Cerca nel blog

venerdì 26 dicembre 2008

RO(O)M-modi di ospitalita' alternativi INTIMITA’ NOMADE

INTIMITA' NOMADE
RO(O)M-modi di ospitalità alternativi
Galatina (Le) 28 dicembre 2008 – presso KUBICO
Inaugurazione ore 19,00

Progetto di : Adalgisa Romano, Francesca Carallo, Ornella Durini,
Valentina D'Andrea

Coordinamento scientifico: Marco Petroni

Promosso da: Provincia di Lecce

con il contributo di: Vestas Hotel

Conferenza stampa: venerdi 12 dicembre 2008 ore 11:00 - Lecce Palazzo Adorno

Venerdì 12 dicembre alle ore 11.00 presso il Palazzo Adorno di Lecce
si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto "Intimità
Nomade – ospitare design" di Adalgisa Romano, Valentina D'Andrea,
Francesca Carallo e Ornella Durini e promosso dall'Associazione
Esaltamente in collaborazione con la Provincia di Lecce.

Intervengono: Aurelio Gianfreda - Assessore alla cultura della
Provincia di Lecce, Andrea Montinari - Presidente Vestas Hotel, Marco
Petroni – critico di design e architettura La Repubblica Bari,
Adalgisa Romano Francesca Carallo Ornella Durini e Valentina D'Andrea
- designer

Il progetto espositivo sarà presentato in anteprima a Roma il prossimo
18 dicembre in occasione della rassegna internazionale di design ROMA
d+ e tornerà a Galatina (Le) ospite dell'evento RO(O)M-modi di
ospitalità alternativi che si svolgerà il 28 dicembre presso la sede
dell'azienda Kubico, promotrice dell'evento con la partecipazione dei
vjing performer Wanginc e Basmati.

Prima tappa di un percorso associativo e progettuale tutto al
femminile, l'idea ruota attorno ad una riflessione sul tema/titolo
dell'intimità nomade. L'equazione tra casa e viaggio, tra provvisorio
e stanziale consente all'energia femminile di liberarsi nelle sue
qualità più fertili.
Frutto degli scambi tra le designer, il progetto documenta materiali,
forme attraverso cui è possibile riconoscere tracce di un sentire
comune che si muove alla ricerca di nuove strategie di proposta dei
propri lavori. Attraverso il ridisegno e il riutilizzo di materiali
legati all'artigianato salentino come la cartapesta, la pietra
leccese, le tecniche di decorazione e ricamo dei tessuti, le
progettiste si impegnano a creare e inventare modalità capaci di
rinnovare la nota tradizione del fatto a mano.
Come il cyberspazio è uno spazio reale composto da innumerevoli siti
web, così il viaggio nel design salentino proposto dalle quattro
protagoniste si compone di elementi che agevolano l'esplorazione e la
formazione di legami affettivi e creativi. Il sito mobile di questo
viaggio è una casa in pvc trasparente, uno spazio privato immaginato
come luogo da attraversare, da navigare curiosando come se visitassimo
un sito internet. Operando con questa modalità, le designer propongono
una strada possibile per proficui e fertili travasi nel tormentato
rapporto tra tradizione e innovazione.

FERNANDO <laboratoriotracce@libero.it>

martedì 23 dicembre 2008

Milano Mostre 2008: omaggio a milionesimo visitatore


MOSTRE 2008.
IL SINDACO MORATTI E L'ASSESSORE FINAZZER FLORY CONSEGNANO UN OMAGGIO AL MILIONESIMO VISITATORE.

Milano, 23 dicembre 2008 – Le mostre promosse dal Comune di Milano nel 2008 raggiungono oggi, per la prima volta, un milione di presenze.
Per festeggiare il traguardo raggiunto, alle ore 14.15, al primo piano di Palazzo Reale, il Sindaco Letizia Moratti e l'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory consegneranno un omaggio speciale al milionesimo visitatore.

--
Redazione www.CorrieredelWeb.it

Bologna ospita le Thangka del Tibet

INVITO ALL'INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA

"LE THANGKA DEL TIBET.
ARTE E SPIRITUALITA' DELLA TERRA DELLE NEVI"
e
CERIMONIA DI APERTURA DEL MANDALA DELLA PACE

SABATO 20 DICEMBRE 2008 ORE 18,00
Bologna - Palazzo d'Accursio, Sala d'Ercole -
P.zza Maggiore 6


Culturalia e Kailash Onlus, in collaborazione con il Comune di Bologna, sono lieti di invitarVi all'inaugurazione della mostra a scopo benefico "Le Thangka del Tibet. Arte e Spiritualità della Terra delle Nevi" che si terrà Sabato 20 Dicembre alle ore 18,00 presso Sala d'Ercole, Palazzo d'Accursio.
La mostra proporrà una selezione di trentacinque preziose Thangka del Tibet, dipinti sacri eseguiti su lino e seta, provenienti dal Monastero tibetano di Gaden Jangtse.
All'inaugurazione sarà presente una delegazione di monaci buddisti che, oltre a presentare la collezione di Thangka, inizierà la costruzione di un Mandala della Pace con il tradizionale rito di apertura caratterizzato da canti e danze.
La mostra è l'evento principale della manifestazione benefica dedicata al Tibet, che coinvolge i più importanti enti culturali della città di Bologna fino al 9 Gennaio 2009.



R.S.V.P.
Culturalia
Tel. 051-6569105

lunedì 22 dicembre 2008

Bologna ospita uno spettacolo di danze e canti tipici tibetani

CULTURALIA
in collaborazione con
COOP ADRIATICA
Presenta

Mostra fotografica di Thangka tibetane
22 / 27 Dicembre 2008
Spettacolo di danze e canti tipici tibetani
22 Dicembre 2008 ore 18,00 Sala Eureka
presso IPERCOOP Centro Lame - Via Marcopolo,3 - Bologna



Lunedì 22 Dicembre 2008 alle ore 18,00, in occasione dell'inaugurazione della mostra fotografica di Thangka tibetane, allestita presso la Sala Eureka dell'Ipercoop di Centro Lame fino al 27 Dicembre 2008, una delegazione di monaci buddisti del Monastero di Gaden Jangtse si esibirà in uno spettacolo di danze e canti tipici tibetani.

Questi canti e danze si rifaranno ad una tradizione millenaria e rappresentano una forma di meditazione interiore. Lo scopo della danza è quello di purificare l'ambiente circostante e di guarire gli esseri che lo abitano attraverso una serie di gesti rituali, i mudras. La musica, prodotta con trombe telescopiche, percussioni, cimbali e campanelli, è solitamente accompagnata da preghiere alle diverse divinità.

La mostra fotografica invece presenterà alcune riproduzioni di Thangka tibetane, una delle espressioni artistiche più antiche dei monaci buddisti costituita da composizioni pittoriche di carattere religioso eseguite su lino e seta. Gli originali, provenienti dal monastero buddista di Gaden Jangtse (India), saranno in esposizione a Palazzo d'Accursio - Sala d'Ercole fino al 9 Gennaio 2009.

L'intera iniziativa è a carattere benefico e avrà come scopo la raccolta di fondi da destinare ai profughi tibetani del monastero di Gaden Jangtse, oltre alla diffusione presso il grande pubblico di alcuni degli aspetti più affascinanti dell'arte e della cultura tibetana.


ORGANIZZAZIONE E UFFICIO STAMPA
Culturalia Di Norma Waltmann
info@culturaliart.com www.culturaliart.com

sabato 20 dicembre 2008

materiaMente EX UPIM - Rassegna d'Arte Contemporanea

MateriaMente

In collaborazione con il Comune di Lecce – Assessorato alla Cultura, si apre il 21 dicembre alle 19,30 presso gli ex Magazzini UPIM in via Templari a Lecce la prima Rassegna d'Arte Contemporanea dal titolo "materiaMente".

Si consolida e confluisce così l'impegno del Vice Sindaco e Assessore alla Cultura, Senatrice Adriana Poli Bortone dando il via alla prima rassegna d'arte contemporanea ed al piano di valorizzazione delle identità locali e delle eccellenze in campo artistico.

Una rassegna periodica questa nel cui ambito si svolgerà anche il mese della creatività salentina, kermesse di incontri e mostre organizzati all'interno dell'intera città, con il preciso intento di creare un appuntamento fisso caratteristico e caratterizzante di Lecce città d'arte, tale ormai di nome e di fatto, confluendo nel fiume di eventi alla Biennale del Salento, che si propone di essere un futuro contenitore di idee e artisti locali, nazionali ed internazionali, creando così un connubio di fantasia e creatività, che porterà la città di Lecce ad essere inevitabilmente una delle realtà italiane ed europee più importanti dal punto di vista artistico, ricca del suo patrimonio storico e del forte slancio di vitalità nelle ricerche extra pittoriche tipiche delle avanguardie.

La rassegna del 21 dicembre è stata chiesta e fortemente voluta da Vittorio Tapparini (pittore) e Fernando Perrone (scultore) per nome e per conto di circa altri 25 artisti salentini che vi parteciperanno, ed hanno avuto il ruolo di organizzare e coordinare con grande passione la buona riuscita dell'evento.

L'impegno fisico e lo sforzo titanico, per spirito e dimensione della rassegna, compiuto dagli artisti nel manifestare tutti insieme in un opera pubblica non avendo nessuno di loro un ruolo di governo e non potendo decidere in prima persona la realizzazione del progetto, hanno percorso una strada istituzionale trovando nella Senatrice Adriana Poli Bortone una donna, prima che un politico, che ha dato fiducia alle loro richieste senza rimanere insensibile alla passione di chi vuole riportare la pittura e le grandi sculture in un luogo pubblico, ricco di storia e di ricordi dove ognuno di noi ha vissuto la propria infanzia, dove però gli artisti non toccano mai temi evocativi ma pensano ad un viaggio fuori dal tempo in un epopea senza storia che diventa realtà, epopea della memoria in un'altra dimensione della vita.

MateriaMente il titolo della rassegna, frammenti, volti senza volto, lesioni, abrasioni, cemento e pietra si mischiano a tecniche e materiali antichi, a visioni moderne e futuristiche con ordine e ritmo, raccontando ognuno la propria interiorità, passando da grandi formati a piccole dimensioni, riuscendo tuttavia a definire il proprio racconto con eguale e intensa armonia.

Vittorio Tapparini

Fernando Perrone

Roberto Borelli

Ornella Durini

Adriano D'Ostuni

Angelica Dragone

Mina D'Elia

Mario Catalano

Marina Martucci

Bruno Maggio

Antonio Miglietta

Gemma Palamà

Mario Pellegrino

Antonio Pezzuto

Aldo Muscagiuri

Fabrizia Mangia

Massimo Quarta

Sandro Greco

Monica Righi

Salvatore Sava

Massimo Tamborino

Giovanni Korallo

Emilia Ruggiero

Alessandra Tana

Maria Bellucci

giovedì 18 dicembre 2008

LA FINESTRA SUL MONDO

Terre vicine e terre lontane. Contaminazioni artistiche contemporanee

Inaugurazione: 27 dicembre ore 18:30

La mostra, a cura di Mariangela Maritato e Raffaello Talò, coinvolge 23 artisti contemporanei italiani provenienti da esperienze artistico-culturali diverse. Ognuno a suo modo, partendo dalle singole vicende esistenziali, ha sviluppato, grazie alla ricerca e all'esplorazione costante, poetiche e percorsi artistici singolari caratterizzati dal rapporto privilegiato creato, nel corso del tempo, con ogni tecnica e materiale utilizzato.

Se la ceramica è materia scultorea nelle opere di Margherita Beltrame, di Antonella Gerbi e di Lionello Torriani, diventa invece supporto nella piastra dipinta con pigmenti di Mariangela Meroni. Il legno dell'opera scultorea di Davide Maccari si sposa con il marmo in quella di Matteo Fossati. La matericità del colore e delle tecniche miste è protagonista delle tele di Vittorio Orlando, Raffaello Talò, Alessandro Stucchi, Romano Sala, Luca Frisia e Claudio Elli. Il colore, i segni e le immagini stampate animano i collages di Francesca Crocetti e del co-fondatore del "Movimento Trattista" Marco Fioramanti. La figurazione grafica ed essenziale dell'opera ad olio e smalto di Massimiliano Robino, si confronta con la tela fotografica intrecciata su acrilico di Giancarlo Baraldo e diviene vere e proprie maschere burlesche nei lavori di grafica ed acquarello di Enrico Mason detto Ostelio. La pittura intima e minimale di Tina Parotti viene messa a confronto con le sperimentazioni pittoriche di Rita Bagnoli, Angelo Cesana, Pierantonio Verga e Alessandro Savelli. La ricerca concettuale trova infine forma nelle ampolle in vetro con pesciolini di gomma di Federica Nanni Olcelli.

Il confronto tra le diverse opere vuole creare un dialogo d'ampio respiro tra vari protagonisti del panorama artistico attuale e uno scambio d'esperienze tra le singole realtà regionali e nazionali.

Gli artisti invitati, le cui opere esposte entreranno a far parte della collezione d'arte contemporanea permanente del Museo comunale di Praia Mare (la struttura ospita più di 200 opere), offrono attraverso il proprio stile e le diverse soluzioni formali, prova della capacità di seguire ed interpretare le realtà artistiche contemporanee, non solo italiane ma internazionali. Sono finestre sul mondo, intimo ed esteriore, in parte conosciuto ed esplorato ma tutto ancora da scoprire.

Le contaminazioni vanno dall'arte alla musica e viceversa. La serata di inaugurazione sarà infatti allietata dai brani di chitarra classica eseguiti da Pasquale Perrone, promettente talento diplomato presso il Conservatorio di Potenza "Gesualdo da Venosa" che può vantare nel suo curriculum esibizioni in Italia e all'estero. Perrone proporrà un repertorio di brani di Luigi Rinaldo Legnani, Mario Barbieri ed Angelo Gilardino. L'evento inaugurale avrà un orientamento multisensoriale: oltre agli occhi e all'udito, sarà stuzzicato il palato dei visitatoti con una degustazione di vini e piatti tipici della tradizione locale. L'evento, organizzato dalla Cooperativa Mondocultura Athena, che attualmente gestisce il museo con la Presidente Antonia Palladino e i suoi collaboratori, con il patrocinio del comune di Praia a Mare, vedrà come ospite anche il sindaco Carlo Lomonaco e l'assessore alla Cultura Pietro De Paola.

Rinomato centro dell'alto tirreno cosentino, il turismo di Praia a Mare si basa soprattutto sul settore balneare. La cittadina offre, anche grazie al suo museo, innumerevoli occasioni di arricchimento storico artistico ai migliaia di turisti che ogni anno la scelgono per passare le loro vacanze nello splendido paesaggio che la caratterizza.

MUSEO COMUNALE D'ARTE MODERNA DI PRAIA A MARE

Via Dante Alighieri

87020 Praia a Mare (Cosenza)

Tel 0985. 777020

Patrocinio del Comune di Praia a Mare (Cs)

Orari: Dal lunedì al sabato 9-13 e 16-20. Domenica su richiesta

Ingresso libero

CURATORI: Mariangela Maritato, Raffaello Talò

ARTISTI: Rita Bagnoli, Giancarlo Baraldo, Margherita Beltrame, Angelo Cesana, Francesca Crocetti, Claudio Elli, Marco Fioramanti, Matteo Fossati, Luca Frisia, Antonella Gerbi, Davide Maccari, Enrico Mason, Mariangela Meroni, Federica Nanni Olcelli, Vittorio Orlando, Tina Parotti, Massimiliano Robino, Romano Sala, Alessandro Savelli, Alessandro Stucchi, Pierantonio Verga, Raffaello Talò, Lionello Torriani.

INFO: 0985. 777020

http://www.comune.praia-a-mare.cs.it/default.museo.asp

mondoculturaathena@gmail.com

L'incontro



A cosa serve altra arte?

Qualche anno fa a via del Corso a Roma ho fatto un incontro e la riflessione che n’è scaturita mi pare tutt’oggi più che mai valida, e per questo motivo ve la racconto.
Appena fuori al portone della famosa galleria ero sul punto di incamminarmi quando ho incontrato Emilio Prini. Andava anche lui all’inaugurazione e dopo avermi salutato mi ha fatto immediatamente notare una vetrina nella quale erano accuratamente esposti capi di abbigliamento a suo parere orribili. Effettivamente era così: quel negozio d’abbigliamento per uomo (che si trovava proprio di fianco al portone in questione) esponeva cardigan antiestetici, maglie con fantasie stantie, camicie con colletti improbabili. L’insieme aveva delle tinte improponibili, ed i completi erano di un taglio, né vecchi al punto tale da far tendenza, né tanto meno conformi alla moda più becera. In seguito ho ripensato a quella serata e mi sono reso conto di essere stato più stimolato dalla riflessione nata da quell’incontro davanti all’improbabile vetrina che non dal vernissage. Forse, la vera mostra era proprio lì, accanto a quel portone, ma chissà perché tutti si ostinavano ad oltrepassarlo per poi salire in galleria. E se gli artisti invece di fare solo mostre riflettessero di più sulle cose quotidiane?A che cosa serve produrre altra arte quando ce n’è già tanta? Creare uno stato di pensiero su quello esistente non potrebbe forse essere più utile? Non ditelo a Robert Storr lui di riflessione filosofica, sociologica o politica non è dato sapere quanto ne capisca.
Ma sarà vero? O l’ha detto per evitare le critiche dei così detti "Artisti impegnati", che sono da sempre quelli più rognosi e polemici, e bravi a creare solo problemi?

Pubblicato su "Juliet" n. 134 October - November 2007

In foto; Via del Corso Roma, Emilio Prini, Robert Storr.

Testamenti


Niente di nuovo



"Questo quadro diverrà opera d’arte a tutti gli effetti solo se avallato da Achille Bonito Oliva". Così è scritto su uno dei miei testamenti esposti per la prima volta al MLAC (Museo Laboratorio di Arte Contemporanea) nel maggio 2003. Consapevole di non affermare nulla d’inverosimile o strepitoso, mai avrei pensato a un’immediata e clamorosa conferma come in realtà è avvenuto. Infatti, è ormai noto a tutti che l’opera del giovane artista Rocco Dubbini, che ritrae Achille Bonito Oliva, è stata venduta a Bologna, a ben 50 mila Euro, durante Artefiera 2006. Fatto alquanto imbarazzante, a detta dello stesso Rocco, se si pensa che vi sono fior fior di grandi artisti che certe cifre se le sognano la notte. Subire un balzo di quotazione del genere in poche ore, può far parte del gioco dell’arte e sicuramente non scandalizza più, ma nessuno può impedirci di rifletterci sopra, o forse si? Dice bene Thorsten Kirchhoff "Il quoziente di vendita di un’opera d’arte non misura il quoziente di intelligenza dell’artista", ma forse quello del critico si? Siamo alla solita storia: i critici sono più importanti degli artisti? Lascio a voi le conclusioni.
Invece a chi sostiene che esiste una politica dell’arte e tutto questo ne fa parte, io rispondo che preferisco un’arte della politica. Ed è perciò che in un altro mio testamento affermo: "Questo quadro diverrà opera d’arte a tutti gli effetti solo il giorno in cui Rutelli diverrà calvo Berlusconi povero e Bertinotti Presidente della Repubblica". Visto che Fausto riveste ora la terza carica dello stato, cosa impensabile solo qualche anno fa, visto che Francesco qualche capello lo ha perso, e visto che Silvio mi dicono abbia smarrito il portafogli, oltre che la presidenza del consiglio, alla prossima occasione, consiglierei a voi tutti di fare più attenzione: potreste esserci pure voi in quelle che sono le profezie di Borestamus.



Pubblicato su; "Juliet" n. 135 December 2007 – January 2008




In foto; 2 Testamenti, Achille Bonito Oliva, Fauso Bertinotti, Francesco Rutelli, Silvio Berlusconi.

Dentro e fuori la 52°


Le morti possibili








267 ore 49 minuti e 5 secondi…é questo il tempo impiegato, nell’arco di 5 anni (1999/2007), da circa 250 persone che armate solo di gomma sono riuscite a cancellare pagina dopo pagina un’intera rivista di "Vogue Hommes", e più esattamente quella del Settembre 1986 con Sylvester Stallone in copertina. Sto parlando di "Another Misspent Portrait of Etienne de Silhouette 1999-2007" opera dell’artista australiano Christian Capurro presente alla 52° Biennale di Venezia con questo fantastico progetto di cancellazione di massa. A coloro che hanno partecipato a questa operazione, è stato anche chiesto di scrivere a matita sulla pagina che avevano cancellato il tempo impiegato ed il valore monetario (espresso in tariffa oraria) ricevuto per il periodo di lavoro. Questa spesa ha dato ad ogni pagina un valore simbolico che sommato a tutte le altre, ha stabilito una sorta di valore dell’intera opera.













- Quest’opera bellissima mi ha riportato come in sogno al "Robot industriale Puma" di Max Dean esposto durante la 48° Biennale (quella di Harald Szeemann del 1999). Un’opera interattiva che offriva allo spettatore l’opportunità di determinare il destino di fotografie di famiglia trovate per caso. Queste potevano essere salvate o distrutte per mezzo di un trinciadocumenti e finire su di un nastro trasportatore che poi le depositava sopra ad un mucchio di altre già tagliuzzate. Trovo in ciò un’azione di pura poesia che grida "Non si può salvare tutto". Infatti, le scelte a cui siamo chiamati nella vita quotidiana sono continue, e vanno da decisioni insignificanti a giudizi di maggior peso. A quale punto una persona a causa di un flusso di sopravvivenza emotiva si spegne ed a quale si accende? Capurro cancella atti pubblici nel tentativo di distruggere memorie collettive? Dean distrugge atti privati nel tentativo di cancellare memorie individuali? -














Risvegliandomi mi ritrovo purtroppo alla biennale dei giorni nostri felice di aver finalmente trovato qualcuno di cui parlare dopo tante cose inutili. Riacquisto fiducia, ma immediatamente nasce in me il timore che Christian potesse essere l’unico. Ho quindi dovuto farmi forza parafrasandomi colui che disse:"…ma io sto cercando ancora qualcuno più straordinario di te!…"
Se siete curiosi di sapere come andrà a finire dovete solo trovare la forza di continuare a leggermi, nel bene e nel male. E quando uno è bravo, buono, sincero ed intellettualmente onesto come me non deve mai aspettare molto perché le proprie paure scompaiano. Difatti giusto lì di fronte si trovava l’americana Christine Hill con i suoi bauli contenenti lavori e vite intere, trasportabili. Oggetti della vita di ogni giorno: abiti, libri, articoli per l'ufficio e per la casa... kit pronti all'uso. Hill sostiene che la propria vita "normale" è un’opera d’arte. Lei ha dichiarato che agli esordi si definiva "prostituta dell’arte", ma questo kit tra tutti quelli in mostra non l’ho visto, o forse si?





Il resto della Biennale è morte in tutte le salse, senza trovare quello che avreste voluto sapere sulla morte, perché l’arte non produce risposte ma solo domande. Domande, continue domande alle quali qualcuno dovrà pur dare delle risposte, o perlomeno tentare. Noi artisti ce ne laviamo le mani sempre troppo facilmente con la formuletta "L’arte non risolve! ma pone solo nuovi e continui interrogativi".











Ed allora ecco a voi, in mille vesti diverse, le tante morti possibili presenti quest'anno a Venezia:
La morte contata, "15 muertos, 1200 muertos, nueve muertos, 59.000 muertos, 500.000 muertos, 700 muertos, seis muertos, 20.000 muertos, 220.000 muertos, 187 muertos, 97 muertos, 100.000 muertos….." Questi e molti altri i ritagli di giornale di Ignasi Aballì artista spagnolo che ci ricorda così le stragi e le tragedie avvenute in tutto il mondo. Numeri tristi, ben ordinati ed in fila, che raccontano quanto la nostra esistenza sia determinata da coordinate random.
La morte annunciata, o meglio pronunciata in tutte le lingue da tante persone di nazionalità diversa. Opera del cinese Yang Zhenzhong.
La morte ricamata, con gli scheletri finemente ornati ed incorniciati di Angelo Filomeno.
La morte palleggiata, opera video di Paolo Canevari dove si vede tra le rovine di Belgrado un ragazzino che si allena usando un cranio umano al posto del pallone.
La morte della madre, opera dell’artista francese Sophie Calle. Anche lei fa della sua vita privata una forma d’arte che trasforma in video, fotografia, linguaggio, installazione e cinema. Si è scelta da sola il proprio curatore per il padiglione francese nella figura del noto artista Daniel Buren, vivo.








La morte nascosta, quella apparentemente assente tra le rovine di Beirut nelle foto di Gabriele Basilico.

La morte dei morti, ritratta nei disegni come tanti santini, appesi al muro, delle vittime americane in Iraq da Emile Price.
La morte pesata, di Felix Gonzalez Torres. Artista morto ma presente alla biennale nel Padiglione USA con varie opere tra cui quella di un mucchio di caramelle sul pavimento corrispondente al peso di una persona ammalata mortalmente.
La morte fotografata, scatti quasi rubati di Jan Christiaan Braun eseguiti in un cimitero dove le lapidi sono state ornate con oggetti significativi per sigillare e confezionare così il ricordo prezioso di una persona cara. Particolarmente toccante quella con un seggiolino auto per bimbo.
La morte dipinta, quella ormai nota dei teschi di Enzo Cucchi che espone al Museo Correr.
La morte in simboli, quella presentata da Damien Hirst, a cura di Valerio Dehò alla Galleria Michela Rizzo con il titolo "New Religion" dove affronta ancora una volta il tema del rapporto "vita-morte" attraverso una serie di simboli ricorrenti quali croci, teschi, calici. Hirst è l’esponente più conosciuto della Young British Art insieme a Tracy Emin anche lei presente a Venezia (nel padiglione della Gran Bretagna) con la sua ciccia baffetta sempre all’aria, sarà vulvostrofobica?
La morte in chiesa, quella di San Gallo scelta come palcoscenico ideale per la bella istallazione di Bill Viola che inaugura personalmente leggendo lui stesso ad alta voce una poesia del poeta senegalese Birago Diop. Versi che raccontano della condizione dei morti, figure che in realtà non ci abbandonano mai. Tutti i lavori di Viola trattano in qualche modo la contrapposizione vita/morte e mai dimenticherò finchè vivo il suo stupendo e magnifico video dove accosta una giovane madre, che mette al mondo un bambino e una vecchia signora prossima alla morte.
La morte bugiarda, sotto forma di un teschio di Pinocchio riprodotto in ceramica da Bertozzi & Casoni ed esposto a Ca’ Pesaro.
La morte stecchita, come quella dei gatti di Jan Fabre nella sua personale a palazzo Benzon. Mostra ultra elegante, extra lussuosa e super confezionata come pure quella di Asi Da Samraj intitolata "Realismo trascendentale" curate rispettivamente da Giacinto di Pietrantonio e Achille Bonito Oliva che hanno destato in me un paio di lancinati interrogativi: "Ma quanto saranno costate? Chi avrà pagato?"
La morte ovunque, visibile nell’esposizione ben allestita a Palazzo Fortuny denominata "Artempo". Questa si, che merita di essere visitata.
La morte finta, quella di Cattelan in "Who killed Cattelan?" opera/operazione, fuori biennale pubblicizzata ovunque per Venezia anche con adesivi (ed io me ne intento…) del pittore David Dalla Venezia, che ha realizzato una versione del tema del David e Golia sul modello del omonimo dipinto di Caravaggio. Il David ha le sembianze dell’autore, mentre la testa di Golia è quella del noto artista contemporaneo Maurizio Cattelan.











La morte vera, quella misteriosa del commissario del padiglione Messicano Príamo Lozada, morto il 13 giugno in un ospedale di Venezia, a causa delle ferite riportate in un incidente accaduto il 28 maggio in circostanze ancora tutte da chiarire. Aveva forse previsto tutto Bernhard Cella? che sostava all’entrata dei giardini in una tenda con su la scritta "What does the artists do after the death of the curator?". Preveggenza, fatalità od opportunismo di cattivo gusto?
La morte inscenata, quella realizzata da Marko Mäetamm per il padiglione dell’Estonia con un piacevole video se pur inquietante. Mäetamm viene definito nel bel teso del curatore Mika Hannula "l’artista più ingenuo del mondo". Un artista che sta attraversando un momento di grande difficoltà, che ha paura di fallire, che si sente smarrito e solo. Quest’opera dove inscena la strage della sua famiglia è solo la storia di un’altra bugia. Ma quale? Quella di colui che è atteso nel paradiso dei perdenti? Marko dichiara di sentirsi impotente e di non sapere cosa fare. Si sente inutile per il sistema. Si sente un assassino ma non lo è, perché lui è un artista e pure di quelli bravi, sostengo io. Con il suo operato sembra voglia dirci che non bisogna sempre prendere tutto troppo sul serio in quanto avvolte conviene celebrare un fallimento non per fallire di più o fallire meglio, ma perché umiliarsi pubblicamente può servire per seguire un progetto di speranza contro la demagogia dominante. Poiché proprio come dice Mika "C’è sempre una scelta, c’è sempre un’alternativa. C’è sempre una speranza e qualcuno a cui raccontarsi per sentirsi un po’ meno soli e smarriti".









Tra le partecipazioni nazionali particolarmente interessante quella dell’Irlanda con il progetto "1984 and Beyond". L’artista Gerard Byrne ha realizzato un film come ricostruzione ragionata di una discussione fra dodici eminenti scrittori di romanzi di fantascienza, realmente avvenuta nel 1963. Questo lavoro che conduce ad interessanti collegamenti fra diversi periodi storici, mostra anche come il passato immaginava il futuro. Probabilmente non casuale la data scelta da Byrne! che ci rimanda immediatamente al famoso libro di George Orwell"1984". Be careful Gerard!... "The big brother watching you". Altri padiglioni degni di nota oltre quello dell’Irlanda ed Estonia sono quello Spagnolo da molti anni sempre tra i migliori, con 4 artisti invitati (J. L. Guerin, M. Filarino, L. Torreznos e R. R. Balsa). Quello della Romania con il suo progetto "Low-Budget Monuments". Divertenti quello Scandinavo e quello del Giappone. Buona la prova della Corea con gli scheletri dei personaggi dei fumetti di Lee Hyung-Koo, ed autori anche del miglior buffé d’inaugurazione, che dopo una faticosa giornata ci ha fatto esclamare a me ed a my lovely family (mia moglie e mia figlia "Soele") "Che Dio benedica i coreani". Un non classificato al padiglione della Germania da un po’ di anni sempre più simile ad un ufficio postale a causa delle sue lunghe code, questa volta passo.
Il povero Padiglione Venezia è destinato a non ospitare mai niente di decente visto che tra premi farsa ed omaggi inesistenti (quest’anno di Emilo Vedova non c’era neanche la puzza) si entra e si esce dall’altra parte con le stesse emozioni che si provano passando sotto un cavalcavia. E non voglio credere che la colpa sia dei 3 curatori (A.Vettese, C. Bertola, L.M. Barbero). La prossima volta propongo di affittarlo all’India che in un primo momento doveva essere presente alla Biennale, per la prima volta, con un loro padiglione, ma qualcosa è andato storto.











E finalmente ecco la novità; Il Padiglione Italia che torna ai suoi vecchi fasti. No! Non parlo di quello dei Giardini utilizzato per una scialba fiera d’arte, o almeno tale sembrava. Ma quello nuovo di zecca delle Tese frutto degli sforzi intrapresi sopratutto da Pio Baldi ed affidato alla cura di Ida Giannelli che chiama a se G. Penone, e vabbè! E ancora una volta F. Vezzoli che durante un’intervista l’ho sentito preoccuparsi del fatto che probabilmente non sarà invitato fra 2 anni visto che questa è solo la terza volta di seguito che lo fanno. Ma io se fossi in lui non dispererei visto che in Italia non si pratica il buon senso, ma piuttosto la regola del dispetto. "Nessuno lo vuole?!...a nessuno piace?!.. e io lo richiamo" Per cui io propongo "Vezzoli for ever". In realtà non è lui, che ci vuole stupire a tutti costi con i suoi lavori, come qualcuno ha detto, ma sono i curatori che continueranno ad invitarlo alla faccia di tutti gli altri. Quali altri? Volete i nomi? E io ve li faccio, Pietroiusti, Viel, Vitone, Vaglieri, Fantin, Tozzi, Norese, Umbaca, Marisaldi, Mezzaqui, Falci, Fontana, Modica, Losi, Di Bello, Mocellin, Pellegrini, Arienti. Che se fossero stati invitati anche tutti insieme avremmo probabilmente speso di meno, visto opere sicuramente più interessanti, e mostrato al caro Charles Saatchi ed al mondo intero che gli artisti italiani esistono e sono bravi almeno quanto i loro. Così si aiuta e si promuove l’arte italiana.
Ah dimenticavo di informarvi che il curatore unico di questa 52° Biennale di Venezia è stato per la prima volta un americano; "Robert Storr", ma forse non era importante.




Pubblicato su; "Orizzonti" n. 21 Novembre – Febbraio 2008



In foto Opere di; C.Capurro, M. Dean, C. Hill, I. Aballi, G. Basilico, B.Cella, G. Byrne e F. Vezzoli intervistato.

LA FINESTRA SUL MONDO Terre Vicine Terre Lontane..Contaminazioni Artistiche Contemporanee

MUSEO COMUNALE DI PRAIA A MARE

via Dante Alighieri, PRAIA A MARE (Cosenza)

Inaugurazione: 27 dicembre ore 19:00

La mostra, a cura di Mariangela Maritato e Raffaello Talò, coinvolge 23 artisti contemporanei italiani provenienti da esperienze artistico-culturali diverse. Ognuno a suo modo, partendo dalle singole vicende esistenziali, ha sviluppato, grazie alla ricerca e all'esplorazione costante, poetiche e percorsi artistici singolari caratterizzati dal rapporto privilegiato creato, nel corso del tempo, con ogni tecnica e materiale utilizzato.

Se la ceramica è materia scultorea nelle opere di Margherita Beltrame, di Antonella Gerbi e di Lionello Torriani, diventa invece supporto nella piastra dipinta con pigmenti di Mariangela Meroni.

Il legno dell'opera scultorea di Davide Maccari si sposa con in marmo in quella di Matteo Fossati.

La matericità del colore e delle tecniche miste è protagonista delle tele di Vittorio Orlando, Raffaello Talò, Alessandro Stucchi, Romano Sala, Luca Frisia e Claudio Elli.

Il colore, i segni e le immagini stampate animano i collages di Francesca Crocetti e del fondatore del "Movimento Trattista" Marco Fioramanti.

La figurazione grafica ed essenziale dell'opera ad olio e smalto di Massimiliano Robino, si confronta con la tecnica mista di Giancarlo Baraldo e diviene vere e proprie maschere burlesche nei lavori di grafica ed acquarello di Enrico Mason detto Ostelio.

La pittura intima e minimale di Tina Parotti viene messa a confronto con le sperimentazioni pittoriche di Rita Bagnoli, Angelo Cesana, Pierantonio Verga e Alessandro Savelli. La ricerca concettuale trova infine forma nelle ampolle in vetro con pesciolini di gomma di Federica Nanni Olcelli.

Il confronto tra le diverse opere vuole creare un dialogo d'ampio respiro tra vari protagonisti del panorama artistico attuale e uno scambio d'esperienze tra le singole realtà regionali e nazionali.

Gli artisti invitati, le cui opere esposte entreranno a far parte della collezione d'arte contemporanea permanente del Museo comunale di Praia Mare (la struttura ospita più di 200 opere), offrono attraverso il proprio stile e le diverse soluzioni formali, prova della capacità di seguire ed interpretare le realtà artistiche contemporanee, non solo italiane ma internazionali. Sono finestre sul mondo, intimo ed esteriore, in parte conosciuto ed esplorato ma tutto ancora da scoprire.

Le contaminazioni vanno dall'arte alla musica e viceversa. La serata di inaugurazione sarà infatti allietata dai brani di chitarra classica eseguiti da Pasquale Perrone, promettente talento diplomato presso il Conservatorio di Potenza "Gesualdo da Venosa" che può vantare nel suo curriculum esibizioni in Italia e all'estero. Perrone proporrà un repertorio di brani di Luigi Rinaldo Legnani, Mario Barbieri ed Angelo Gilardino. L'evento inaugurale avrà un orientamento multisensoriale: oltre agli occhi e all'udito, sarà stuzzicato il palato dei visitatoti con una degustazione di vini e piatti tipici della tradizione locale. L'evento, organizzato dalla responsabile del museo Antonella Palladino con il patrocinio del comune di Praia a Mare, vedrà come ospite anche il sindaco Carlo Lomonaco e l'assessore alla Cultura Pietro Di Paola.

Rinomato centro dell'alto tirreno cosentino, il turismo di Praia a Mare si basa soprattutto sul settore balneare. La cittadina offre, anche grazie al suo museo, innumerevoli occasioni di arricchimento storico artistico ai migliaia di turisti che ogni anno la scelgono per passare le loro vacanze nello splendido paesaggio che la caratterizza.

Patrocinio del Comune di Praia a Mare (Cs)

Orari: Dal lunedì al sabato 9-13 e 16-20. Domenica su richiesta

Ingresso libero

CURATORI: Mariangela Maritato, Raffaello Talò

ARTISTI: Rita Bagnoli, Giancarlo Baraldo, Margherita Beltrame, Angelo Cesana, Francesca Crocetti, Claudio Elli, Marco Fioramanti, Matteo Fossati, Luca Frisia, Antonella Gerbi, Davide Maccari, Enrico Mason, Mariangela Meroni, Federica Nanni Olcelli, Vittorio Orlando, Tina Parotti, Massimiliano Robino, Romano Sala, Alessandro Savelli, Alessandro Stucchi, Pierantonio Verga, Raffaello Talò, Lionello Torriani.

INFO: 0985. 777020

http://www.comune.praia-a-mare.cs.it/default.museo.asp

mondoculturaathena@gmail.com

mercoledì 17 dicembre 2008

IMPERMANENZA ISTALLAZIONE AUDIO-VIDEO MONASTERI BUDDHISTI

Impermanenza
Installazione audio-video sui monasteri buddisti del Ladahk
a cura di Piccolo Formato
Venerdì 19 Dicembre 2008, ore 17,00
Istituto Storico Parri Emilia Romagna -Via Sant'Isaia, 20 - Bologna

Venerdì 19 Dicembre 2008 alle ore 17,00 presso l'Istituto Storico Parri si terrà l'inaugurazione di "Impermanenza", mostra a cura dell'Associazione Fotografica Piccolo Formato nell'ambito della manifestazione culturale "Le Thangka del Tibet. Arte e Spiritualità della Terra delle Nevi".La mostra, ideata da Matteo Montanari, Valentina Cataldo e Giuseppe Panebianco, nasce con l'intento di ricreare l'atmosfera ed evocare le suggestioni vissute dagli autori durante il viaggio fra gli antichi monasteri buddisti del Ladakh. Il risultato è un'installazione luminosa e audiovisiva composta da lumen box fotografici e da un video proiettato in loop. In sostanza, alcune fotografie, riprese su pellicola in bianco e nero, sono state montate su scatole luminose, la cui luce fluorescente retroillumina le immagini accendendosi e spegnendosi ciclicamente in modo graduale. I lumen box che ritraggono i monaci e i gesti rituali, punteggiano la sala espositiva attorno al box principale: un'immagine del Buddha coperto dai cerchi concentrici di una goccia d'acqua che cade dal soffitto. L'entrata al tempio luminoso così ricreato, avviene trapassando fisicamente un video ciclico, composto da brevi riprese sature di colore e un tappeto di note e voci in preghiera, che accompagnano il visitatore durante il passaggio. Le immagini e le registrazioni sonore utilizzate per questa installazione sono state effettuate dagli autori nell'estate del 2005 e si riferiscono ai monasteri buddisti di Thiksey, Lamayuru, Hemis e Chemden in Ladakh. Il Ladakh è una piccola regione dell'India situata sulla catena himalayana i cui abitanti sono in maggioranza di etnia tibetana e di religione buddista; il paesaggio è caratterizzato da verdi vallate ed impetuosi torrenti che danno discontinuità ad un paesaggio brullo e aspro, dall'aspetto lunare. Incastonati tra le valli o isolati su vette impervie, secolari monasteri buddisti proteggono e custodiscono tradizioni millenarie, fatte di riti e di canti, di sacre pergamene e preziose opere d'arte. Tutti e tre gli autori della mostra fanno parte di Piccolo Formato, un'associazione culturale non profit che si occupa principalmente di fotografia e arti visive. La sede di Piccolo Formato, in via Marsala 20/a a Bologna, è al contempo un luogo di attività didattica fotografica e di creazione e fruizione artistica. Da quando è stata creata, nel 1999, l'associazione offre ogni anno corsi e workshop di diverso livello, incentrati soprattutto sulle potenzialità creative e artistiche del bianco e nero, disponendo di una camera oscura professionale e di una piccola biblioteca di fotografia. Piccolo Formato è anche sede annualmente di numerose esposizioni ed eventi artistici frutto, per lo più, di lavori di gruppo o individuali scaturiti all'interno dell'associazione. La mostra "Impermanenza" resterà aperta al pubblico fino al 9 Gennaio 2009. L'ingresso è gratuito con appositi punti di libera offerta a favore del Monastero di Gaden Jangtse, una della maggiori comunità tibetane in esilio.

IMPERMANENZA
Fotografie, video e lumen box: Matteo MontanariAudio, fotografie e video: Valentina Cataldo
Montaggio, supporto tecnico: Giuseppe Panebianco

INFORMAZIONI PER IL PUBLICO: 051-3397211

ORGANIZZAZIONE E UFFICIO STAMPA
Culturalia Di Norma Waltmanninfo@culturaliart.com www.culturaliart.com

A BOLOGNA GIORNATA DI CONFERENZE SUL TIBET

Giornata di Conferenze dedicate al Tibet
Mercoledì 17 Dicembre 2008
Palazzo Malvezzi - Sede della Provincia di Bologna- Via Zamboni, 13 - Bologna


Mercoledì 17 Dicembre 2008, nell'ambito della manifestazione culturale e benefica "Le Thangka del Tibet. Arte e Spiritualità della Terra delle Nevi", si terrà presso Palazzo Malvezzi, sede della Provincia di Bologna, una Giornata di Conferenze dedicate al Tibet e al popolo tibetano.
Il programma avrà inizio nella mattinata con due seminari sull'arte tibetana e la religione buddista, appositamente ideati come introduzione alla mostra di Thangka tibetane allestita a Palazzo d'Accursio dal 20 Dicembre 2008 al 9 Gennaio 2009.
Alle ore 10.30, il Prof. Giorgio Renato Franci, Direttore del Dipartimento di Studi Linguistici e Orientali dell'Università di Bologna, proporrà il seminario "Dal Buddha ai Lama, dall'India al Tibet", in cui ricostruirà sinteticamente le tappe di evoluzione storica del buddismo, sottolineando con particolare attenzione i caratteri e le peculiarità che lo contraddistinguono fin dalle origini.
Inoltre verranno indicate nelle loro linee principali le forme e i motivi della diffusione del buddismo in Tibet e Asia Centrale.
Alle ore 11,30 seguirà "La tradizione artistica tibetana, con particolare riferimento alle Thangka", seminario tenuto dalla Dott.ssa Chiara Bellini, dottoranda Storia dell'Arte del Tibet e dell'Asia Centrale dell'Università di Bologna.
Verranno qui illustrati i caratteri generali dell'arte tibetana, gli aspetti iconologici ed iconometrici della pittura sacra tibetana e i tratti peculiari delle Thangka, composizioni di carattere religioso dipinte o ricamate su lino e seta.
Il pomeriggio sarà invece dedicato agli aspetti d'attualità politica, sociale e civile della "questione tibetana".
Per l'occasione le maggiori organizzazioni nazionali interessate e coinvolte in questo delicato tema hanno accettato di esporre le proprie opinioni, di suggerire nuove prospettive e soprattutto di confrontarsi in un dibattito a porte aperte.
A partire dalle ore 14,30 si alterneranno: Paolo Lazzarini per Amnesty International, famosa organizzazione non governativa che da quasi cinquant'anni si batte per la tutela dei diritti umani in tutto il mondo; Claudio Cardelli per Italia Tibet, associazione indipendente senza scopo di lucro che si propone di sostenere il lavoro del Dalai Lama e del suo governo in esilio affinché al popolo tibetano venga riconosciuto il diritto di autodeterminazione e le fondamentali libertà civili; Ivano Colombo per l'Unione Buddisti Italiani, ente religioso che riunisce e coordina i principali centri buddisti italiani allo scopo di diffondere gli insegnamenti del Buddha secondo le varie tradizioni, stabilire relazioni ufficiali con lo Stato italiano e tutelare i diritti dei praticanti, siano essi cittadini italiani o stranieri; infine Sangpo Tenzin per la Comunità Tibetana in Italia Onlus, associazione che riunisce i tibetani residenti in Italia proponendosi di educare e far conoscere ai giovani tibetani la loro lingua e cultura d'origine, di sostenere i tibetani rifugiati in India e di promuovere il messaggio d'amore del Dalai Lama.Moderatore dell'incontro sarà Emilio Lonardo, Consigliere comunale di Bologna e promotore del conferimento della cittadinanza onoraria al Dalai Lama.
Le conferenze saranno rigorosamente ad ingresso gratuito con appositi punti di libera offerta a favore del Monastero di Gaden Jangtse, una della maggiori comunità tibetane in esilio.

INFO e UFFICIO STAMPA Culturalia Di Norma Waltmann info@culturaliart.com www.culturaliart.com

martedì 16 dicembre 2008

PuzzlePoint: ART EXPO E XMAS SHOP



ART EXPO E XMAS SHOP AL PUZZLE POINT

DAL 18 DICEMBRE AL 14 GENNAIO 2008

Giovedì 18 dicembre, presso il Puzzle Point di Via Orseolo 7, proseguono gli
appuntamenti legati all'arte, alla musica e alla cultura del progetto Puzzle4Peace.
A partire dalle ore 18, salutando gli artisti Duty Gorn e Once della precedente esposizione
Fusion che ha dato il via al ricco calendario degli eventi dell'Art Center di Zona Tortona,
numerosi artisti del Grande Puzzle per la Pace, tra cui No Curves, Fabrizio Dusi, Carlo
Dulla, Silvia Spinetta, il giapponese Motohiro Kato, in arte MOT8, ed altri ancora in
collaborazione con il progetto Lomografica, esporranno le opere realizzate sulle maxi
tessere del puzzle. Puzzle Collective n°1, una collettiva di artisti uniti nel rispetto per
l'ambiente e nel sentimento della solidarietà, valori che il Puzzle4Peace porta in grembo
da più di un anno ed esprime attraverso l'arte, il design e la creatività.
E con il Natale alle porte, non poteva mancare la vendita di simpatici oggetti puzzle e
magliette prodotte in serie limitata. Elementi di design eco-sostenibile, lampade,
tavolini, tappeti ed altro ancora rigorosamente a forma di puzzle per mettere sotto l'albero
un regalo che diventa un gesto di rispetto per l'uomo e per l'ambiente.
Mostra: Puzzle Collective n°1
Curatore e Art Director: Giuseppe Iavicoli aKa Beppe TRX
Sede: Puzzle Point, Via Orseolo 7, Milano
Periodo: dal 18 dicembre al 14 gennaio 2008
Orari: dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, dal lunedì al venerdì
Ingresso: libero
Inaugurazione: 18 dicembre 2008 ore 18
Puzzle for Peace è la più grande opera d'arte e creatività pluri-partecipata al mondo, che
contamina gli spazi con tessere di puzzle disegnate e lavorate dalla popolazione, dalle scuole, dai
designer e dagli artisti, per promuovere una cultura della pace che passi attraverso l'incontro,
l'unione di intenti, la partecipazione sociale responsabile e la sostenibilità ambientale.
www.puzzle4guinness.com
Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa P4P: Nunzia Vallozzi Tel. e fax 02 42297552; Cell. 3472969334
nunzia.vallozzi@enjoymore.it

PUZZLE4PEACE PROJECT
THE PUZZLE FOR GUINNESS
Un progetto internazionale…
Può la tessera di un puzzle diffondere i valori di pace e sostenibilità? Sì, se a farlo
sono maxi tessere (50x50cm) realizzate in materiali riciclati, naturali o riciclabili che
divengono oggetti per il progetto Puzzle4Peace. Una sfida ambiziosa,
pluripartecipata e grandiosamente creativa che dal 2007 si esprime contaminando
spazi, piazze, monumenti, strade, parchi e giardini di tutto il mondo con tasselli di
puzzle, dipinti, firmati e "performati" da artisti, bambini, famiglie, aziende, scuole ed
istituzioni. Un gioco semplice ed antico, come quello del puzzle, che diventa un
simbolo, un linguaggio, un immediato strumento di comunicazione attraverso il quale
avvicinare i cittadini del mondo al tema della pace, intesa come convivenza rispettosa
degli altri e dell'ambiente.
Puzzle4Peace è un progetto di SCART-I Solidarity and Creativity Art–Italia
Cooperativa Sociale ONLUS, la quale supporta il terzo settore coinvolgendolo nei
molteplici eventi e sostenendolo economicamente attraverso l'apertura presso una
banca etica di linee di microcredito a favore della cooperazione internazionale, della
mediazione culturale, della sostenibilità ambientale e della promozione artistica. Un
grande esempio della versatilità della materia riciclata e del potenziale di un
comportamento sostenibile, applicati alla creatività, all'arte ed al design e in varie
occasioni da qui al 2015 per l'Expo, saranno allestite aste di beneficenza, in cui
verranno battute le opere riprodotte sulle tessere della pace.
Il progetto nasce nel 1999, quando il designer Gianluigi Ruju intuisce che anche un
gioco semplice ed antico come quello del puzzle può diventare un simbolo di un
linguaggio ed uno strumento immediato di comunicazione attraverso i quali avvicinare
il grande pubblico ai temi della solidarietà e della sostenibilità.
Nel 2005, dall'incastro tra la genialità di Ruju e la creatività dell'Art Director Giuseppe
Iavicoli in arte Beppe TRX, il progetto prende forma e vengono disegnati i primi
elementi che comporranno Puzzle4Peace Project.
Nel tempo altri partecipano e danno il loro apporto Giulio Braga, consulente in
comunicazione, e Germano Gemini, progettista di C.S.R.
Puzzle4Peace ogni giorno si arricchisce e si definisce nei suoi dettagli. La tessera del
puzzle diviene un pixel con cui comporre disegni, una superficie per interventi artistici,
un palcoscenico per performance ed esibizioni live. E, soprattutto, veri e propri oggetti
di design eco-sostenibile, P.O.P. (Pieces of Peace), nati dalla collaborazione, in
continua evoluzione e ricerca, tra i designer del progetto e le aziende partner. Tavoli,
lampade, pareti divisorie, sedute e tappeti tutti rigorosamente a forma di puzzle e
realizzati con materiali compatibili con l'ambiente: dai più tradizionali, come plastica,
legno, cartone ed alluminio, a quelli appartenenti alle nuove frontiere del recupero di
pneumatici e vetroresina. In questo modo, si valorizzano materiali considerati di
scarto, si re-inventano oggetti e si promuove la cultura del recupero e del riutilizzo dei
rifiuti, incentivando la raccolta differenziata degli stessi. Un ottimo esempio di come
l'arte e la creatività possano unirsi ad una produzione industriale eco-sostenibile e
socialmente responsabile.,
Puzzle4Peace dà voce alle tematiche sociali e lo fa attraverso un design tutto
italiano, quasi a voler dimostrare che i designer non devono solo rispondere ad
esigenze industriali specifiche, ma possono anche agire autonomamente per
sostenere la propria capacità di creare l'inusuale e l'eccentrico, sia come prodotto che
come impresa, servizio ed informazione.
Puzzle4Peace favorisce l'arte nelle sue manifestazioni più innovative e sperimentali
ed il suo potenziale di patrimonio sociale, e lo fa attraverso eventi festosi e di
intrattenimento in cui artisti provenienti da ambienti e stili differenti sono chiamati a
dare sfogo alla propria creatività sui tasselli del puzzle, dipingendoli come fossero tele
di un pittore. Per meravigliare attraverso l'arte e stupire attraverso una pace da
Guinness dei Primati: le migliaia di tessere che lo compongono aumenteranno di
evento in evento e si incastreranno continuamente negli spazi, le strade, le piazze, i
monumenti, i quartieri ed i parchi di tutto il mondo, in abbracci sempre più ampi e
sempre oltre i precedenti World Records.
Contaminando pacificamente ed allegramente il mondo con molte di queste tessere
di puzzle, si porteranno "pezzi di pace" ovunque, per promuovere la solidarietà e la
sostenibilità ambientale attraverso l'arte ed il design. Per creare aggregazione e
condivisione di intenti, unendo persone, energie e risorse. Per creare un puzzle non
solo simbolico, ma anche fisico. Un immenso progetto collettivo in cui ognuno, come
in ogni puzzle che si rispetti, possa contribuire con il proprio pezzettino.
Grazie a tutti…
Il team di Puzzle4Peace Project
SCART-I ONLUS Solidarity and Creativity Arts- Italy
Cooperativa Sociale


info@puzzle4peace.com
info@puzzle4guinness.com
Scart-I Solidarity and Creativity Arts - Italy
Cooperativa Sociale ONLUS
Puzzle4Peace
Puzzle4Guinness

lunedì 15 dicembre 2008

LUШIÉRΞ - III EDIZ. FESTIVAL DI VIDEO ARTE E CULTURE DIGITALI A LECCE



Primo PianoLivinGallery

Viale G. Marconi 4 Lecce

tel/fax: 0832.30 40 14

www.primopianogallery.com


LUMIERE

Video & Digital Cultures III° Edition 2008

20 – 24 Dicembre 2008

In mostra i video artisti americani : Grimanesa Amoros, Floria Sigismondi, Marcelo Fica (Usa), la finlandese Ines Reingold-Tali, la polacco-francese Gabriela Morawetz, il tedesco Thorsten Fleisch, l'austriaco Hermann Nitsch, la giapponese Kimiko Yoshida e gli italiani Carlo Bernardini, Elisa Cella, Angelo De Francisco, Silvia De Gennaro, Alberto Magrin. In contemporanea sarà presentato il video Twins 32 (Ipercoop Budweiser)del pugliese Gianluca Russo presentato dalla galleria a Barcellona presso il CCCB per la 9° edizione di video arte al Centro d'Arte Contemporanea in Spagna (Bac!08 Festival).

INAUGURAZIONE sabato 20 dicembre ore 20:30

DATE: 20-24 dicembre 2008

GIORNI & ORARI: tutti i giorni dalle ore 16:00 alle ore 20,00

Ingresso libero.

SEDE GALLERIA D'ARTE CONTEMPORANEA

Primo Piano LivinGallery

Arte Contemporanea

Viale G. Marconi 4 Lecce, 73100

Tel/fax:0832 304014

www.primopianogallery.com
http://www.bacfestival.com/2008/index.html

Google
 

Ultime dai news-blog del CorrieredelWeb.it

Lettori fissi

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI