Cerca nel blog

venerdì 29 ottobre 2010

Mostra Carte D' identità

CARTE D'IDENTITA'

a cura di Graziano Menolascina

Il primo progetto collettivo curato da Graziano Menolascina per la galleria AGartecontemporanea. La tematica centrale della mostra è la carta, sulla quale nasce il segno ovvero la vera identità dell'artista, la prima mossa istintiva che l'artista compie per poi arrivare ...... tutto parte dalla carta le grandi tele, le grandi sculture le grandi installazioni partono dalla carta. La mostra accoglie ventisei opere unicamente in carta' di ventisei grandi maestri della storia dell'arte Internazionale da Carla Accardi a Fernando Botero, da Tony Cragg a Piero Dorazio a Sam Francis a Andrea Fogli da Giosetta Fioroni a Peter Halley da Damien Hirst a Titina Maselli da Andrè Masson a Eliseo Mattiacci da Franco Menolascina a Luigi Ontani da Mimmo Paladino a Pino Pascali da Achille Perilli a Vettor Pisani da Piero Pizzi Cannella a Dmitri Prigov da Giuseppe Sylos Labini a Jan Van Oost, da Emilio Vedova a Jannis Kounellis ad eccezione di due nuove giovani leve come Orazio Battaglia e Danilo Bucchi gia di conprovato interesse della critica.

Opening 10 novembre 2010 ore 19,00

Dal 10 novembre 2010 al 10 dicembre 2010

AGartecontemporanea via Panisperna 222/A Roma

www.a-gartecontemporanea.it

a.gartecontemporanea@gmail.com

info: +39 338 810 44 48

Mostra Silvia Ballarin Ester Grossi


Silvia Ballarin
Ester Grossi



all'interno della quale verranno presentati i lavori di

Irene Calderoni
Debora Masetti

classe V B sez. Pittura e Decorazione Pittorica del
Prof. Antonio Borzì
ISART
Istituto Superiore Artistico


5 novembre - 5 gennaio


a cura di
Caterina Morelli

Inaugurazione
venerdì 5 novembre ore 18.30





un progetto di
INA ASSITALIA PER I GIOVANI




INA Assitalia
Agenzia Generale Bologna Centro
Via de' Pignattari, 3 Bologna Telefono: 051 6405217 E-mail: relazionipubblico@inabologna.it
Orari: lunedì-giovedì, 9.00-13.00 14.30-17.30, venerdì, 9.00-13.00

------------------------------

Comunicato


Drin! Drin! Drin! Nessuno risponde... risuono il campanello. Silvia fa capolino, apre e trapassando l'uscio mi accompagna nei suoi interni. Imperturbabile mi osserva, siede senza annuire. Nei suoi occhi la scrittura di un racconto di pittura: dipinge la sua storia, pura contemplazione, un incontro, un'istantanea odierna, distonia descrittiva, geroglifico moderno. Questo viaggio muove dalla pittura, la silente austerità le fa da padrona e il colore non sembra smentirla. Sussurra la sua arte, metafisica visione, intima allucinazione. Balza a prendere la tela, la dipinge.

Silvia bilancia, con attenzione scruta, si volta, e poi riguarda: scorge la tradizione, l'eco del passato prossimo. Il silenzio è evocato, muta comunicazione: Silvia telegramma!

Ma chi è Silvia, quali le sue tele? Silvia in una stanza, l'intimità. Silvia isolata, di rare e smentite comparse. Silvia congettura, la stanza perversa del tempo.

Lancette, frequenze, scansioni: dittico o prospettico? Fronte del retro? Trinità o quadrata visione?

Una vicenda, ridondante di parole assenti, oggetti trasposti, incarnazione di dialoghi muti, di luoghi dell'io, dell'astensione altrui. È una trama dove l'oggetto viene dipinto dalla mente, pura narrazione.

Silvia disegna la reale apparenza della blasfema finzione. Lo spazio pare assente, è una bozza. Tra le fughe delle mattonelle si dipartono fughe nel quotidiano: proiezioni.

Silvia e dintorni, Silvia capo-giro, e poi un altro! Seduta ritta, voltata, assorta, in contemplazione, tacitamente Silvia. Sulle note degli stadi pittorici, parla sola, pensa ad alta voce: circostanza.

Silvia ascolta, non parla, comunica sola, è seduta e presente. Attraverso le cerniere delle tele, cornici e perimetri di ambienti. Nel frattempo la porta si è chiusa, il campanello suona ancora, questa volta è il mio. Rispondo, ma solo quiete, controllo la posta e aprendo la busta: vernice di una mostra… sacri ossequi Silvia!

Lucas De Laurentiis




L'arte di Ester Grossi è un ciak improvviso, un probabile inizio di una storia da raccontare, una locandina di presentazione.

Rimanda a un invisibile sottotesto, a una voce senza suono, a sguardi decisi che pretendono lo scambio con la realtà esterna e i suoi stimoli.

Il mondo pop-olare manipolato dalle arti umane, viene rielaborato in scatti netti, definitivi, privi di sfumature.

L'occhio sceglie di osservare ogni cosa con una neutralità tipica del grigio, prima di gettarsi nell'evoluzione grafica dei colori primari, che esplodono geometrici, con tutta la loro carica emotiva, relegandosi ognuno al proprio dettaglio da riempire e permanendo con nitidezza solo in quello.

Attingendo costantemente dal suo background personale, eclettica valigia preparata con le arti del cinema, della musica, dello spettacolo, Ester allestisce poco a poco una vetrina di personaggi che, icone mute del tempo che scorre, non fanno altro che manifestarsi.

Manifesta Carmen Miranda. Con il suo sguardo deciso in iride azzurra, con le sue sopracciglia di inchiostro grigio, virgole a inciderne dei pensieri, l'espressione.

Manifesta, con la passione amaranto delle labbra sul lenzuolo del viso, una allegra e sensuale frivolezza da parata, il giallo intenso di cui la sua anima si imbeve.

Manifestano un uomo e una donna, protagonisti in primo piano di un intimo spettacolo. Affidano il loro morbido dondolio sensuale a una perfetta orchestrazione dei toni grigi, pellicola in chiaroscuro delle tensioni che si trasformano, poi si sciolgono in un respiro di luce e, infine, muoiono nel sospiro rosso e sanguigno di una bocca.

Manifestano i personaggi resuscitati da un film di Romero, in un sorprendente dialogo cromatico, omaggio a un bianco e nero che si arricchisce di tinte emotive.

Manifesta un uomo il suo terrore, percependo una minaccia crepuscolare provenire dall'alto.

Il plumbeo viola del pericolo decolora il suo viso e inghiotte la testa di una donna, confinandone la paura nel dettaglio delle mani e nel tremore delle gambe, imprigionate nel verde di una terra generatrice di mostri.

Manifesta Ester Grossi affidando la sceneggiatura dei suoi lavori all'involucro muto e deciso dei colori.

Stefania Benizzi


giovedì 28 ottobre 2010

Scomode verità, multireportage per i diritti umani di Raffaella Milandri


Multireportage di solidarietà e riflessione sui popoli indigeni: l'appello da Ascoli domenica 31 ottobre "Solo l'informazione può salvarci"

Si preannuncia un evento molto seguito il multireportage-conferenza
"Scomode verità: solidarietà e riflessione sui popoli indigeni", di Raffaella Milandri,
che si terrà ad Ascoli Piceno in occasione del conferimento della borsa di studio "Simona Orlini".

L'appuntamento, organizzato dal Lions Club Ascoli Piceno Urbs Turrita e in particolare dal Presidente Marisa Cozza, è per il 31 ottobre 2010 ore 17,30 ad Ascoli Piceno, alla Sala Docens in Piazza Roma 6, in presenza del Sindaco e delle Autorità . Una poesia di Andrea cacciavillani, poeta e scrittore molisano, è stata composta in solidarietà ai popoli indigeni e sarà interpretata dall'artista Edoardo Vecchiola. L'evento, proprio grazie al suo particolare rilievo umanitario, verrà segnalato dall'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Ministero per le Pari Opportunità.

"Ritengo molto importante-dice il Presidente Marisa Cozza-far coincidere l'assegnazione della borsa di studio a questa conferenza divulgativa della fotografa umanitaria Milandri: l'informazione deve essere rivolta a tutti, e in particolare ai giovani"

Questo incontro con la fotografa umanitaria e attivista per i diritti umani dei popoli indigeni
Raffaella Milandri è una piccola rassegna di scomode verità raccolte durante i suoi viaggi in solitaria nelle realtà tribali. Foto, filmati e interviste denunciano situazioni che sono state riportate anche al Commissariato per l’eliminazione delle Discriminazioni Razziali dell’ONU.

" Il multireportage è un incredibile viaggio che mostra popoli indigeni , feroci discriminazioni dei diritti umani nonchè veri e propri genocidi. " dice la Milandri."Come testimone, io sono responsabile di verità che non vanno taciute"
In un appello divulgato dalla fotografa, il messaggio semplice e incisivo ma universale di Kumti Majhi, un leader tribale dell'Orissa : "Solo l'informazione può salvarci"

lunedì 25 ottobre 2010

SACI Faculty Exhibition


La Galleria SACI è orgogliosa di presentare la mostra

“SACI Faculty Exhibition”

28 Ottobre - 19 Novembre 2010

Inaugurazione: giovedì 28 ottobre alle 19:30




Il 18 Novembre, la SACI inaugura il nuovo Palazzo Jules Maidoff for the Visual Arts in Via Sant'Egidio 14, Firenze. In onore di questa nuova sede e della sua facoltà internazionale, la SACI propone una mostra di opere degli insegnanti nella SACI Gallery in Via Sant'Antonino 11, 28 Ottobre – 19 Novembre 2010, che inaugura giovedì 28 ottobre alle ore 19:30. Gli artisti che espongono sono:

Dejan Atanackovic
Paolo Bulleti
Ellen Burchenal
Federico Cagnucci
Romeo Di Loreto
Sylvie Duvernoy
Luigi Falai
Lee Foust
Patricia Kinsella
Kathy Knippel
Kyle Kresge
Melania Lanzini
Roberta Lapucci
Gary Lissa
Naomi Muirhead
Lisa Nocentini
Mario Passavanti
Lorenzo Pezzatini
Diana Reichenbach
Anna Rose
Jacopo Santini
Camilla Torna
Joanna Vella


"Questa mostra ad opera dei docenti della SACI, la quale si svolgerà durante le festività e in coincidenza con l’inaugurazione del nuovo Palazzo Jules Maidoff for the Visual Arts, mette in evidenza la vasta gamma di classi offerte dalla SACI, oltre alla profondità e versatilità dei talentuosi docenti della scuola, molti dei quali hanno insegnato al suo interno sin dalla fondazione del programma. Altri sono ritornati ad insegnare alla SACI dopo aver messo su famiglia, mentre altri ancora sono graditi ospiti che lavoreranno con noi per un periodo tra il semestre e l’anno accademico.

I lavori spaziano dalle performance di scrittura creativa ad opere di animazione, design, architettura, restauro, affreschi, stampe, fotografia, disegno, pittura, e gioielleria. Un autentico banchetto di talenti, stili e filosofie di vita differenti, dalle forme d’arte tradizionali alle pratiche più contemporanee. L’occasione è una vera e propria celebrazione di talento e creatività, e riflette in pieno la vasta e variegata gamma di influenze con cui i nostri studenti possono scegliere di lavorare.

La SACI ha sempre aspirato ad essere una scuola per artisti e questi talentuosi insegnanti-artisti sono l’emblema della serietà del lavoro dell’istituto e della sua comprensione che la vera creatività non cessa mai di sfidare ed allargare i suoi confini. La ricerca di riflessioni visive, nuove forme, e modi innovativi di comunicare non conosce pause, come può essere osservato nell’opera di questi artisti in costante maturazione, con cui ho avuto il piacere di lavorare per più di 25 anni. Il lavoro dei docenti, sia in qualità di insegnanti che di artisti, è stato straordinario e sono dunque entusiasta di onorare il loro successo con la presente mostra."
Mary Beckinsale, SACI Presidente













SACI Gallery – Studio Art Centers International
Palazzo dei Cartelloni – Via Sant’Antonino 11
50123 Florence ITALY
T (39) 055 289 948
F (39) 055 277 6408
www.saci-florence.edu
gallery@saci-florence.edu

La Galleria SACI è aperta dal Lunedì al Venerdì ore 9-19, sabato e domenica ore 13-19.

domenica 24 ottobre 2010

HALLOWEEN NIGHT domenica 31 ottobre dalle 20,00 @ Comics Boulevard ROMA

venerdì 22 ottobre 2010

MOSTRA PERSONALE PIETRO CELESIA- IN CAMMINO - LUNGOVELINOCAFE' RIETI


Prende il via sabato 20 novembre 2010 nell'ambito della Rassegna Fotografica del Lungovelinocafé di Rieti (Via Salaria 26), coordinata da Studio7.it, la mostra fotografica di Pietro Celesia, In cammino, una serie di immagini scattate in Kerala, dove i protagonisti sono i piedi. Celesia recupera ed esplora una dimensione infantile e antica allo stesso tempo; risentire la terra sotto i piedi, riprovare l'emozione e la sensazione di libertà che tutti abbiamo provato almeno una volta da bambini nel camminare scalzi.

'Muoversi a contatto con la terra: pietra, sabbia, legno… c'è anche l'asfalto. – così illustra il senso della mostra l'artista stesso - Usare il tatto in modo non convenzionale. Sentire: ma con i piedi. Estremità che corrono, passeggiano, vagano, lavorano, camminano ai tropici, dove il contatto, dal basso, è con la gravità, è con la vita.'

Pietro Celesia è nato in Valle d'Aosta nel 1974. Nel 2000, dopo un soggiorno all'Università di Marsiglia, si laurea in Architettura presso la Facoltà di Torino. Durante il percorso accademico matura la passione per la fotografia che diventa ben presto anche attività lavorativa. Mostre recenti: 2004, Installazione fotografica "I luoghi del silenzio", Ateneo di Palazzo Nuovo a Torino; 2008, Installazione fotografica "Sottozero", Le Scuderie del Forte di Bard, Centro Culturale Valdostano; Installazione fotografica di immagini tratte dalla mostra "Sottozero" in occasione dell'XXI CervinoCineMountain Festival, Espace Montagne; 2009 Installazione fotografica "Luoghi del silenzio", Spazio 'La Torre', Arezzo, e 'Lungovelino', Rieti; Installazione fotografica "Luoghi del silenzio", Spazio "A la Page", Aosta

Catalogo in mostra.

Scheda tecnica:

Titolo: In cammino

Artista: Pietro Celesia

A cura di: Barbara Pavan

Sede espositiva: Lungovelinocafè

Via Salaria 26 – Rieti

Date: 20 novembre 2010 – 15 gennaio 2011

Orari: ore 8-21

Ufficio stampa: Studio7.it www.associazionestudio7.it

Info: cell.320.4571689 e-mail studio7artecont@gmail.com

CATALOGO IN MOSTRA

MOSTRA COLLETTIVA 'FACES' RIETI, 5 NOVEMBRE 2010

Venerdì 5 novembre 2010, la Libreria Moderna, Via Garibaldi 272, a Rieti, inaugura la mostra d'arte contemporanea Faces, promossa da Studio7.it, a cura di Barbara Pavan.

In mostra le opere di nove artisti: Adriano Annino, Arianna Bonamore, Elisabetta Fazi, Graziella Gola, Daniela Nasoni, Claire Nelson, Enrica Pizzicori, Raffaella Simone e Fabio Usvardi.

La rassegna d'arte contemporanea della Libreria Moderna prosegue con una mostra dedicata più che al ritratto alla rappresentazione del coacervo di emozioni, sentimenti, passioni, paure e contraddizioni insiti nella condizione umana. Le opere di Faces danno forma visibile ed umana a quell'ampio spettro di sfumature ora emozionali ora razionali alle quali filosofi e poeti hanno dato voce. L'immediatezza dell'immagine diventa specchio dell'osservatore che invita a trovare nuove e diverse chiavi di lettura e di analisi di sé stesso nell'ambito di una comune ricerca del senso profondo della propria umanità.

La mostra, presentata a Locarno lo scorso settembre, resterà aperta fino al 30 novembre 2010.

Catalogo in mostra.

Scheda tecnica:

Titolo Faces

A cura di Barbara Pavan

            Artisti Adriano Annino, Arianna Bonamore, Elisabetta Fazi, Graziella Gola, Daniela Nasoni, Claire Nelson, Enrica Pizzicori, Raffaella Simone, Fabio Usvardi

Sede espositiva Libreria Moderna

Via Garibaldi 272

Rieti

Date 5 – 30 novembre 2010

Inaugurazione 5 novembre 2010 ore 18.00

Ufficio stampa Studio7.it www.associazionestudio7.it

Info mob.+39 320 4571689

Catalogo in mostra

MOSTRA 12 twelve Rieti, 6 novembre 2010

ì



12_twelve

Mostra d'arte contemporanea



Si inaugura sabato 6 novembre 2010 alle ore 18.00 presso Studio7 Spazio Arte Contemporanea, in via Pennina 19 a Rieti, la mostra d'arte contemporanea 12_twelve, a cura di Barbara Pavan.

La mostra apre la programmazione annuale di Studio7 presentando l'anteprima delle personali di dodici artisti: Chiara Belloni, Fabrizio Berardi, Stefano Bergamo, Daniela Caciagli, Giovanni Chiarinelli, Valentina Crivelli, Giacomo Demurtas, Massimo Falsaci, Eliana Frontini, Federico Mazza, Cristiana Pacchiarotti, Mariarosaria Stigliano.

La diversità e molteplicità dei linguaggi, delle tecniche e dei contenuti contribuiscono a comporre un mosaico di multiformi forme artistiche ed espressive tracciando un percorso attraverso l'ampio panorama dell'arte contemporanea italiana.


Scheda tecnica:

Titolo: 12_twelve

            Artista: Chiara Belloni, Fabrizio Berardi, Stefano Bergamo, Daniela Caciagli, Giovanni Chiarinelli, Valentina Crivelli, Giacomo Demurtas, Massimo Falsaci, Eliana Frontini, Federico Mazza, Cristiana Pacchiarotti, Mariarosaria Stigliano.

A cura di Barbara Pavan

Inaugurazione: sabato 6 novembre 2010 ore 18.00

Date: 6 –26 novembre 2010

Sede espositiva: Studio7 Spazio Arte Contemporanea

          Via Pennina 19 – 02100 Rieti

Orari: giov_ven_sab 17-20

Info: cell.320.4571689 e-mail studio7artecont@gmail.com

Ufficio stampa: studio7 barbarart@tiscali.it



EasyEcolamp.it: il blog trendy sull'ecologia con green news, curiosità, idee riciclate, proposte sostenibili, eco-tendenze e molto altro!


Ecolamp sviluppa l'approccio al web con il blog Easyecolamp.it: ecologico, eco-sostenibile, eco-informativo.

Ecolamp ha lanciato on line il suo nuovo blog Easyecolamp.it.


Nato grazie alla creatività di Egg2.0, Easy Ecolamp Blog è un aggregatore di curiosità e notizie sui temi dell'ecologia e dell'ambiente, un contenitore attraverso il quale Ecolamp - il Consorzio che si occupa del trattamento delle apparecchiature di illuminazione a fine vita - intende comunicare in modo diretto con coloro che sono interessati al mondo "green" e che ricercano informazioni per migliorare il proprio approccio ecosostenibile alla vita quotidiana.


Attraverso il blog Ecolamp intende fornire tutte le informazioni utili rispetto alla propria mission, la raccolta e il trattamento delle sorgenti luminose a basso consumo esauste, ma non solo.

Il blog è, infatti, suddiviso in sezioni a seconda dei temi di interesse che possono incuriosire il navigatore:

  • Idee riciclate: la rubrica sul riciclo creativo in cui l'utente può inviare suggerimenti e idee.
  • Ecoworld: tante news eco dall'Italia e dal mondo.
  • Ecoeventi: gli eventi eco nel mondo.
  • Consigli sostenibili: dal risparmio energetico alle ricette fai da te. Suggerimenti e consigli per vivere in modo eco.
  • GreenCoolHunting: tutte le nuove eco-tendenze nel mondo della moda, del design, dell'arte, dello spettacolo e dell'high-tech.
  • Eco4kids: un laboratorio di riciclo creativo dedicato ai bambini.

EasyEcolamp è quindi un nuovo spazio dedicato a tutti gli internauti, in cui si può intervenire ed esprimere il proprio parere e preferenze, aiutandoci a creare giorno dopo giorno un nuovo modo di vivere e comunicare la sensibilità e il rispetto per l'ambiente che ci circonda.

Qualche esempio?

Dedicheremo canzoni green, andremo insieme a caccia di eco-tendenze e daremo consigli sostenibili, faremo del riciclo il nostro hobby preferito, insegneremo ai bambini come creare giocattoli con materiali di recupero e andremo a tutti gli eventi dell'eco-system, per segnalare le notizie imperdibili e tutte le curiosità.

Auguriamo a tutti una buona e sostenibile navigazione su www.easyecolamp.it!

giovedì 21 ottobre 2010

L'Arte in Vetrina al Borgo Sant'Eligio

L'Arte in Vetrina al Borgo Sant'Eligio

di Roberta Del Vaglio

Dopo il concorso di pittura estemporanea che si concludeva con la premiazione lo scorso 19 settembre, nel borgo di Sant’Eligio l’arte torna protagonista con la VIII edizione di Arte in vetrina. Dalla prima settimana di novembre fino all’Epifania, gli oltre sessanta negozi di tessuti e biancheria ma anche abbigliamento e merceria che fanno ormai parte della storia locale, ospiteranno in prima fila le opere dei circa ottanta artisti attesi.
Un’operazione di cultura e marketing territoriale ideata dall’associazione Storico borgo Sant’Eligio e dal suo presidente, il tipografo Vincenzo Falcone che dal sua laboratorio in via duca di San Donato spiega: “la manifestazione ha un doppio scopo, richiamare l’attenzione sul quartiere e sulle sue botteghe storiche e allo stesso tempo avvicinare l’arte alle persone”.
L’intuizione è ottima, tanto più che spesso, intimidito dalla “sacralità” di musei e gallerie, il pubblico rinuncia a conoscere l’arte che a Napoli invece è particolarmente dinamica e presente e allora, lo shopping diventa pretesto per fare cultura. “Tante persone che normalmente non entrerebbero in una galleria si fermano a guardare, si interessano, chiedono il prezzo delle opere - spiega Falcone - e questo accade sia con i quadri figurativi e che con quelli astratti”.
La partecipazione per gli artisti è completamente gratuita e rappresenta un’occasione da non perdere per avere visibilità, anche perché a maggio 2010 è prevista un’esposizione di tutte le opere nella chiesa sconsacrata di San Severo al pendino, che con il maggio dei monumenti si troverà al centro degli itinerari del centro storico cittadino.
Anche i negozianti sono contenti, l’evento rivitalizza il commercio e riporta colore in un’area di grande tradizione, tutta da riscoprire.
Arte in vetrina gode del patrocinio del Comune di Napoli, della Provincia di Napoli, della Regione Campania e del Club UNESCO Napoli e della collaborazione del Consorzio Antiche Botteghe Tessili e la rivista Albatros.

Gli artisti possono aderire fine al 6 novembre contattando Enzo Falcone – Presidente Associazione Storico Borgo Sant'Eligio tel. 081.5544834 – enfalcone@fastwebnet.it

martedì 19 ottobre 2010

LUISA BRUNI TRADUCE IL SUO JEWERLY-SCRIPT IN UN "PLINK!": L’UNICA SERIE DI ANELLI CHE RIDONA VALORE AGLI ATTIMI DEL SOLITARIO CADERE DI UNA GOCCIA - dal 5 novembre a Torino, Galleria Cristiani, via Porta Palatina 13 -

Luisa Bruni traduce il suo jewelry-script in "PLINK!"

L'unica serie di anelli che imprigionano il valore di attimi rubati, al solitario cadere di una goccia.

Grazie alla sua creatività, indossare la semplicità è una "gioia" possibile

FORMA vs MATERIA

Incursione nel gioiello contemporaneo

a cura di Mariola Demeglio e Maria De Ambrogio

Torino, Galleria Cristiani, via Porta Palatina 13

5 novembre 2010, h 19:00 - dicembre 2010

Luisa Bruni per la seconda edizione di "FORMA vs MATERIA – incursione nel gioiello contemporaneo", a cura di Mariola Demeglio e Maria De Ambrogio, alla domanda "è nata prima la FORMA o la MATERIA?" risponde con "PLINK!": l'esclusiva serie di anelli, con base in argento e una parte superiore in plexiglass scolpito a mano.

Quasi a volerne rievocare anche il suono, l'artista romana, usa il suo linguaggio, jewelry-script, e traduce la formula creativa sulla "trilogy onomatopeica" "PLINK" "SPLASH" "STASI": i tre istanti del solitario cadere di una goccia in un liquido che, sospesi in un tempo ormai finito, vengono scolpiti a mano e catturati nel plexiglass per brillare, per sempre, nell'argento. L'unicità è quindi la forma più avvolgente e perfetta per indossare la materia: l'anello.

PLINK! non mette in contrasto materia e forma, né prova con l'una a modellare o (ri)vestire l'altra, ma ne interpreta l'unione. Infatti, è proprio quando Luisa Bruni cattura il peso specifico della leggerezza di una goccia prima, durante e dopo la caduta in un liquido (anche nell'attimo che si dissolve) che, incredibilmente, le sue mani foto-incidono la complessa semplicità e la fanno gioiello. I suoi anelli sfuggono al simbolo ed alle simbologie legate all'acqua, per questo le sue creazioni, come le gocce e le persone, non possono essere mai uguali.

Gioielli unici animati da una circolarità di contrasti, trovano equilibrio nel suo stile diventando vere seduzioni. La goccia, ora soggetto, ora oggetto della preziosa sintesi tra materia e forma, di cui è impossibile sfiorarne l'essenza, segna il profilo della distinzione e diviene sinonimo di forza e della più delicata forma di bellezza.

Atomi che distinguono l'essere dalla massa, come la goccia che risalta sulla materia, PLINK! e MINI PLINK (di dimensioni ridotte e completamente in argento) saranno esposti e venduti in esclusiva insieme ai gioielli di altri 21 artisti, dal 5 novembre a dicembre 2010 presso la Galleria Cristiani di Torino in via Porta Palatina, 13.

E se proprio il mese scorso PLINK!, in occasione dell'86ª edizione di Bijoux, organizzata da Rassegne e la collaborazione della rivista Preziosa Magazine, per la categoria Migliore Design innovativo, si è aggiudicato il premio The Best of Bijoux, motivato dalla giuria in questi termini: «Attenzione, emozionalità e creatività coesistono in un prodotto arricchito da un infantile stupore», certo è, che il valore del silenzio in grado di amplificare il rumore di una goccia che cade ed il suo dilatarsi in cerchi concentrici, non passerà inosservato nemmeno questa volta.



Per informazioni:

Luisa Bruni

http://www.luisabruni.com/

e-mail: lb@luisabruni.com

CARGO: Mostra "Mi ricordo bene di"




CARGO

presenta


"Mi ricordo bene di"


Mostra delle opere di Carlo Pecoraro

21 ottobre-17 novembre 2010

Inaugurazione Giovedì 21 Ottobre 2010 ore 20,30

CARGO

via del Pigneto,20  

Isola Pedonale,00176 Roma

17.30-02.00 tutti i giorni - ingresso libero


Il rosso rappresenta il fuoco, l'emozione, la violenza, ma anche il femminile, il caldo.

Il blu rappresenta al contrario la calma, il maschile o il freddo viene usato spesso  nel mondo diplomatico: l'unione europea, il ministero, la banca.

Il rosso ed il blu si incontrano nel viola.

Il viola supera il tutto e trascende.

Trascendendo svela la sparizione.

I due colori aggrediscono il quadro ai fianchi, lo vogliono, lo mangiano, giocano a  farlo scomparire.

Il quadro a sua volta mostra frammentazioni di donna, mancano dei pezzi, già inghiottiti.

Il corpo tagliato ai lati suggerisce il proseguimento al di là dei confini della cornice.

Il lavoro è mangiato ai fianchi, aggredito (abbiamo detto), meglio si poteva dire: annegato, il colore liquido bagna la realtà e la trasforma in se stesso, vuole che sia se stesso.

Il rosso e il blu cercano di ottenere se stessi nel quadro.

Come il fuoco, l'unico elemento, diceva Apollinaire, che trasforma in se tutto quello che incontra.

La scena invece non scompare, bensì appare in mezzo ai suoi commentatori (rosso e blu), i colori che la incorniciano e commentano... e mentre la scena appare nella sua frammentazione, noi la percepiamo come una frammentata interezza, come un ricordo.

Il giorno dipinto è il quotidiano dei gesti di lei, il mondo intorno è contraddittorio: si tratta di un annegarsi nel vuoto che cerca la trascendenza ma che è fatto di pieni, di colori e non di assente bianco e nero... dunque di luce simbolica.

La presenza frammentata ci rammenta che c'è un ricordo sotteso.

Un accenno di qualcosa di passato.

Si esplicita, nel suo mostrarsi paradossale, che c'è un assenza, che esistono le assenze.

lunedì 18 ottobre 2010

Mostra: Forma vs Materia

FORMA vs MATERIA

Incursione nel gioiello contemporaneo

Inaugurazione venerdì 5 novembre 2010 dalle ore 19
Galleria Cristiani, via Porta Palatina 13, Torino

a cura di Mariola Demeglio e Maria De Ambrogio

Venerdì 5 novembre alle ore 19 inaugura alla Galleria Cristiani di Torino la seconda edizione di 'FORMA vs MATERIA – incursione nel gioiello contemporaneo', a cura di Mariola Demeglio e Maria De Ambrogio.

Saranno esposti e venduti in esclusiva gioielli dalle forme più classiche a quelle più eccentriche, realizzati con materiali diversi: dall'argento al cemento, dall'oro alla pelliccia, dalla fibra di carbonio alla ceramica…

FORMA vs MATERIA raccoglie una selezione di gioielli unici nella FORMA, e sobri nel materiale, o particolari per la MATERIA utilizzata e dalle forme tradizionali. Una suddivisione nata seguendo il processo creativo nelle sue prime fasi: è nata prima la FORMA o la MATERIA?

Tra gli artisti: 22 design studio, Airam, Loretta Baiocchi, Nicola Bolla, Luisa Bruni, Alba Casares, Manuela Gandini, Gesine Hackenberg, Malin Henningsso, Mari Ishikawa, Yoko Izawa, Alba Lisca, Stefania Lucchetta, Luciana Massironi, Pietra Pistoletto, Kilian Schindler, Serienumerica, Karin Seufert, Costanze Shreiber, Yoko Takirai, Luisa Tamagna, Fabrizio Tridenti e altri ancora.

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino a fine dicembre 2010.

www.formavsmateria.it

Orari Galleria: dal martedì al sabato 11/19 continuato


Per info:
www.formavsmateria.it www.cristiani.net www.serienumerica.it +39 011 4362092

domenica 17 ottobre 2010

FumettoMania con "Bande Dessinee" di Riccardo Federici.

FumettoMania con "Bande Dessinèe" di Riccardo Federici.



Il prossimo 20 Ottobre 2010 l'enoteca Vi(ci)no, in Via del Pigneto 25 (Roma) ospita dalle ore 19.30 la mostra Bande Dessinéè di Riccardo Federici curata da Up2You eventi.

Chi sapeva che il termine <fumetto> (derivato dall'inglese <balloons>) si riferisce a quelle nuvolette che raccolgono i dialoghi simili a sbuffi di fumo?

Quelli che conosciamo come comics (negli USA), manga (in Giappone) o Bande Dessinée (in Francia), storie narrate in un intreccio continuo di dialoghi e immagini, b/n o colori che sia, è proprio l'arte sui cui verterà la mostra di Riccardo Federici, fumettista italiano esportato in patria francese che annovera nei suoi annali già molte pubblicazioni per la casa editrice Robert Laffont e Delcourt.

Le tavole del noto racconto "La Madone de Pellini 2: l'orphelinat de Rosewood" (edita da Editions R. Laffont nel 2008 e ristampata da Editions Delcourt nel 2010) che vede coinvolti personaggi come Henry James e Francesco Giubilati saranno le protagoniste indiscusse di questa personale. Assieme ad esse, in esposizione, studi, bozzetti, tavole e copertine di nuove e vecchie storie, come quella del commissario "Nicolas Le Floch" o di "Saria", prossima pubblicazione in Febbraio 2011 per la stessa Delcourt.

"Gran parte del mondo lo ignora ma, noi fumettisti, prima ancora di essere tali siamo stati - e continuiamo ad esserlo - pittori, scultori, illustratori … in una parola: Artisti, persone capaci di dare corpo e sostanza a idee, sentimenti, storie ed esperienze", sostiene Riccardo Federici.

La personale dedicata al fumettista italiano Riccardo Federici intende portare in evidenza l'arte illustrativa, la fantasia, la suspance, il bambino in ognuno di noi, ma soprattutto l'insostenibile magia di carta, matita e pastelli: "Se smetti di credere agli eroi, l'eroe dentro di te muore" (Wonder Woman).

www.riccardofederici.it

Collaborazioni: Lucrezia Alessia Ricciardi, Federico Zani

Raccolta fondi in favore di: colonia felina n.395 di Castel Gandolfo, in via Spiaggia del lago 25/27

Info:
Sito: www.up2youeventi.it / www.enotecavicino.com
Email: info@up2youeventi.it

sabato 16 ottobre 2010

Mostra Garibaldi Castel Sant'Angelo


Centra

CONFERENZA E PRESENTAZIONE STAMPA

LUNEDI 8 NOVEMBRE ORE 12,00

CASTEL SANT'ANGELO SALA PAOLINA

Mostra su Giuseppe Garibaldi a Castel Sant'Angelo.

Garibaldi "Tutt'altra Italia io sognavo….."

Roma, 8 Novembre 2010 / 03 aprile 2011


In seguito alle Celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma, diretta da Rossella Vodret, ed il Cigno GG Edizioni, presentano la mostra sul sogno unitario di Garibaldi.

In questa occasione,il Presidente Giuliano Amato e Francesco Giro, Sottosegretario ai Beni e Attività Culturali, sveleranno il dipinto appositamente realizzato da Francesca Leone (figlia del celeberrimo regista, Sergio) su Garibaldi.

La mostra, curata da Lorenzo Zichichi e Cristina Tronca, nelle sale del Museo di Castel Sant'Angelo, diretto da Maria Grazia Bernardini, rivela l'autentica passione che animò lo spirito patriottico del condottiero italiano.

Opere d' arte contemporanea esposte in questa mostra e ispirate a Garibaldi sono lo studio de Il muro del mare di Piero Guccione, il cui monumentale dipinto si trova esposto a Palazzo Abatellis di Palermo e l'unico esemplare intelato della Battaglia del Ponte dell'Ammiraglio di Renato Guttuso (battaglia che aprì le porte di Palermo ai garibaldini).

La bandiera della Repubblica Romana , La spada del prode Manara morto in difesa di Roma repubblicana, oltre alla Quadreria dei ritratti del Generale, sono solo alcune delle opere che comporranno la mostra appartenenti alla Collezione Tronca, una delle più importanti collezioni garibaldine. Saranno esposti orologi, spade, sculture, ceramiche e affreschi. Un video in italiano e inglese raccoglierà gli spezzoni dei film ispirati alle vicende garibaldine.

Nelle sale di Castel Sant'Angelo, la storia sulla vita di Garibaldi potrà intrecciarsi col suo mito, ristabilire l'importanza storica, poetica, mistica e popolare dell'eroe risorgimentale.

Il visitatore potrà godere della possibilità di seguire l'alternarsi delle opere esposte con la biografia degli eventi.

Nel percorso che caratterizza la mostra, particolare importanza sarà attribuita ad episodi importantissimi della vita di Garibaldi come la Repubblica Romana del 1848-49, le battaglie in Sud America, la disperata ricerca di sconfiggere i francesi per annettere Roma, la difesa delle idee rivoluzionarie della Francia nel 1870.

La mostra, organizzata da Il Cigno GG Edizioni (che ne pubblica anche il catalogo) con La Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma, ha il patrocinio del Comitato per le Celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, della Regione Lazio Assessorato alla Cultura, della Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.

Media partners Giornale di Sicilia e Telesia.


Ufficio Stampa

Maria Letizia Cassata

marialetiziac@hotmail.com

Tel/Fax 06 97614423

Mob.+39 3389701502

Info

CASTEL SANT'ANGELO
Lungotevere Castello, 50
00186 - Roma
Orari: martedi – domenica 9.00 – 19.00

Telefono: 066819111

Ingresso euro 8,00

IL CIGNO GG EDIZIONI

P.zza San Salvatore in Lauro, 15

00186 Roma

Tel +39 066892109

Fax +39 066892109

info@ilcigno.org

redazione@ilcigno.org

Ufficio Stampa Soprintendenza Speciale PSAE e per il Polo Museale della città di Roma

Anna Valerio

con la collaborazione di Alessandro Gaetani

sspsae-rm.uffstampa@beniculturali.it

Mostra Concorso Nazionale Presepi

Mostra Concorso Nazionale dei Presepi

Città di Gualdo Tadino

II edizione

Il Comune di Gualdo Tadino, in collaborazione con il Polo Museale della Città, bandisce la "Mostra Concorso Nazionale dei Presepi" per valorizzare la suggestione e la straordinarietà del Natale, evento di una nascita che ha segnato profondamente il cammino dell'umanità. L'iniziativa è rivolta a singoli appassionati, gruppi, associazioni, scuole, artisti ed anche artigiani specializzati di tutta Italia. La partecipazione al concorso è gratuita e prevede tre categorie:

A. Tradizionale: presepi realizzati da singoli appassionati, gruppi, associazioni e tutti coloro che sono interessati all'iniziativa e che vogliono esprimere la loro creatività attraverso statuine, ambienti, luoghi e atmosfere che rappresentano il presepe nell'iconografia scenografica più classica, così come è giunto fino a noi dalla tradizione (presepi unici, misura massima di base cm 70x70).

B. Autore: presepi realizzati da un singolo artista o più artisti che si vogliano cimentare in una rappresentazione "originale" e "liberamente" interpretata della natività sia in pittura che scultura su qualsiasi supporto e materiale, attraverso un manufatto realizzato con una gamma possibile di diverse tecniche, tra le quali ceramica, acquaforte, intaglio, intarsio, incisione, graffito, mosaico, miniatura e quant'altro (sculture, misura massima cm 70x70; pitture, misura massima cm 80x100).

C. Studente: riservato alle scuole primarie, secondarie di I grado e secondarie di II grado di tutta Italia. Il lavoro può essere presentato dalla classe nella sua totalità, da uno studente o da un gruppo di studenti appartenenti a classi diverse dello stesso istituto o ente (presepi unici, misura massima di base cm 70x70).

Il Concorso assegna una somma complessiva di 1.500,00 euro. I presepi saranno così premiati:


vincitore assoluto del concorso

400,00 euro



miglior presepe categoria "tradizionale"

300,00 euro

miglior presepe categoria "autore"

300,00 euro

miglior presepe categoria "studente"

300,00 euro

premio del pubblico

200,00 euro


La Premiazione ufficiale del Concorso si terrà sabato 8 gennaio 2011 alle ore 17.00 a Gualdo Tadino presso la Chiesa Monumentale di San Francesco.


POLO MUSEALE Città di Gualdo Tadino

075 9142445 - 347 7541791 - info@roccaflea.com

venerdì 15 ottobre 2010

Giornate di Studio: La collezione di Vittorio Emanuele III di Savoia e gli studi di storia monetaria. Roma, 21-22 ottobre 2010

Giornate di studio
per il 1° centenario dalla pubblicazione del Corpus nummorum italicorum

La collezione di Vittorio Emanuele III di Savoia e gli studi di storia monetaria

Roma, Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo
21-22 ottobre 2010
ore 9,30 - 19,00
Ingresso libero

Organizzate dalla Direzione Generale per le Antichità in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma MiBAC

mercoledì 13 ottobre 2010

Achille De Tommaso, personale a Cremona


Achille De Tommaso
"Cloud Painting"
Mostra Personale di Pittura
Dal 31 ottobre al 13 novembre 2010

Orari di apertura: sabato ore 10,30-19,30;
martedì-venerdì e domenica 16,30-19,30;
Lunedì chiuso
Ingresso libero
Presso: Galleria "Immagini– Spazio Arte" di Cremona



---------
Foto disponibili su http://www.flickr.com/photos/31023900@N06/sets/72157624666382800/
---------



L'enigma della materia e il suo divenire "arte" è al centro degli studi artistici di Achille De Tommaso, affermato imprenditore europeo ed apprezzato artista italiano, che dal 31 ottobre esporrà i suoi originali dipinti alla Galleria "Immagini Spazio Arte" di Cremona.
Le sue opere pittoriche traducono in suggestioni cromatiche e in ancestrali itinerari materici l'antico dialogo tra Scienza e Arte, a lungo dibattuto a livello internazionale, che ora diviene fulcro tematico del percorso espositivo.
Nell'ambito della ricerca artistica Achille De Tommaso predilige conciliare la natura con il progresso dell'uomo, dunque sviluppa una propria visione dell'evoluzione umana sulla base di una fiera fusione tra materia e colore. In questo scenario teorico e creativo, la ratio è condotta ad un confronto diretto con la sfera emozionale dell'arte, un aspetto che il fruitore coglie pienamente osservando le opere dell'artista milanese.
Nel medesimo periodo della mostra di Cremona, dal 30 ottobre al 13 novembre due opere di De Tommaso saranno esposte anche a Torino nella seconda sala del Salotto dell'Arte per la quarta rassegna collettiva "Sentimental Eros".


Presso:
Galleria "Immagini – Spazio Arte"
Via Beltrami n.9/b, 26100 CREMONA
Info: Tel./Fax 0372.422409
http://www.arteimmagini.it
www.achilledetommaso.it



Ufficio Stampa:
Sabrina Falzone
Critico e Storico dell'Arte
info@sabrinafalzone.info

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI