Cerca nel blog

lunedì 30 aprile 2012

Silvio Vigliaturo. Help!


LA LUNGA MARCIA, 2012 - installazione dipinto olio su tela e sculture in vetro cm. 250x400

A partire da venerdì 25 maggio 2012, il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino ospita un’importante mostra che raccoglie le ultime creazioni dell’artista e maestro del vetro Silvio Vigliaturo. Il percorso, ideato da Vigliaturo appositamente per l’occasione, insieme ai curatori Cinzia Folcarelli e Andrea Rodi, si snoda alla stregua di una narrazione suddivisa in racconti fortemente connessi gli uni agli altri.  Ogni storia è rappresentata da una suggestiva installazione in cui scultura in vetro e dipinto diventano tutt’uno, trovando nel segno marcato e sinuoso e nei magistrali accostamenti cromatici, tipici dell’artista, la loro comune origine.
Ad aprire la mostra è l’opera Help!, in cui una struttura a croce separa quattro sculture in vetro di grandi dimensioni che alternano due grida di aiuto ad altrettante rappresentazioni di padri e madri abbracciati ai loro figli. I genitori appaiono a testa china, quasi che l’interminabile crisi economica li avesse affranti e sconvolti, rendendo sempre più incerto il futuro della loro prole e sconfiggendo ogni residua speranza di un avvenire migliore. La seconda installazione – La lunga marcia – racconta di una risposta fallimentare a quelle stesse grida. Recuperando la celebre icona warholiana di Mao Tse Tung, Silvio Vigliaturo ne dà un’interpretazione ancor più contemporanea e affine alla nuova realtà cinese, che troppo spesso coniuga gli aspetti più deleteri del capitalismo estremo e del regime comunista. Nella visione dell’artista, il Grande Timoniere indossa degli occhiali da sole di una famosa azienda americana, e sotto le lenti nere che coprono il suo sguardo sfilano inermi degli esseri trasparenti, sviliti della loro stessa umanità.
Le venticinque opere che compongono la mostra, tra dipinti di grandi dimensioni e sculture in vetro di oltre due metri d’altezza, rappresentano ciascuna una risposta sempre e solo parziale alla crisi che sta colpendo l’Occidente e che, per Vigliaturo, non è soltanto economica, ma ha un forte corrispettivo morale nella nichilistica e relativistica perdita dei valori che contraddistingue le società postmoderne. Solo se presi nel complesso della mostra che li raccoglie, i singoli suggerimenti artistici si profilano come una soluzione effettiva ai drammi del XXI secolo. La famiglia, nell’esempio ancestrale di Sara e Abramo, come suggerisce l’installazione di quattro sculture Matrimonio bifronte, la natura, rappresentata dal maestoso fico d’india di Mediterraneo, e ancora, la bellezza, ideale che immancabilmente muove il fare artistico di Vigliaturo e che egli restituisce negli incanti cromatici delle sue opere, sono le basi primordiali su cui cominciare a costruire una nuova umanità.
La mostra è realizzata in collaborazione con l’associazione culturale De Arte.


Silvio Vigliaturo
HELP!

Luogo:                                                  Museo Regionale di Scienze Naturali
                                                               Via Giolitti 36, Torino                        
Curatori:                                               Cinzia Folcarelli e Andrea Rodi
Vernissage:                                          25 maggio 2012, ore 18
Periodo:                                               dal 25 maggio al 1 luglio 2012
Orario:                                                  tutti i giorni, 10-19; martedì chiuso
Info museo:                                         numero verde 800329329
                                                               Tel. 0114326354; fax 0114326320
www.mrsntorino.it             
Info mostra:                                         tel. 0119422568
                                                               www.museovigliaturo.it; maca@museovigliaturo.it

Enrico Grasso Coeurs a porter


Enrico Grasso
Coeurs à porter


In una sorta di fermo-immagine, ci vengono incontro un bel paio di gambe, che spuntano maliziose sotto una breve gonna svolazzante, sono lì provocanti, spavalde
procedono spedite molto consapevoli, mentre accanto un cuore variegato sembra
gemere, rinchiuso in una gabbia. Couers à porter, cuori disponibili di facile fruizione.
Anche in alto c'è un festone di cuori, cinque per l'esattezza: il primo azzurro percorso
da un vortice di piccole presenze,…. un cuore turbato? Il secondo come di regola trafitto, il terzo costretto in una corona di spine….. sofferenza? Il quarto contiene un labirinto dove c'è irraggiungibile un piccolo cuore ed infine l'ultimo leopardato tutti i significati dei precedenti? Sulla perizia formale dei suoi lavori siamo tutti d'accordo
Enrico è bravo, altrettanto se si vuol dire per i contenuti i suoi Coeurs à porter sono un'interpretazione in chiave romantica-ironica dell'amore, lei libera e scanzonata, ma pene assicurate per chi l'ama. Guardando questa immagine viene in mente un'icona
famosa la Monroe con la gonna svolazzante di "Quando la moglie è in vacanza" e una vecchia canzonetta che diceva: saran belli gli occhi neri, saran belli gli occhi blu ma le gambe a me piacciono di più… E' veramente intrigante il suo malizioso testimoniare
il fascino dell'eterno femminino, divertente; un quadro ti deve stimolare, far pensare, riflettere, ritengo che Enrico ha fatto centro con i suoi Coeurs à porter.
Angela Noya

Info: 

Mostra di Enrico Grasso "Coeurs à porter"

Inaugurazione: giovedì 10 maggio ore 18.30
Dal 10 al 16 maggio 2012
L'opera è visibile tutti i giorni 24 ore su 24

Galleria Opera Unica
Via della Reginella 26, Roma
0668809645   operaunicaroma@gmail.com

giovedì 26 aprile 2012

ristorante magrebino DERB una mostra tutta al femminileTRAME DI DONNA


Nello spazio espositivo del ristorante magrebino DERB

una mostra tutta al femminile

TRAME DI DONNA

dipinti di

Chiara Novelli e Lucia Salvia

con la partecipazione di Tiziana Curti



dal 4 al 18 Maggio 2012

via Faenza 21 /r apertura dalle 17 alle 24



Presso lo spazio espositivo del ristorante magrebino Derb si inaugura il 4 Maggio alle ore 17una suggestiva mostra al femminile che l'atmosfera magica del piano interrato custodisce come in uno scrigno.

TRAME DI DONNA racchiude un estratto del mondo prezioso di tre artiste Lucia Salvia formatasi presso il Laboratorio artistico della Scuola Sole Costa diretta dalla pittrice argentina Andrea Sole Costa, ha sperimentato varie tecniche e metodologie pittoriche dagli acquerelli, al figurativo all' olio, all'acrilico. Ha al suo attivo tantissime mostre collettive e personali e, recentemente, si è dedicata all'approfondimento delle tecniche dell'antica pittura di icone di tradizione ortodossa 1' Premio Speciale d'Onore Pittura alla 9' Rassegna d'Arte e Letteratura 2012 – Cortona , in questa mostra espone prevalentemente acquerelli dal soggetto floreale e dalle delicate trasparenze.

Chiara Novelli , dopo aver svolto studi umanistici e sociali, si occupa di restauro di opere in legno e ceramica. Acquerellista, pittrice di icone, molto recentemente si è avvicinata alla pittura figurativa a olio, partecipando ad alcune collettive di arte figurativa, ma ha raggiunto ottimi risultati in breve tempo

Membro del consiglio direttivo del Centro d’arte Modigliani di Scandicci, è socia dell’Accademia di poesia Vittorio Alfieri di Firenze. Presidente dell’associazione culturale “La Città di Murex- laboratorio Arte e Scrittura di Firenze”, conduce un Laboratorio di Scrittura Creativa. Il suo stile a metà tra il sogno e il naif festosamente colorato.

Ospite delle due artiste, con tre sue ultime creazioni, Tiziana Curti, poetessa e pittrice ,Fa parte del comitato esecutivo dell'Accademia Alfieri , molti i premi nazionali e internazionali, è presente su numerose riviste e raccolte antologiche. Organizza e dirige serate di lettura di poesie conferenze e presentazioni di libri, tra le numerose esposizioni Peintures & Poesies aux coleurs de l'Italie (Nizza Francia) nel 2011, il suo stile si riallaccia alla corrente dei metafisici predilegendo colori molto contrastanti e vivaci

Un'occasione per comprendere e conoscere a fondo queste personalità creative tanto diverse tra loro -TRAME DI DONNA -tra la suggestione di colori mediterranei e la musica del nord Africa si intrecciano i colori accesi o suadenti delle pitture esposte in un moltiplicarsi di sapori ,odori,visioni , gesti che appagano tutti i sensi di chi voglia avventurarsi in questo mondo fantastico seduto nei morbidi e accoglienti divanetti per osservare al meglio le opere esposte .

La mostra resterà aperta fino al 18 Maggio dalle ore 17 alle ore 24 secondo gli orari di apertura del ristorante ,



Tiziana Curti


martedì 24 aprile 2012

GALLERIA ROCCATRE: FRITZ BAUMGARTNER IN MOSTRA

Straordinarie opere inedite del maestro (austriaco di nascita e bavarese di adozione) Fritz Baumgartner in mostra a Torino dal 26 aprile c/o la Galleria Roccatre. Con l'allestimento intitolato "Anni cinquanta" viene presentata al pubblico un'ampia selezione delle intriganti tele del periodo espressionista, già protagoniste del successo della mostra del 2005 ospitata dalla stessa galleria. Ispirato dai suoi anni trascorsi a Parigi e dalle suggestioni del maestro delle figure irregolari Oskar Kokoschka, Fritz Baumgartner ha saputo animare gli originali soggetti di un ambiente immaginario da lui stesso definito mistico, mitico e storico insieme, attraverso una pittura intensa, generata da materiche pennellate di colori depositate su tele grezze. In mostra, tra gli oli, il maestoso Crocifissione, l'ironico Dal dottore e alcuni straordinari pastelli cerosi come il forestiero New Orleans.
Inaugurazione il 26 aprile alle ore 18,30 in Via della Rocca, 3. La mostra sarà visitabile dal martedì al sabato con orario 10,30-12,30/15,30-19,30, dal 26 aprile al 31 maggio 2012.

Mostra Silenzio, Casale Monferrato (Al), 5maggio-3giugno

Mostra "Silenzio. L'aspetto ambivalente del Silenzio. L'imposizione del Silenzio come arma di repressione della società o della libertà individuale. Silenzio come scelta omertosa, vigliacca e ipocrita. Silenzio come difesa per nascondere la violenza, la vergogna e i soprusi." Dal 5 Maggio al 3 Giugno 2012, presso Ex Chiesa Mater Misericordiae, Casale Monferrato (Al).

E' importante sensibilizzare, non solo l'opinione pubblica e gli adulti, ma anche i ragazzi dalle scuole medie in poi, al rispetto e alla tolleranza verso il prossimo, prendere le distanze dai modelli di comportamento violenti, incentivando il dialogo tra i sessi, essenziale per contrastare la violenza "per uscire dal silenzio", dare voce a chi ha subito un disagio, affinché il tema della violenza, in tutte le sue forme, non sia dimenticato e sottovalutata la sua gravità.

Perché non utilizzare l'arte, creata dai giovani, come un vero e proprio mezzo per comunicare questi messaggi importanti ai propri coetanei? Porre, così, l'attenzione degli spettatori verso i temi che affliggono la nostra società, come si evince dal titolo di questa mostra, in Collaborazione e con il Patrocinio dell'Assessorato per la Cultura e le Pari Opportunità del Comune di Casale Monferrato e il Patrocinio della Provincia di Alessandria e della Regione Piemonte.

A dare forza e supporto a questo messaggio, il coinvolgimento dell'Associazione "L'albero di Valentina", la Onlus di Casale Monferrato, dedita a combattere proprio queste tematiche importanti.
A Valentina, infatti, è dedicata la mostra e per lei sarà allestito uno spazio, all'interno della location, dove verranno esposti i suoi lavori artistici, in sua memoria. Per non dimenticare l'atrocità della violenza e dell'indifferenza delle persone verso questi soprusi e per ricordare che troppo spesso, i colpevoli rimangono, purtroppo, impuniti.

L'obiettivo, quindi, è quello di promuovere questo messaggio attraverso l'Arte (in tutte le sue forme: dando spazio alla pittura, all'illustrazione, alla fotografia, alla scultura ed alle installazioni video) di questi giovani artisti emergenti italiani, non solo a livello Locale e Nazionale, ma anche di coinvolgere, oltre gli abitanti di Casale Monferrato e Provincia, i Piemontesi e i Lombardi, gli studenti delle scuole superiori, gli universitari e i turisti italiani e stranieri su tutto il territorio nazionale.

Al fine di coniugare differenti forme d'aggregazione conviviale che abbiano, quale comun denominatore, l'amore per l'Arte, la Musica e la Cultura, piazza San Domenico, sarà allestita ad hoc, per la serata di inaugurazione del 5 Maggio, sabato 19 Maggio e sabato 2 Giugno, per creare una serie di eventi nell'Evento.
>Infatti, gli spettatori potranno degustare aperitivi artistici e assistere a suggestive performance live painting degli artisti del collettivo r-EVOLution, intervallate da momenti di intrattenimento musicale dal vivo e deejay set, che renderanno ancor più magica questa serata.

Programma

La Mostra, sarà aperta al pubblico venerdì dalle 16:00 alle 19:30, sabato e domenica dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:30. Entrata Libera.

Inaugurazione Sabato 5 Maggio
18:30: Presentazione della Mostra "Silenzio. L'aspetto ambivalente del Silenzio. L'imposizione del Silenzio come arma di repressione della società o della libertà individuale. Silenzio come scelta omertosa, vigliacca e ipocrita. Silenzio come difesa per nascondere la violenza, la vergogna e i soprusi." Interviene l'Assessore per la Cultura e le Pari Opportunità del Comune di Casale Monferrato Giuliana Romano Bussola e il Presidente Associazione L'Albero di Valentina Gianpaolo Cavalli
18:30: Aperitivo artistico con degustazione di prodotti enogastronomici locali
19:30: Performance live painting di alcuni artisti in Mostra
21:00: Performance live di musica Jazz & Blues
22:00: Performance musicale del gruppo rock Boo!

Sabato 19 Maggio
18:30: Aperitivo artistico con degustazione di prodotti enogastronomici locali
19:30: Performance live painting di alcuni artisti in Mostra
21:00: Convergenze Parallele. "Fabrizio De Andrè e Giorgio Gaber: l'incontro… possibile" di Sergio Salvi
22:30: Performance musicale del gruppo rock Marshmallow

Sabato 2 Giugno
18:30: Aperitivo artistico con degustazione di prodotti enogastronomici locali
19:30: Performance live painting di alcuni artisti in Mostra
21:00: Performance musicale del gruppo italiano Le Club Noir


Per Donazioni: Conto corrente postale intestato all'Associazione L'Albero di Valentina, IBAN: IT 35 F 07601 10400 000093707537, Causale: l'Albero di Valentina


Contatti:
CAP a.s.d., Chiara Pagano, Media Relation-Press Office r-EVOLution, Mail: chiara@kartrace.it
Collettivo r-EVOLution, Mail: anonimartisti@gmail.com,
Web: www.anonimartisti.it, Blog: anonimartisti.blogspot.com
>Associazione L'albero di Valentina, piazza Urbano Rattazzi n.7, 15033 Casale Monferrato (Al), C.F. 91027290062, tel. 331.5632124 lun-ven dalle 17:30 alle 19:00
Web: www.alberodivalentina.it, info@alberodivalentina.it

venerdì 20 aprile 2012

fattitaliani : Pino Boresta, l'eccezion(al)e intervista a cura di Daniele Capra

English version below. Farsi invitare alla più importante delle biennali: la madre di tutte, quella di Venezia, iniziata più di cento anni fa nella città lagunare, diventata ora. Qualsiasi persona dalla provata fiducia nella ragione sa che un approccio come quello di Pino Boresta è automaticamente destinato a fallire. L'artista romano infatti, ha lavorato insistentemente per anni per sollecitare curatori e critici affinché lo invitassero alla kermesse lagunare, ma con la cura di operare in maniera diretta, antipatica e non salameleccosa.

Il blitz, lo schiamazzo, la contestazione in dibattiti pubblici, tutti interventi di disturbo in cui sono – programmaticamente – sbagliati gli approcci, le modalità, i toni. Potremmo dire, anzi, che se ciò non avvenisse (se cioè avessero esito positivo le sue richieste) egli si priverebbe del piacere che spesso hanno i bambini cattivi di rovinare con un pastrocchio gli ordinati quaderni dei primi della classe. E poi è troppo scontato sviluppare delle strategie vincenti. Provate voi ad immaginare come siano delle strategie perdenti. Ecco Boresta è quel genere di personalità: è essenzialmente un artista che ama porre domande, rompere sonoramente i cabasisi, come scriverebbe Camilleri. Anche l'intervista che segue ne è la dimostrazione.
DC: Dentro o fuori il sistema che differenza fa?
PB: In prospettiva futura nessuna, ma oggi quando un artista viene proposto attraverso canali di particolare autorevolezza all'interno del sistema, ciò fa sempre sì che il suo lavoro riceverà approvazione o quantomeno una forte attenzione, a prescindere dal fatto che sia apprezzato o meno dai più.
DC: Ma l'arte è un lavoro di relazione...
Sì, ma ciò decreterà ogni volta l'inevitabile e ripetuta sconfitta di chi – pur avendo alle spalle un lavoro significativo – dovrà rassegnarsi ad affrontare sempre una sorta di sfiducia sistematica, che comprometterà la qualità e la quantità di attenzione necessaria ad una comprensione adeguata del suo lavoro.
DC: Ma allora vuoi semplicemente cambiare il sistema?
PB: Semplicemente! Ti pare poco? Bisognerebbe farla finita con queste logiche opportuniste utilizzate ogni volta per confezionare Biennali e Quadriennali a vantaggio dei soliti artisti ammanicati sostenuti da un ristretto corporativo nucleo di gallerie fondazioni ed istituti!
DC: Quindi il Padiglione Italia di Sgarbi è benvenuto!
PB: Mah! Non lo so, di sicuro io non pensavo certo ad una formula come quella di Vittorio Sgarbi! Ma più a quella ugualmente criticata che adotterà la Quadriennale – che mi ero permesso di suggerire il 4 ottobre 2008 parlandone con Roberto Pinto, Emanuela De Cecco, ed altri, nell'intervallo della presentazione di un libro della Subrizi – dove saranno degli artisti ad invitare altri artisti. Anche se visto l'andazzo dei fatti che mi riguardano ultimamente non credo che le cose cambieranno gran che per me.
DC: Non penso che per te sia importante diventare noto, quanto piuttosto far ragionare la gente attorno ai meccanismi di inclusione/esclusione.
PB: Sì! Esatto!
DC: E hai cominciato subito con azioni pubbliche. Quando è stata la prima?
PB: Una tra le prime fatte è quella dove ho fatto quell'intervento estemporaneo di cui ti ho raccontato, nel quale ho promosso il mio progetto Firma Boresta. L'occasione era la presentazione del libro di Carla Subrizi Perché Duchamp alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna.
DC: Non ricorderai nemmeno cosa hai detto...
PB: Sì! Perché me lo sono scritto su un fogliaccio lì per lì che ancora possiedo. "Sono qui per parlare di Duchamp e dell'importanza della sua opera, ma purtroppo non ho preparato nulla e inoltre hanno parlato e dovranno parlare persone sicuramente più accreditate di me.  Io però ho un sogno, anzi no! Ho fatto un sogno, un sogno dove il Duchamp con una parrucca bionda mi esortava dicendomi "vai vai alla conferenza di Carla Subrizi che ha scritto e presenta un bel libro su di me". Pertanto su mandato del grande Marcello sono qui in veste di parassita, parassita dell'arte, nel tentativo di far diventare una petizione un opera d'arte. Voglio valutare se una raccolta firme può divenire opera d'arte, ma anche verificare  fino a che punto oggi un artista non sostenuto e promosso dai soliti volti noti, critici e galleristi potenti, possa ancora incidere ed influenzare questo dibattito ampliandolo nelle sue dinamiche come sicuramente ha fatto Duchamp, e a cui credo sarebbe piaciuta questa mia idea. O forse no?"
DC: Forse no! E poi?
PB: Ho poi distribuito i miei volantini e raccolto qualche firma.
DC: Cosa ti rimane ora del progetto
PB: Tutto! Ma quello che ancora oggi mi domando è a chi un curatore quale Daniel Birnbaum, intellettualmente onesto e corretto, come sostengono, abbia chiesto informazioni su un certo artista Pino Boresta, che gli aveva inviato un grosso pacco con quasi 1000 firme, pubblicazioni e materiale vario riguardante una curiosa iniziativa che consisteva in un auto petizione per essere invitato alla sua Biennale di Venezia?
DC: Magari non le ha nemmeno viste di persona...
PB: So di certo che l'ha ricevuto e visto, in caso contrario sarebbe molto strano per un curatore serio.
DC: Magari il tuo lavoro lo interessava o magari gli faceva semplicemente schifo!
PB: Bravo! Esatto, magari gli interessava o magari gli faceva schifo ma sicuramente avrà chiesto a qualcuno vicino a lui che meglio conosceva il panorama artistico italiano, e cosa gli avrà detto non lo saprò mai ma posso immaginarlo visto poi come sono andate le cose.
DC: Lo ripeto. Avresti dovuto approfittare di quell'incapace di Sgarbi...
Che vorresti dire che se non sono riuscito ad infilarmi alla biennale nemmeno con Sgarbi  non ho  nessuna speranza di riuscirci?
DC: Sì!
PB: Forse hai ragione ma io credo che al padiglione Italiano curato da Vittorio Sgarbi avrebbero dovuto partecipare solo artisti che fanno un certo tipo di lavoro, artisti che fanno un lavoro che esce fuori anche nel caos più totale di mille opere e che anzi del caos si nutrono.
DC: Dovevi chiedere a lui!
PB: L'ho fatto e mi ha pure telefonato, ma poi mi ha detto che non lo convincevo, ma forse è un buon segno. Io nel partecipare non avrei di certo avuto nulla da perdere, che volete che me ne importi a me di attaccare la mia opera appiccicata ad altre mille, quando io come un parassita le attacco addirittura sopra le opere degli altri. Cosa volete che me ne importi a me di dover competere per accaparrarmi un po' di attenzione del pubblico dell'arte tra centinaia e centinai di opere di quasi trecento artisti, quando da diciotto anni attacco nelle strade delle città i miei adesivi con la mia faccia alla merce distratta dei passanti cittadini e competendo tutti i giorni con la massiccia invasione pubblicitaria con la quale le città sono aggredite e violentate. Lì si che rischio di perdere la mia battaglia, e ogni giorno mi prendo la mia rivincita.
DC: Questo però non ti ha portato da nessuna parte...
PB: Ma per esempio mi ha portato a te... tu sei nessuno?
DC: Quindi Venezia rimarrà solo un sogno?
PB: Ma io c'ero al padiglione e ci sono tutt'ora guardate bene!
DC: Cosa hai fatto?
PB Ho srotolato il mio manifesto in PVC I want Pino Boresta to the Venice Biennial ed è rimasto lì appeso abusivamente tutto il giorno dell'inaugurazione. In molti lo hanno visto e possono confermare non ultima un'entusiasta Laura Palmieri.
DC: C'è qualcosa che ti è piaciuto dell'ultima Biennale di Venezia?
PB: Della Biennale mi è piaciuto il padiglione della Spagna intitolato L'inadeguato quando l'ho scoperto pensavo fosse dedicato a me.  Infatti, non capisco perché non ci sono pure io tra gli invitati agli eventi. Pensa uno dei miei articoli che ho scritto sulla rivista Juliet, con la quale collaboro da diversi anni, si intitola L'inattuale, curioso no?
DC: Non sei l'unico a lamentarti allora...
PB: Sono esattamente dentro e sulle tematiche delle quali si dibatte ultimamente nell'arte oggi, avendo in tanti anni di lavoro, contribuito affinché venissero allo scoperto, ma mi sa che hai ragione tu... sono proprio antipatico e sbaglio tutti gli approcci visto che anche lì, tra questi, non mi vogliono e non vogliono darmi visibilità.
DC: Ma no, sei il solito dietrologo!
PB: Invece è come se ci fosse qualche oscura figura che trama contro di me e fa si che io non ci sia lì dove è importante esserci. Mania di persecuzione?
DC: Sì!
PB: Può darsi, ma quando anche qualcun altro ti dice e conferma alcune delle cose che pensi, incominci a credere che forse le tue valutazioni non siano del tutto sbagliate.
DC: Ma non sei stufo di lamentarti?
PB: Ma te l'ho detto gli altri lo fanno perché vogliono ottenere qualcosa io lo faccio perché fa parte dell'opera. Vogliono che smetta! Vogliono che smetta di fare l'artista? Beh se Cattelan smette, come ha detto, anche io smetto di fare l'artista. È l'effetto trascino, ma se poi penso che lui però qualche soddisfazione se la sia tolta mentre io no, quasi quasi mi viene voglia di ripensarci! Ah ah!
DC: E quindi?
PB: Facciamo così: mi do tempo altri due anni e se non riesco a essere invitato alla prossima Biennale mi suicido!


Pino l’eccezion(al)e Interview by Daniele Capra

Trying to be invited at the most important biennial: The mother of all Biennale di Venezia, started more than a hundred years ago in Venice. Any person with proved trust in reason knows that an approach like that of Pino Boresta is automatically destined to fail. The Roman artist, in fact, for years has worked persistently to prompt curators and critics to invite him at the event, but with care to operate in a direct, unpleasant and no-licker manner. The blitz, the noise, the contestation in public debates, all measures of disturbance in which they are – programmatically – wrong approaches, methods, tones. We could even say that if this does not happen (that is if his requests were successful), he would deny himself the pleasure that nasty children often have to mess up the clean swot’s copybooks. And it’s too easy to develop winning strategies. Try to imagine how could be losing strategies. Anyway Boresta is that kind of personality: He is essentially an artist who loves to make questions, loudly breaking “cabasisi” (to break the balls) as Camilleri writes. Even the interview that follows is the proof.

Daniele Capra (DC): Inside or outside the art system, what is the difference?Pino Boresta (PB): In the future it makes no difference, but today when an artist is presented within the system through special influential channels, it will be sure that his work will endorsement or at least a strong focus, regardless to the fact that it is appreciated, or not, by majority.

DC: But the Art is a work of relations…
PB: Yes, but what it will decree every time is the inevitable and repeated defeat of those who – despite – having a significant background work – always it will have to resign to face with a sort of systematic distrust, which affect the quality and amount of attention needed for a proper understanding of his work.

DC: So, do you want simply change the system?
PB: Simply! Do you think it’s not enough? We should quit with these opportunistic logic, used each time to make up Biennial and Quadrennial exhibitions for the benefit of those usual privileged artists supported by a small group of corporate galleries, foundations and institutes!

DC: So, the Sgarbi’s Italian pavilion is welcome?
PB: Who knows! I do not know, for sure I did not think in a formula like that of Vittorio Sgarbi! But more than that Quadrennial will adopt, also criticized – I dared to suggest in October 4, 2008 to Roberto Pinto, Emanuela De Cecco and other, in the break of the presentation of Subrizi’s book – where will be the artists to invite other artists, even if, looking to the late bad fact about me, I do not think the things will change much for me.

DC: I do not think it is important for you to become famous, but rather to help people to think about the mechanisms of inclusion/exclusion.PB: Yes! Exactly!

DC: And you started immediately with public actions. When was the first?
PB: One of the first subject is the one where I made the offhand that intervention I told you before, where I promoted my project Boresta’s Signature. The opportunity was the presentation of the book “Why Duchamp” by Carla Subrizi at the National Gallery of Modern Art in Rome.

DC: You do not even remember what you said…
PB: Yes! Because I have write down a rag on the spur of the moment, that I still own. “I’m here to talk about the importance of Duchamp and his work, but unfortunately I have not prepared anything and also people have spoken and will speak more certainly competent than me. But I have a dream. No, far from it! I had a dream, dream where Duchamp, with a blond wig, urged me saying: “Go to the conference of Carla Subrizi who wrote and she is going to show a beautiful book about me”. Therefore on mandate of the great Marcello (Marcel Duchamp). I am here as a parasite, parasite of art, in attempting to make a petition as an artwork. I want to rate if a petition can become an artwork, but also I want to verify if today, an unsupported and un-promoted artist by the usual familiar faces, critics and powerful dealers, can still affect and influence this debate in its dynamics as surely Duchamp did, and I believe he would I have liked this idea. Or maybe not?”.

DC: Maybe not! And then what?
PB: I then distributed my flyers and collected some signatures.

DC: Now, what does it remain of the project FB?
PB: Everything! But what I still wonder to whom, the curator Daniel Birnbaum, claimed to be intellectually honest and virtuous, have requested information on a certain artist Boresta Pino, who had mailed a large parcel with almost 1000 subscriptions and miscellaneous publications concerning a curious initiative concerning in an auto-petition to be invited to his Venice Biennale…

DC: Maybe he never saw in person…
PB: I know for sure that he has received it and saw it, otherwise it would be very strange for a serious curator.

DC: Maybe your work interested him or maybe he’s just disgusting!
PB: “Bravo!” Yeah, maybe he was interested or even hated it, but he will definitely ask someone close to him who knew better the Italian art scene, and what they have said to him I will never know, but I can imagine how since the things are gone.

DC: I repeat. You should take advantage of Sgarbi (the incompetent)PB: Are you saying that if I have failed to slip myself at the Biennale, even with Sgarbi, I will no longer have any hope to succeed?

DC: Yes!
PB: You may be right but I believe that at the Italian Pavilion curated by Vittorio Sgarbi, should participate only artists who make a certain kind of work, artists who make work that comes out even in the chaos of a thousand works and indeed the feed on chaos.

DC: You had to ask to him!
PB: I did it and he also called me, but then he told me that he is not convinced about me , but maybe this is a good sign. Taking part at the exhibition I would not have had nothing to lose, I do not care to hang my work stucked side by side with thousand other, when like a parasite, I hang them even over the other artworks. Do you really think that I care to compete for grabbing some public art attention within hundreds and hundreds of works of almost three hundred artists, when from eighteen years I stick up on the streets stickers with my face printed on, at the mercy of distracted every day citizens, defying the massive invasion of advertisement by which the cities are assaulted and raped? So, there is the risk to lose my battle, and every day I take my revenge.

DC: But this led you nowhere…PB: But for example, it led me to you…are you “nobody”?

DC: So Venice will remain just a dream?
PB: But I was there at the hall and I am still there, take a closer look!

DC: What have you done?PB: I unrolled my PVC poster titled “I want Pino Boresta to the Venice Biennial” and it rested there the whole day, illegally hanged. Many have seen it and i can confirm an enthusiastic Laura Palmieri.

DC: Is there anything that you liked of last Venice Biennale?
PB: I liked the Biennale Pavilion of Spain called “The Inadequate”. When I discovered it, I thought it was dedicated to me. In fact, I do not understand why I am not invited at the events. One of my articles that I wrote in the magazine Juliet, magazine with which I work from several years, is entitled “The out-date”, fancy that!

DC: You are not the only one to complain indeed…
PB: I’m right inside and over the themes of which are now debated in the art scene, having many years of work, contributing to go public, but I guess you right… I am unpleasant and I miss all the approaches, among these, they do not want me and they do not want to give me visibility.

DC: Do you think you are the victim of a plot?
PB: But it seems there is some dark figure plotting against me, and causes me not being there where it’s important to be there. Obsession of persecution?

DC: Yes!
PB: Maybe, but when someone else tells you and confirms some of the things you think, you start to believe that, perhaps, your rating are not entirely wrong.

DC: Aren’t you tired to complaining?
PB: But I told you, other do it because they want to get something. I do it because it is part of the work. They want stop me! They want stop me being an artist? Well, if Cattelan leave off, as he said, I leave off to be an artist. It is the “drag effect”, but if you think that however, he got some satisfaction while I do not, almost makes me think back! Ah ah!

DC: So what?
PB: I will tell you what: I give to myself another two years of time, and if I will not be invited to the next Biennial, I will commit suicide!

PINO BORESTA, Artist, Rome

giovedì 19 aprile 2012

PaintBoard Cristian Sonda, Miss Eu., Mister G., Mask


Carrara Skatepark il 5 maggio ospiterà gli artisti Cristian Sonda, Miss Eu, Mister G. e Mask che realizzeranno le loro opere sulle pareti esterne ed interne della struttura. L'evento sarà l'occasione per una inedita festa all'insegna dello skate e della street art, il tutto condito da buona musica. Saranno lasciate disponibili al pubblico alcune superfici da decorare.

L'evento artistico PaintBoard, organizzato da Carrara Skatepark, in collaborazione con l'Associazione Culturale Pigmento, e curato da Virginia Bertani costituisce la fusione di skateboard, writing e musica: Sonda, Miss Eu., Mister G., Mask, dipingeranno con spray e acrilici le pareti interne ed esterne dello skatepark.

Oltre alle rampe saranno messi a disposizione 15 metri di muro per i writers che vorranno collaborare all'evento. Per partecipare si dovrà inviare il bozzetto della propria opera all'indirizzo mail ass.pigmento@katamail.com, che poi verrà pubblicato sulla pagina Facebook dell'evento "PaintBoard". Tra i 10 bozzetti che riceveranno più "mi piace" verranno selezionati i 5 writers che avranno accesso al muro.

Sabato 5 maggio sarà una lunga giornata di festa con evoluzioni sulle tavole, arte contemporanea e musica che avrà inizio alle ore 17:00 e si protrarrà fino alla mezzanotte. Una festa all'insegna della creatività e dello sport a cui tutti sono invitati e dove non mancherà neppure la classica grigliata! Sarà possibile vedere all'opera Cristian Sonda, Miss Eu., Mister G. e Mask sin dal mattino.

Lo skatepark costituisce un punto di aggregazione unico nel suo genere nella provincia di Massa Carrara, garantisce la possibilità di praticare lo skate in un contesto sicuro e controllato

o di socializzare nella zona chill-out avendo sempre una piena visuale delle strutture.

Per poter accedere all'area skate è necessaria l'iscrizione all'associazione Area 52. Per chi non fosse mai stato al Carrara Skatepark è prevista un'iscrizione provvisoria gratuita di un giorno. Per i minori vi è l'obbligo di casco e protezioni.

Carrara Skatepark e Pigmento vi aspettano!

Di seguito il programma

Sabato 5 Maggio

Ore 10:00 artisti all'opera

Ore 16:00 assegnazione spazi liberi

Ore 17:00 apertura skatepark

Ore 21:00 inizio grigliata

Ore 24:00 chiusura skatepark

Titolo: PaintBoard

Artisti: Cristian Sonda, Miss Eu., Mister G., Mask

Sede: Via Passo della Volpe n. 110, Avenza, Carrara (MS)

Ingresso: area skate 6,00 € / Chill out zone Libero

Info: Associazione Area 52 www.carraraskatepark.comarea52.skate@gmail.com

Associazione Culturale Pigmento www.facebook.com/associazionepigmento - ass.pigmento@katamail.com

Curatore: Virginia Bertani

Date: 5 maggio 2012

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI