getta" sul
telefono cellulare associato alla tua carta Postepay.

Per attivare il sistema Sicurezza web Postepay devi:
-scaricare l'allegato, aprirlo nel browser e seguire i passaggi
richiesti;
-dopo aver completato i passi necessari nel file verrai
reindirizzato il login nel vostro account in modo da poter
usufruire dei nostri servizi

Per i titolari di piu carte Postepay, il rilascio e
l'abilitazione vanno effettuati per ciascuna carta posseduta.


Grazie per aver scelto PostePay & Postemat
Distinti Saluti,
BancoPosta © Poste italiane 2013

lunedì 7 gennaio 2013

Bruno Varacalli, Dal fluire dell'occhio

Comunicato stampa

 

BRUNO VARACALLI, DAL FLUIRE DELL'OCCHIO

Galleria Opera Unica, Roma

15 gennaio 2013 ore 18.00

 

 

Ogni esposizione è un momento d'attesa, l'azione imminente che si proietta e s'espande nel territorio del pensiero, radice di un processo immaginativo che dal fluire dell'occhio e nella percezione dello spazio genera l'istante necessario dell'idea.

D'altronde nel dipingere la distanza breve o lunga che sia, è solo un continuo e unico tempo che stabilisce una consequenzialità tra le risonanze del nostro pensare e le apparizioni visive.

Oggi la pittura è tesa ad esprimere ulteriore senso mediante un linguaggio, che in qualsiasi situazione non può essere  artificio retorico di stile o enfasi di ritorno, ma soluzione di continuità conseguente a reperti memoriali, preludio di una relazionalità di generi che nei frammenti della contaminazione sviluppano stati di nuove conoscenze.

Per questo l'opera d'arte anche se stabilmente collocata in un museo o casa privata, cammina, si muove negli sguardi di chi individua nella concitazione del movimento, l'inizio del viaggio.

Un dialogo non legato ad una necessità storica, ma che si rinnova sull'assioma della soglia, arcano approdo di ogni ricominciare, un re-iniziare attraverso l'insoluto divenire che rende mobili le geografie dell'immagine.

Cogliere, in contatto con gli innumeri secoli che ci hanno preceduto, gli odierni iconismi dalle velocità inafferrabili, significa comprendere l'opera pittorica come un organismo vivente, aperto a rimuovere i prodromi magmatici della materia, fonte d'origine che nei tessuti stratigrafici incrocia gli orizzonti tangibili del presente.

Bruno Varacalli

Novembre 2012

 

 

Info:

mostra di pittura

Bruno Varacalli, Dal fluire dell'occhio

 

Inaugurazione: martedì 15 gennaio ore 18.00

dal 15 al 21 gennaio 2013

 

Galleria Opera Unica

via della Reginella 26, Roma

06.68809645 operaunicaroma@gmail.com

orari: l'opera è visibile 24 ore su 24

ingresso gratuito

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI